Skip to content

Responsabilità e Regole dell'Intelligenza Artificiale. Francia e Stati Uniti a Confronto

Nella mente dell'intelligenza artificiale. Gli algoritmi

Un'intelligenza artificiale, di base, non è altro che un software, un programma informatico. Ogni software a sua volta è l'espressione, in linguaggio informatico (c.d. code source), di un algoritmo, ovvero di "un insieme di regole e di istruzioni che permettono di realizzare una sequenza di operazioni volte alla risoluzione di un problema".

Sebbene siano alla base delle moderne tecnologie, gli algoritmi esistono, di per sé, da migliaia di anni. Gli scribi dell'antica Mesopotamia si servivano di regole per compiere addizioni e moltiplicazioni, Euclide, nel 300 a.C., elaborò una formula per calcolare il massimo divisore comune fra due numeri. Seppur basilari, questi sono, a tutti gli effetti, esempi di algoritmi. Allo stesso modo, una ricetta di cucina, delle indicazioni stradali, le istruzioni di montaggio del comodino IKEA, sono tutti algoritmi, procedimenti diretti al raggiungimento di un obiettivo.

Il libretto delle istruzioni, tuttavia, ci dice come dovrebbero essere assemblati i vari pezzi del nostro comodino, niente di più. Comporlo spetta a noi, non senza fatica. La nascita del computer ha permesso di automatizzare questi procedimenti.

Ciò che distingue gli algoritmi appena visti da quelli informatici odierni è, infatti, la capacità di questi ultimi di produrre il risultato ricercato in maniera autonoma. Una volta programmato con le istruzioni necessarie al raggiungimento dell'esito voluto, l'algoritmo sarà in grado di analizzare i dati forniti e di giungere alla soluzione senza il bisogno di un ulteriore intervento umano. Il sistema GPS di Google, ad esempio, funziona in questo modo. Dopo aver analizzato i vari percorsi possibili, ci indica il più breve per portarci da un punto A ad un punto B.

I traguardi raggiunti in campo di intelligenza artificiale negli ultimi anni sono, tuttavia, da attribuire allo sviluppo di una nuova categoria di algoritmi, i c.d. algoritmi predittivi. Essi si distinguono dai classici algoritmi informatici (detti deterministici) per la capacità di "imparare" dalla loro stessa esperienza, costruendo da sé i modelli da applicare per interpretare i dati forniti e per imparare a riconoscere la realtà nella quale vengono impiegati.

Esistono due tipologie di apprendimento automatico: il machine learning e il deep learning, che costituisce una sottocategoria più avanzata del primo.

Attraverso il machine learning, il processo di apprendimento si sviluppa sotto la supervisione dei programmatori, che forniscono all'algoritmo una serie di coppie di dati di input-output a partire dalle quali il programma elaborerà in maniera autonoma il percorso logico necessario a collegare gli input ai risultati. Un esempio può essere un software di riconoscimento immagini. Questo dapprima analizza un gran numero di immagini (input) che gli sviluppatori associano, ad esempio, alla figura del cane (output). Al termine dell'"allenamento" il software sarà in grado di riconoscere, in qualsiasi immagine gli venga sottoposta, l'eventuale presenza di un cane. Alla stessa maniera funziona il filtraggio automatico delle mail indesiderate ("spam"). Il software di posta elettronica viene allenato tramite una serie di esempi di messaggi spam, cosicché possa, in futuro, riconoscere eventuali email simili e dirottarle nell'apposita cartella.

Molto più complesso è, invece, il funzionamento degli algoritmi che si fondano sul c.d. deep learning. Esso si basa sullo studio dei processi mentali umani e cerca di riprodurne il funzionamento tramite l'impiego di reti neurali artificiali (neural networks).

Questa tipologia di apprendimento può avvenire attraverso una supervisione parziale, detta per rinforzamento, o in assenza totale di supervisione. Nel primo caso, vengono forniti all'algoritmo dati di entrata e di uscita ma, a differenza del machine learning classico, totalmente supervisionato, stavolta gli sviluppatori non correggeranno gli eventuali errori ma attribuiranno all'algoritmo una ricompensa ogni qualvolta produrrà un risultato esatto. Spetterà all'algoritmo individuare quali passaggi del procedimento seguito sono stati i più determinanti rispetto all'ottenimento della ricompensa.

Anche in questo caso, un esempio può essere d'aiuto. Supponiamo di salire in un taxi a guida autonoma. Se il nostro "tassista" condurrà in maniera piacevole la vettura, potrà spingerci a dargli una mancia. Se deciderà, invece, di farci rivivere il Gran Premio di Monza, in centro a Monza, probabilmente non otterrà nessuna mancia. Da tutto ciò, l'algoritmo potrà trarre degli insegnamenti per migliorare il proprio funzionamento.
Ancora, il deep learning permette agli algoritmi di apprendere al di fuori di ogni controllo esercitato dai programmatori. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Responsabilità e Regole dell'Intelligenza Artificiale. Francia e Stati Uniti a Confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Poles
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE, DEL LINGUAGGIO, DELL’INTERPRETAZIONE E DELLA TRADUZIONE
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mauro Bussani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi