Skip to content

Ermeneutica del testo letterario assisitita da calcolatore – Modelli e metodi di analisi testuale, morfosintattica, valutazione semantica e rappresentazione transmediale

Noam Chomsky: internismo vs esternismo

Il secondo padre fondatore della linguistica contemporanea è l’americano Noam Chomsky che s’impose alla comunità scientifica internazionale fin dal 1957 con la sua rivoluzionaria opera Syntactic Structur.

La sua teoria chiamata “grammatica generativo-trasformazionale” è stata ed è tuttora una pietra miliare e un costante riferimento per le scienze linguistiche contemporanee. Ma al contrario dell’approccio strutturalista di De Saussure che partiva dalla teoria dei segni e dalla semantica, basate sulle convenzioni sociali e la comunicazione, Chomsky fonda la grammatica generativa sulla sintassi, sulle regole combinatorie dei costituenti gli enunciati e sulla natura biologica e personale della facoltà linguistica dell’uomo.

La teoria chomskyana infatti è molto di più di una teoria linguistica: è una teoria forte di filosofia del linguaggio, cui si può dissentire ma che non può essere ignorata. Abbiamo visto come per De Saussure e Wittgenstein il significato dipenda dalla comunità linguistica che lo usa e come il linguaggio sia pubblico.

Chiamiamo questa posizione, convenzionalmente, come esternista: il linguaggio è eterogenito. Per Chomsky invece il significato dipende da concetti che sono dati biologicamente all’interno della mente umana: il linguaggio è individuale. Questa posizione viene chiamata internista e il linguaggio è omogenito.

Per giungere a tale posizione Chomsky mutua dalla matematica il concetto di ricorsività o funzione ricorsiva19: «la proprietà di un insieme finito di mezzi, quali sono appunto i dispositivi grammaticali di una qualsiasi lingua, di produrre un insieme virtualmente infinito di enunciati».

Ora questo insieme infinito di enunciati non può essere memorizzato a priori nelle cellule cerebrali, bensì lo può uno schema di regole che possa generare quella varietà di enunciati e di lessemi che vengono usati nella vita quotidiana. Quindi nel nostro cervello sono depositate in modo innato e primitivo solo queste regole di composizione del linguaggio compresa la “funzione ricorsiva”.

«Supponiamo che un bambino dotato della facoltà del linguaggio come parte del suo patrimonio innato venga posto in un ambiente sociale dove si parla italiano. La facoltà del linguaggio seleziona i dati rilevanti dagli eventi che avranno luogo nell’ambiente; utilizzando i dati in un modo determinato dalla sua struttura interiore, il bambino costruirà una lingua, l’Italiano, o più propriamente quella variante dell’Italiano alla quale è esposto.

Questa lingua è ora incorporata nella mente. Quando il procedimento è completato, il linguaggio sarà al livello maturo ottenuto dalla facoltà del linguaggio. La persona allora parlerà e comprenderà questa lingua».

Per quanto riguarda la specificità umana della facoltà linguistica Chomsky concorda: «… le prove empiriche suggeriscono che le più rozze caratteristiche del linguaggio umano superano di molto le capacità di scimmie che per altri versi sono intelligenti, come la capacità di volare o l’istinto di ritornare verso casa che possiedono i piccioni superano le possibilità dell’uomo.

La facoltà del linguaggio non è solo una caratteristica essenzialmente unica della specie umana, per quanto ne sappiamo, ma anche comune alle varie razze… Il linguaggio che si sviluppa in questo modo, ampiamente determinato dalla nostra comune natura biologica, ha profonde relazioni con il pensiero e la comprensione e costituisce una parte essenziale della nostra natura».

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ermeneutica del testo letterario assisitita da calcolatore – Modelli e metodi di analisi testuale, morfosintattica, valutazione semantica e rappresentazione transmediale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Sartori
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Marco Pedroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi