Skip to content

La reclusione femminile

Peculiarità del penitenziario femminile: un modello diverso da quello maschile

La detenzione femminile rappresenta una bassa percentuale nel panorama carcerario nazionale, attestandosi attorno al 4% della popolazione detenuta complessiva. Tale inferiorità numerica, si rispecchia inoltre nella letteratura, nella giurisprudenza e nell’attenzione che viene rivolta al mondo del penitenziario femminile, tanto che quest’ultimo viene definito come una «minoranza penitenziaria» al pari di quello minorile. Sono infatti minori e meno recenti gli scritti e le testimonianze che riprendono e trattano lo stile di vita, la condizione e le situazioni di convivenza delle detenute donne.

Differenza che non si rispecchia solo a livello numerico e statistico, ma che si ripropone anche per quanto riguarda la convivenza delle detenute e i loro bisogni primari necessari ad affrontare la detenzione. Ad esempio, il basso numero di carceri femminili comporta il trasferimento delle detenute in istituti che spesso sono collocati in luoghi lontani dalle abitazioni di residenza delle recluse, rendendo così difficile l’interazione e il rapporto con i propri cari all’esterno.

Generalmente il concetto di potere viene associato alla figura maschile: il carcere dunque, in quanto luogo in cui si esercita il potere, ha sembianze prettamente maschili, oscurando in parte la diversità di detenzione e la fragilità del mondo femminile. Concetto di potere non inteso in senso di rilevanza sociale e culturale, ma in quanto sinonimo di capacità impositiva, adattamento a condizioni di vita ostili e di lontananza dai propri affetti. Il soggetto intorno al quale minori e donne vengono a rapportarsi è il maschio adulto, ovvero il soggetto imputabile per la legislazione penale. Donne e minori costituiscono l’eccezione al modello e vengono accomunati nel concetto di soggetti deboli: la debolezza dei minori è non essere adulti, quella delle donne non essere uomini.

La detenzione femminile ha subito delle variazioni nel corso degli anni, soprattutto se poniamo a confronto la seconda metà del ‘900 con il XXI secolo. In particolare, negli anni ’60-’80 le detenute donne erano detenute politiche, una tipologia di detenuto molto differente da quella che invece siamo soliti osservare al giorno d’oggi, dove le detenute sono recluse principalmente per reati connessi alle sostanze stupefacenti, reati contro il patrimonio, e reati connessi alla prostituzione, condanne totalmente differenti da quelle che potevano essere attuate negli anni ’80. In quegli anni infatti, le detenute erano condannate per aver tentato di sovvertire l’ordine sociale e non la sfera domestica. Anche l’approccio al reato commesso e l’etichetta data loro è differente: prima, esse venivano considerate vagabonde, meretrici e sovversive che andavano rieducate ed aiutate da associazioni religiose ed esistenziali, in grado di deviare la trasgressione considerata come amoralità. Ora abbiamo tutt’altro scenario, avente come soggetto la donna (senza particolari inquadramenti riguardanti stati sociali o tentativi sovversivi) la cui trasgressione corrisponde all’illegalità e come tale va punita tramite la reclusione.

Ma proprio in riferimento a queste differenziazioni vengono introdotte riforme per ovviare a queste mancanze dell’ordinamento: dalla riforma dell’ordinamento penitenziario del 1975 alla legge Gozzini del 1986 fino ad arrivare alla legge 8 marzo 2001 intitolata “Misure alternative alla detenzione a tutela del rapporto tra detenute e figli minori”. Con questa legge vengono introdotte la detenzione speciale domiciliare (art. 3) e l’assistenza esterna dei figli minori (art. 5). Molte di queste modifiche furono attuate anche pensando alle detenute che al momento della reclusione avessero un figlio minore a carico nel tentativo di sopperire alle mancanze giurisdizionali in materia di carcerazione femminile con figli minori a carico. L’impatto esercitato da tali innovazioni fu in realtà minimo, dal momento che i requisiti e le condizioni per l’applicabilità (quali la non sussistenza di un concreto pericolo di reiterazione del delitto o la sussistenza di una concreta possibilità di ripristinare la convivenza con i figli minori degli anni 10) sono spesso inconciliabili con i reati connessi agli stupefacenti e alla prostituzione, che rappresentano un alto tasso di recidiva e di cui sono incriminate la maggior parte delle detenute madri.

Oggi gli istituti dedicati alle donne sono appena cinque su tutto il territorio nazionale (Empoli, Pozzuoli, Roma “Rebibbia”, Trani, Venezia “Giudecca”), mentre nei luoghi in cui tali strutture mancano la detenzione è affidata a reparti ad hoc ricavati in carceri maschili. Quest’ultima situazione è svantaggiosa per le recluse, le quali negli istituti dedicati hanno maggior possibilità di poter condurre una reclusione calibrata e adeguata ai bisogni specifici di una donna. Tuttavia, anche nelle strutture controllate ed esaminate dall’Associazione Antigone sono emerse mancanze quali ad esempio il personale carcerario (nell’istituto di Venezia) o condizioni di sovraffollamento e precarie condizioni strutturali (in quello di Pozzuoli). [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La reclusione femminile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ivan Viglialoro
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Sociologia
  Relatore: Cecilia Blengino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donne
carcere
bambini
intervista
icam
bambini in carcere
educatrici
reclusione femminile
carcere di torino
icam di torino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi