Skip to content

Moravia saggista in articoli noti o sconosciuti: 1927-1945

Moravia su Gli Indifferenti e la critica italiana contemporanea

Moravia espone per la prima volta le sue teorie in merito alla questione della critica letteraria in Italia nel 1931 sul quotidiano romano “Lavoro Fascista”; sulle sue pagine lo scrittore aveva ripubblicato, nel Gennaio 1930, Assunzione in cielo di Maria Luisa, racconto già comparso su “Interplanetario” nel Marzo 1928.

La partecipazione dello scrittore al clima culturale di “Lavoro Fascista” viene ricordata da Renzo Paris, sottolineando che, nonostante l’orientamento esplicitamente fascista del quotidiano, Moravia "non si rifiutò […] di rispondere ad un’inchiesta sugli scrittori che Enrico Rocca aveva promosso su quei fogli il 25 Febbraio del 1931". Anzi, probabilmente fu proprio l’ammirazione per il critico, che "nel “Lavoro Fascista” scrisse due colonne di meraviglie" su Gli Indifferenti, che indusse Moravia a rispondere ai quesiti posti dal direttore.

Nella sua recensione Rocca celebra Gli Indifferenti come "romanzo solidissimo", che "pur essendo di un giovane […] è di una maturità da far trasecolare, di un’esperienza concentrata fino a diventar corrosiva", insomma "un autentico capolavoro"; il critico aggiunge che "il merito di questo forte romanzo che l’Europa può invidiarci è quello di aver diagnosticato un morbo diffuso nella media società moderna e d’avergli dato un nome".

L’inchiesta promossa da Rocca su “Lavoro Fascista” inizia il 30 Gennaio 1931 e prosegue fino al 25 Aprile dello stesso anno; l’argomento del dibattito viene però accennato già in un intervento non firmato del Martedì 27 Gennaio 1931, in cui l’autore si chiede come possano gli artisti difendersi dai giudizi dei critici, senza anticipare tuttavia la soluzione al quesito.

"La formula per dirimere il conflitto degli autori con la critica […] con soddisfazione degli autori e gran gaudio del pubblico" viene rivelata il giorno successivo; il giornale avrebbe inviato a tutti gli scrittori, artisti e musicisti, una lettera con tre quesiti, esortando i destinatari a rispondere alle domande attraverso un profilo autobiografico o un’autocritica che sarebbero stati poi pubblicati sulle sue pagine. Lo scopo dell’inchiesta era di risolvere il problema del contrasto tra l’immagine reale degli artisti e quella tracciata, invece, dai critici, e spiegare veramente "ciò che l’artista pensa di sé, di ciò che ha creato e della propria particolare missione artistica e morale". Sono ottantadue gli artisti che partecipano all’inchiesta di Rocca; la risposta di Moravia viene pubblicata su “Lavoro Fascista” il 25 Febbraio 1931.

Lo scrittore esprime nel suo intervento, a tutt’oggi non pubblicato in volume, più un giudizio complessivo sulla critica letteraria in Italia che non una valutazione della propria attività di narratore. Moravia ricorda di dover essere riconoscente nei confronti dei critici per la lusinghiera accoglienza dimostrata da gran parte di loro nei confronti de Gli Indifferenti, favore che ha senza dubbio contribuito al successo del suo romanzo. Egli dichiara anche, però, che la critica italiana in generale è "impreparata, disarmata, goffa e in definitiva incomprensiva" nei confronti di questo genere letterario.

Questa incompetenza deriverebbe da una serie di fattori; in primo luogo, lo scrittore denuncia l’assenza in Italia di veri e propri romanzieri, "salvo i soliti Manzoni, Verga e Fogazzaro"; poi la mancanza di una tipologia di romanzo degna veramente di questo nome, e che lo scrittore indica con le due formule di "romanzo-opera di poesia" e di "romanzo- intelligenza obbiettiva". Proprio l’incapacità dei narratori italiani di dare a questo genere letterario una fisionomia ben definita ha determinato, per Moravia, il disprezzo della critica nei confronti di esso. Dopo aver favorito il frammento e la poesia, i critici hanno, per così dire, perso l’abitudine di fornire quelle "considerazioni sociologiche, psicologiche, etiche che sono indispensabili ad una comprensione completa del romanzo"; essi hanno smarrito anche la capacità di darne una visione d’insieme, limitandosi a celebrarne solo le cosiddette “pagine da antologia”.

E’ chiaro che l’accusa di Moravia si rivolge genericamente alla critica estetica di ispirazione crociana, dominante nella prima metà del Novecento, che celebra l’ideale della bellezza come unico criterio di valutazione dell’opera d’arte, trascurando l’importanza delle componenti di riflessione intellettuale e morale presenti in essa, anzi negando il loro effettivo valore artistico. La sua denuncia si volge, così, su due versanti: da un lato in direzione del primato della poetica del frammento, rispetto a quella romanzesca, nel primo Novecento; dall’altro verso la supremazia della critica idealistica che ne aveva legittimato l’esistenza.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Moravia saggista in articoli noti o sconosciuti: 1927-1945

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Serena Senesi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Giancarlo Bertoncini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 301

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

moravia
articoli
poetica del romanzo
saggi letterari
riviste e quotidiani fascisti
epoca fascista
articoli inediti
pseudonimi

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi