Skip to content

Assistenza infermieristica al paziente in sala operatoria

Posizionamento del paziente

Particolare attenzione deve essere posta durante il posizionamento del paziente sul letto operatorio, che avviene al termine dell'induzione anestesiologica. Ne sono responsabili l'Anestesista, il primo Chirurgo e l'Infermiere di sala.

In particolare:
• l'anestesista collabora con il primo operatore, controllando il capo del paziente durante le manovre, al fine di assicurare il mantenimento della pervietà delle vie aeree, della ventilazione e la protezione degli occhi;
• il chirurgo identifica la posizione che meglio garantisce l'esposizione chirurgica in base al tipo di intervento e alla tecnica utilizzata;
• l'infermiere posiziona il paziente secondo le indicazioni dei medici, assicurando la protezione dei punti di compressione del corpo con l'interposizione di presidi in gel dedicati.



Le tre figure verificano la presenza di punti a rischio di lesione per stiramento o pressione. Fondamentale è la verifica preventiva, a paziente vigile e cooperante, di limitazioni funzionali articolari, al collo e agli arti. Le principali posizioni sono:

~ POSIZIONE SUPINA: utilizzata nella maggior parte degli interventi. Sarebbe opportuna, se l'intervento lo consente, una lieve flessione del tavolo operatorio all'altezza delle anche e delle ginocchia affinché le articolazioni coinvolte possano assumere una posizione naturale. I bracciali di supporto per gli atti superiori devono essere posizionati con angolo inferiore a 90° rispetto al corpo.

~ POSIZIONE GINECOLOGICA O LITOTOMICA: è adottata soprattutto in chirurgia ostetrico-ginecologica e nella chirurgia VI del colon-retto. Le braccia devono essere sorrette da bracciale oppure fissate ai lati del corpo. Si impiegano reggi-spalle imbottiti a livello della regione acromion-claveare in modo tale da ridurre al minimo il rischio di lesioni in caso di posizione di Trendelemburg. Le gambe sono sollevate, divaricate e flesse sui cosciali per ottenere la migliore esposizione chirurgica. Alla fine dell'intervento cosciali e gambe devono essere abbassati lentamente e contemporaneamente.

~ POSIZIONE PRONA: comporta un aumento di pressione a livello addominale con riduzione dell' escursione diaframmatica e del ritorno venoso. Sono perciò utili sostegni in corrispondenza del bacino e della parte superiore del torace per agevolare la respirazione. È importante ruotare il capo del paziente o utilizzare apposito supporto frontale forato in gel per evitare l'inginocchiamento della protesi respiratoria. Attenzione particolare va posta alla protezione degli occhi e del padiglione auricolare di appoggio. Va inoltre evitata l'iperestensione della caviglia, mediante un cuscino posto sotto l'articolazione tibio-tarsica. Il paziente, in questi casi, viene anestetizzato supino su un lettino o barella che affiancano il letto operatorio e poi ruotato di 180°. Durante la manovra, che richiede più operatori, le braccia devono essere mantenute lungo il corpo, poi abdotte di 90° con gli avambracci flessi e in pronazione. Per facilitare il posizionamento, vengono temporaneamente scollegate le vie di monitoraggio e la protesi respiratoria.

~ POSIZIONE LATERALE: è adottata in interventi a carico del rene, del torace e della colonna vertebrale. Il capo, il collo e la colonna devono essere sullo stesso piano cioè allineati con cuscini o presidi morbidi. L'arto superiore non dipendente deve essere flesso su supporto a non meno di 30 cm sopra il capo. La posizione del tronco deve essere mantenuta da supporti o stabilizzatori imbottiti.

~ POSIZIONE DI TRENDELEMBURG: viene utilizzata negli interventi sugli organi del piccolo bacino (genitali femminili, vescica, pro stata, colon sin. e retto), permettendo lo spostamento dei visceri verso il diaframma. Questa posizione richiede l'ausilio di presidi imbottiti in corrispondenza delle spalle per impedire lo scivolamento del paziente dal letto operatorio. L'inclinazione del letto è estrema nella chirurgia videolaparoscopica e robotica e questo accentua gli effetti respiratori del pneumoperitoneo impiegato in queste tecniche, mentre compensa quelli emodinamici (riduzione del ritorno venoso). Altri effetti di questa posizione sono: aumento della pressione endocranica, oculare e gastrica.

~ POSIZIONE ANTI-TRENDELEMBURG: viene utilizzata nella chirurgia laparoscopica dei quadranti superiori dell'addome. Più favorevole per la ventilazione, presenta, però, maggiori ripercussioni emodinamiche (riduzione del ritorno venoso, della gittata cardiaca e della pressione arteriosa).

~ POSIZIONE SEDUTA: utilizzata in neurochirurgica (NCH) per interventi nella fossa posteriore, con testa sostenuta.

~ POSIZIONE ORTOPEDICA: in base all'arto sul quale si va ad agire chirurgicamente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Assistenza infermieristica al paziente in sala operatoria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore De Angelis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Raffaele D'Angelo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assistenza
paziente
infermieristica
infermiere strumentista
sala operatoria
perioperatoria
preoperatoria
intraoperatoria
postoperatoria
assistenza infermieristica al paziente in sala

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi