Skip to content

Choro: La storia di un popolo attraverso la sua musica

Origini del termine Choro

Come esposto nel capitolo precedente, il Choro risulta essere una conseguenza avuta dal continuo mescolarsi di culture e di musiche provenienti dall’Europa con quelle autoctone delle tribù brasiliane unite a loro volta a quelle africane a causa dello schiavismo.
Questo stile musicale nasce come espressione strumentale associata all’improvvisazione che, solo più avanti darà spazio anche alla voce (v. Fig. 11).
Il Choro può essere considerata la prima musica urbana tipicamente brasiliana.
La provenienza del termine Choro ha innescato diverse teorie in merito alla sua provenienza nonché significato; sembra derivi dal latino choros, che significa coro.
David Appleby e José Ramos Tinhorão affermano che la parola Choro derivi dalla parola portoghese chorar (piangere) a causa della natura malinconica che la musica assume in questi componimenti. Appleby definiva i chorões infatti i piangenti.
Per di più entrambi gli autori sostengono e condividono la tesi del musicologo e compositore brasiliano Baptista Siqueira, il quale sostiene che possa derivare dalla frase Chorar No Pinho (suono piangente del legno) riferita al violão, uno strumento simile alla chitarra, utilizzato prettamente nei gruppi di choreos, o in alternativa dall’espressione Doce Lundu Chorada (Lundu dolce e piangente), riferendosi allo stile musicale popolare antecedente il Choro e chiamato per l’appunto Lundu.
Altre teorie collegano il sostantivo al termine Xolo, una parola afro-brasiliana che identifica una danza comune tra gli schiavi africani impegnati nelle favelas brasiliane e che venivano eseguiti in determinati giorni dell'anno per onorare i santi. Da Xolo si sarebbe passati a Xoro e, soltanto più tardi, a Choro.
Ary Vasconcelos, musicologo e critico brasiliano, propone una spiegazione diversa a quella condivisa da Appleby e Tinhorão, sostenendo che anziché collegare lo stile malinconico alla musica del Choro, una possibile relazione potrebbe essere rintracciata nella parola Choromeleiros, termine usato per indicare i Maestri di Cappella afro-brasiliani: questi musicisti divennero famosi per aver suonato oltre che negli ambienti ecclesiastici, anche in festival pubblici e privati. Da queste figure nacque la professione di musicista.
L'uso popolare avrebbe poi, con il tempo, abbreviato per semplicità, il termine Choromeleiros in Choros.
Per estensione, un musicista di Choro, o un singolo ensemble di Choro, viene chiamato Chorão, che diventa Chorões al plurale.
La difficoltà nel definire il termine Choro è ulteriormente complicata dal fatto che si riferisce non solo all'ensemble strumentale, ma anche al vasto repertorio di forme musicali suonate da questi ensemble (v. Fig.12).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Choro: La storia di un popolo attraverso la sua musica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Perri
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2018-19
  Università: Conservatorio di musica Gesualdo da Venosa- Potenza
  Facoltà: Chitarra Classica
  Corso: Chitarra Classica
  Relatore: Gianvito Pulzone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

choro brasiliano
villa-lobos
penambuco
colonizzazione portoghese
la roda de choro
choreos: gli schiavi che diventano musicisti
le pratiche musicali degli schiavi
contenuti musicali fondanti del choro
sons de carrilhões joão pernambuco
la sincope e i ritmi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi