Skip to content

L’incidenza del bullismo omofobico sul modello sportivo nordamericano

Omofobia negli sport collegiali

Laddove la discussione pubblica su problemi di lesbiche, bisessuali, gay, transgender e questioning (LGBTQ) era un tempo tabù, i media mainstream e educativi ora affrontano questi argomenti con crescente frequenza. Allo stesso modo, l'inclusione degli studenti LGBTQ nei campus universitari è ora parte integrante della diversità istituzionale e della missione di inclusione nelle scuole degli Stati Uniti. Le questioni LGBTQ si uniscono agli sforzi istituzionali per affrontare la razza, il genere, la disabilità e altri aspetti della diversità progettati per garantire che tutti gli studenti abbiano pari opportunità per raggiungere i loro obiettivi accademici in un clima di rispetto.

Riflettendo i cambiamenti verso una maggiore visibilità e accettazione nella cultura più ampia, più studenti-atleti LGBTQ sono aperti sui loro orientamenti sessuali e le identità di genere. Allo stesso tempo, i loro coetanei eterosessuali si sentono sempre più a proprio agio con i compagni di squadra e gli allenatori LGBTQ.

Questi cambiamenti sono, in parte, il risultato di più studenti che hanno frequentato scuole superiori in cui insegnanti, genitori e allenatori LGBTQ sono membri visibili della comunità. Inoltre, un numero crescente di atleti professionisti e universitari parla pubblicamente a sostegno dell'inclusione LGBTQ nello sport e contro il bullismo anti-LGBTQ nelle scuole. La visibilità di questi atleti, sia a livello nazionale che nelle comunità locali, fornisce modelli di riferimento per giovani studenti-atleti, impostando esempi di rispetto e supporto per allenatori e genitori. Contemporaneamente quando studenti, atleti e allenatori professionisti o collegiali fanno commenti anti-LGBTQ o usano un linguaggio dispregiativo nelle competizioni o nei social media, hanno maggiori probabilità di incontrare disapprovazione pubblica e sanzioni negative da parte di tifosi e ufficiali della lega sportiva. Tuttavia, l'omofobia negli sport collegiali è attualmente un problema, in corso che colpisce tutti gli stakeholder sportivi.

Non solo è qualcosa che ha contaminato lo spirito di ciò che lo sport rappresenta, ma è anche un riflesso di come la società vede, in particolar modo le donne, coloro che hanno osato uscire dai loro ruoli di genere pre-tagliati. Il ruolo femminile sottomesso, a cui le donne sono state costrette tradizionalmente, è sfidato da un'atleta di successo e, di conseguenza, inclina anche i ruoli di genere. Per combattere questo, spesso il modo più comune per attaccare un'atleta femminile è sfidare la sua femminilità e mettere in discussione la sua sessualità. Se la preferenza sessuale di una donna è in questione, allora diventa un modo per controllarla. Uno dei posti dove più frequentemente l'omofobia viene usata per controllare le donne è certamente il dipartimento di atletica collegiale. Nel corso degli anni, il processo di reclutamento del college maschile è stato contaminato da scandali coinvolgenti grandi atleti corrotti in cambio di auto, denaro o donne per scegliere una scuola/università piuttosto che un’altra.

Tuttavia, il processo per le donne è stato un po' diverso. Contro un incentivo come una nuova auto, molte volte genitori e atleti vengono nutriti con menzogne e false accuse per alterare l'impressione di una scuola rivale. Le scuole e gli allenatori sono etichettati come produttori di "lesbiche" nel tentativo di influenzare le decisioni dei genitori e dei giocatori. Ma il problema non si ferma solo al reclutamento. Una volta che un atleta scolastico è suscettibile dall’essere ostracizzato da altri giocatori nel caso si dovesse dichiarare, può essere buttato fuori dalla squadra o messo panchina ingiustamente a causa della sua sessualità. "Se sei un atleta in una squadra, l'allenatore ha tutte le carte e il potere in termini di determinazione del tuo futuro; E se quell'allenatore è omofobico, allora resterai nell'armadio " (you’re going to stay deep in the closet), ha spiegato Pat Griffin, autore di Strong Women. La molestia e l'abuso di giocatori e allenatori basati sulla loro sessualità è un'esperienza universitaria non necessaria che deve fermarsi. L'omofobia a livello di college ha assunto una forma crudele e inutile che sta ferendo le atlete e gli allenatori dai loro pari atletici diventando una forza potente nel mondo del reclutamento negativo. Il reclutamento negativo si verifica quando un reparto atletico sviluppa il proprio programma diminuendo i rivali attraverso le critiche, gli insulti o le allusioni alle atlete promettenti interessate a continuare la propria carriera atletica. Le potenziali atlete e i loro genitori, che incontrano tali informazioni si preoccupano della scuola da scegliere, privilegiando spesso la scuola con il minor numero di attività lesbiche per paura di essere associate a ciò che la società dice essere sbagliato. Le tattiche di reclutamento negative non solo danneggiano gli allenatori e i loro giocatori nelle loro vite atletiche, ma anche nelle loro vite personali.

Gli allenatori femminili che sono effettivamente delle lesbiche nasconderanno le loro vite personali dal loro posto di lavoro o addirittura nasconderanno il loro orientamento sessuale per paura che se la loro identità venisse scoperta, perderebbero il loro lavoro e danneggerebbero la reputazione dei loro dipartimenti atletici. Le atlete lesbiche nasconderanno la loro identità ai compagni di squadra per paura di non essere accettate cercando di essere qualcosa che non sono. Nascondere la propria identità si tradurrà spesso in depressione e comportamenti non salutari, tutto ciò, solo per evitare che la società non li etichetti negativamente. Quelle che non sono allenatrici o giocatrici lesbiche, devono fare i conti invece con l'etichetta erronea dei rivali, rimanendo costantemente alla ricerca di modi per dimostrare la propria femminilità. In alcuni casi, le atlete cesseranno le loro carriere sportive temendo che se proseguiranno a partecipare alla propria attività saranno perennemente considerate omosessuali.

Dal caso pionieristico ai più recenti Come molte ragazze negli Stati Uniti, Andrea Zimbardi è andata all'università non solo per ottenere un'istruzione, ma anche per praticare lo sport che amava, il softball. Zimbardi, vincitrice della borsa di studio della SEC per atleti-studenti, capitano della squadra di softball dell'Università della Florida è stato a pochi passi dal record scolastico di punti nel marzo 2003, quando in piena corsa playoff NCAA la sua allenatrice Karen Johns l'ha tagliò fuori dalla squadra dei Gators. La studentessa fu costretta a sedersi sugli spalti a Gainesville chiedendosi cosa fosse andato storto. La sua allenatrice si giustificò dicendo che la ragazza aveva diffuso bugie e idee sbagliate su un vice-allenatore e sul programma di allenamento. La Zimbardi sconvolta, accusò il coach di softball Karen Johns e l'assistente allenatore Heather Compton-Butler di maltrattarla poiché lesbica, cercando di forzare le credenze cristiane su di lei e su gli altri giocatori della squadra, creando un'atmosfera di alienazione per chiunque non condividesse le sue convinzioni religiose. Sostenne inoltre che la vice allenatrice Heather Compton-Butler si rese inappropriata facendo commenti sul rapporto tra lesbismo e relazioni lesbiche. La ragazza non fu l'unica giocatrice a lasciare la squadra da quando Johns assunse il ruolo di coach nel giugno 2000. Il sito web di notizie sportive che si concentra su questioni e personalità LGBT negli sport amatoriali e professionali, Out sport, intervistò due ex giocatrici, ognuna delle quali, come la Zimbardi, aveva avuto rapporti con delle donne.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’incidenza del bullismo omofobico sul modello sportivo nordamericano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Florio
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze Motorie
  Relatore: Antonio Lombardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sport
bullismo
omofobia
modello sportivo
sport in nord america
nord america
sport e scuola

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi