Skip to content

Ernesto de Martino: dagli scritti giovanili al ''Mondo magico''

Naturalismo e Storicismo nell’etnologia

Stampato nel ’40, ma messo in circolazione solo l’anno dopo, “Naturalismo e storicismo nell’etnologia” rappresenta il primo libro impegnativo di de Martino. Con tutti i suoi limiti, di cui si discuterà, u tuttavia un’opera, per certi versi, di rottura. Suscitò, infatti, reazioni e polemiche.
Tuttavia, oggi, alla luce delle sue opere successive, appare per quello che realmente è: un’opera giovanile, processo obbligatorio nel processo di maturazione dell’autore, ma largamente superata in seguito. Questo spiega anche perché il libro non sia stato mai più ristampato. In un tentavo di ricostruzione della formazione di de Martino, tuttavia, “NS” rappresenta una tappa imprescindibile.
Il libro, un excursus sui principali indirizzi etnologici del XIX e dei primi quarant’anni del ventesimo secolo intende “rivendicare il carattere storico dell’etnologia […] (impedendo) al procedimento naturalistico illegittime esorbitanze”.
Se l’etnologia viene “dignificata” mediante l’applicazione del metodo storicistico, lo stesso storicismo verrà incrementato dalle conoscenze etnologiche “[…] qui si intende promuovere, mercè l’etnologia, un allargamento della nostra autocoscienza storica, una migliore determinazione dell’essere e del dover essere nella nostra civiltà […] Si tratta di un punto molto importante. La nostra civiltà è in crisi: un mondo accenna ad andare in pezzi, un altro si annunzia […] (il compito dello storico) è sempre stato, ed ora più che mai deve essere, l’allargamento dell’autocoscienza per rischiarare l’azione. E l’autocoscienza storiografica si allarga non solo dichiarando gli istituti della nostra civiltà […] ma altresì imparando a distinguere la nostra civiltà dalle altre, anche da quelle più lontane”.
La raccolta, che si propone di essere uno strumento “per ripensare criticamente i metodi con cui si scrivono le storie etnologiche “si compone di quattro saggi, il primo dei quali il “Saggio critico sul prelogismo di Levj-Bruhl” è il più interessante ai fini delle anticipazioni dei temi contenuti nel “Mondo Magico”.
Invece di un’esposizione estensiva, in questo come in altri saggi, l’autore ne preferisce una per punti prospettici, in questo caso l’opera di un singolo autore, Levj Bruhl, serve per valutare non solo l’intero indirizzo a cui appartiene ma “in uno, l’evoluzionismo, il sociologismo, il filologismo mistico romantico e, infine, il problema della mentalità primitiva”.
de Martino prosegue qui il confronto, iniziato nel’38 con “Mentalità primitiva e Cristianesimo”, con le teorie elaborate da Levj- Bruhl, lo studioso amico di Durkeim approdato agli studi etnologici dopo una lunga parentesi filosofica.
Le critiche da questi mosse all’intellettualismo della scuola antropologica inglese, indirizzo che non riscontrerà mai le simpatie del nostro autore sono “ragionevoli ed accettabili” non così le soluzioni proposte che difettano, come tutta la scuola sociologica rancese, di “solidità speculativa”.
La prima parte del saggio è dedicata, vista la scarsa conoscenza in Italia del pensiero del sociologo rancese, all’esposizione delle sue teorie, la seconda a una puntuale e agguerrita critica.
L’ipotesi prelogica, che pone una netta linea di demarcazione tra mentalità logica, propria dell’uomo civilizzato, e prelogica, dell’uomo primitivo, portando a “immaginare un’umanità senza comune misura con la nostra […] che, come tale, non può in alcun modo diventare, per noi, oggetto di storia” viene respinta “impartendo ai francesi una lezione di hegelismo”. De Martino, infatti, vede nella mentalità prelogica e, rispettivamente nella logica di Levj-Bruhl il comportamento dell’intelletto astratto, oppure, secondo la definizione crociana della “funzione identificante nel suo uso pratico” nell’ambito delle culture magiche e, rispettivamente, di quelle civilizzate.
Anche la tesi della rappresentazione dello spazio presso i primitivi come rappresentazione semi-concreta e numinosa di questo viene, conseguentemente, rifiutata, accettando, invece, come storicamente corretta l’analisi cassireriana del problema dello spazio e del tempo mitico, per cui “lo spazio mitico è sì qualitativamente differenziato […] ma compie tuttavia una funzione ordinatrice e semplificatrice della molteplicità empirica”
Secondo de Martino alcuni degli errori speculativi presenti nell’opera di Levj-Bruhl, in particolare la distinzione tra mentalità collettiva e pensiero individuale su cui si onda il suo prelogismo, provengono dal fondatore della scuola, Durkeim, nella cui idea di società intesa in senso reazionario, cioè come ente che esercita una “costrizione esteriore” sull’individuo “rifluisce un filone culturale francese (il pensiero della restaurazione N.d.A.) filtrato attraverso una nebulosa esperienza d’oltre Reno (la Volker psycologie germanica N.d.A.)”
Spezzando il nesso dialettico società – individuo, il sociologismo francese dimostra la logica naturalistico su cui è basato, infatti “la società rappresenta l’essere e la volontà individuale il dover essere in cui quell’essere continuamente si risolve e si accresce; è non è lecito, neppure per un attimo, spezzare questo nesso dialettico nella duplice ipostasi di un individuo fuori della storia e di una società che preme sull’individuo dall’esterno […] sfugge così l’incremento che la tradizione riceve dalla coscienza individuale e si determina un orientamento essenzialmente antistorico.”

Si tratta di una requisitoria contro l’antistoricismo dei francesi e la loro scarsa considerazione dell’individuo e dell’iniziativa individuale “in realtà non si dà mai, nella vita dello spirito, un’azione costretta, ma solo talora deficienza di volontà e di azione […] Inoltre l’adesione dell’individuo alle condizioni storiche del suo agire non è mai passiva e meccanica […] è sempre, in misura anche minima, una ribellione, una modificazione attiva della tradizione […] l’illusione sociologica di una collettività “subita” dall’individuo si svela chiaramente quando dal mondo sub-umano o umano primitivo ci trasportiamo nell’ambito delle civiltà progredite […] del resto, anche nell’ambito delle società inferiori o primitive […] modificazioni politiche, sociali, tecniche, religiose, linguistiche, ecc., sono introdotte da individui che esercitano una funzione dirigente rispetto al gruppo.”
Una delle conseguenze della distinzione tra collettivo ed individuale è il considerare la società la causa della vita religiosa “al problema della genesi ideale della religione si sostituisce così quello della sua origine nel temo; si cerca di arci assistere all’erompere della religione, in un momento dato della storia, dal seno della società […] la verità è che società e religione i condizionano idealmente a vicenda […] L’illusione sociologica del Durkeim si intreccia quindi con quel molto grave errore speculativo che è lo storicizzare le categorie ideali, il cercare una genesi nel di ciò che non ha nascimento né morte per la semplice ragione che è la regola interna dei nascimenti e delle morti. E si intreccia anche con un altro errore, non meno grave: il cercare naturalisticamente 'definizioni minime'”.
Nel secondo saggio “la prima forma di religione”, de martino, denunciando ancora una volta la minorità speculativa da cui è afflitta l’etnologia, si pronuncia a favore di una ricerca storiografica fondata filosoficamente, nella quale cioè, gli autori dichiarino e sottopongano a verifica le proprie premesse metodologiche.
In questo modo egli opera un ribaltamento della ben nota tesi crociana della necessità di dissolvere la storia nella filosofia.
La sua polemica con l’etnologia religiosa è, comunque, nella miglior tradizione idealistica. Ne “la prima forma di religione” è l’assunto stesso, la ricerca, a ritroso nel tempo, della prima forma di religione e della sua definizione minima ad essere dichiarata inaccettabile. A causa delle sue basi naturalistiche l’etnologia religiosa ha finora ignorato i progressi registrati dal più “maturo” pensiero europeo “ è quindi infatti del tutto ignorata la distinzione tra categorico e temporale, fra cominciamento ideale e cominciamento nel tempo […](e) nello sforzo di mantenersi afilosofica l’etnologia religiosa riesce solo ad essere trivialmente filosofica, accettando acriticamente come ben fondato il problema delle origini, che è legato, come si è dimostrato, a una filosofia intellettualistica: tanto poco lo storico può sottrarsi alla filosofia, e più precisamente alle severe indagini di logica”.
Per illustrare “cotanto errore” vengono scelte l’ipotesi preanimistica di Marett e della rivelazione primitiva di Schmidt.
L’ipotesi dell’antropologo sociale (il preanimismo come forma psicologicamente anteriore all’animismo) risente, dal punto di vista metodologico, della doppia aberrazione del Marett, il quale oscilla tra l’abbassamento delle categorie a fatti e la distorsione dei fatti a categorie, con la conseguente perdita […] dell’idealità delle categorie e dell’individualità dei fatti storici”.
[...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ernesto de Martino: dagli scritti giovanili al ''Mondo magico''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Immacolata Di Nardo
  Tipo: Laurea vecchio ordinamento (pre riforma del 1999)
  Anno: 1978-79
  Università: Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Amalia Signorelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

meridionalismo
meridionalismo
antropologia culturale
etnologia
antropologia culturale
etnologia
tradizioni popolari
tradizioni popolari
etnografia
etnografia
ricerca sul campo
ricerca sul campo
storia delle religioni
storia delle religioni
magismo
magismo
ernesto de martino
ernesto de martino
primitivismo
primitivismo
etnografia
etnografia
etnografia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi