Skip to content

Riabilitazione neurologica e non, nel recupero della fuzione del cammino

Ortesi ed altri esercizi per l'arto inferiore

Una possibilità di recupero è rappresentata dalle ortesi, dei presidi applicati direttamente al corpo del paziente in corrispondenza della struttura che si intende assistere in grado di facilitare ed indirizzare l'apprendimento sulle condotte motorie corrette.

Le ortesi hanno diversi compiti nella funzione del cammino:
• Contenere e prevenire danni e deformità;
• Favorire l'allineamento articolare e meccanico;
• contenere un deficit muscolare;
• controllare uno squilibrio muscolare statico e/o dinamico;
• favorire la stabilità dell'arto in stance;
• assorbire le discinesie;
• selezionare e dirigere il movimento nella sequenza del passo;
• migliorare postura e pattern dinamico di cammino;
• offrire una facilitazione percettiva (tattile, propriocettiva, cinestesica),
• offrire un aiuto al terapista che può orientarsi al controllo delle
• stazioni articolari libere dal vincolo ortesico.

Quando l'ortesi in questione soddisfa tutti questi compiti porta dei vantaggi: in primis aumenta la velocità senza incremento del consumo energetico e perciò il costo energetico diminuisce; ritarda lo svilupparsi di retrazioni ai muscoli dell'arto inferiore; accresce l'asimmetria e la stabilità; facilita un più equilibrato spostamento del peso su tutti i piani; rende più omogeneo e fluente il pattern di cammino; riduce le cadute.

Le più importanti ortesi di arto inferiori sono:
• FO (foot orthoses)
• AFO (ankle foot orthoses)
• KO (knee orthoses)
• KAFO (knee ankle foot orthoses)
• HO (hip orthoses)
• HKAFO (hip knee ankle foot orthoses)

Le ortesi più comuni tra queste sono le ortesi AFO, che influiscono sulla flessione plantare e dorsale del piede, sulla eversione ed inversione con effetti indiretti sul ginocchio. Sono costituite di materiali plastici termoformabili più o meno rigidi, partono dalle teste metatarsali e le volte del piede, sostenendole e per la maggior parte arrivano a 2-3 cm dalla testa del perone e possono essere articolate e non. Se il paziente residua un buon livello di autonomia o se ha subito un trauma si utilizzano le AFO corte, altrimenti, nel caso in cui ci si trovasse dinanzi ad un’emiparesi, ad un piede cadente pseudo periferico, ad un notevole danno afferenziale delle sensibilità tattili e cinestetiche o ad una instabilità della tibio-tarsica (nel piede equino-varo), sono da preferire le AFO lunghe. Ancora altra forma e funzione hanno le AFO a doppia spirale che sono progettate per contenere le deformità in valgo-pronazione o varo-supinazione e, in parte, l’equinismo senza però limitare troppo la flessione plantare e dorsale. Trovano utilizzo dopo un intervento di chirurgia ortopedica funzionale e dopo iniezioni di tossina botulinica. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Riabilitazione neurologica e non, nel recupero della fuzione del cammino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Di Lorenzo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli"
  Facoltà: Fisioterapia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Angelo Raffaele D'Amato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

recupero
robotica
ortesi
swing
gait analysis
propriocezione
stance
bobath
verticalizzazione
perfetti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi