Skip to content

La globalizzazione e l’influenza dei sistemi nazione: il caso Fiat Chrysler Automobiles (FCA)

Privatizzazione

Lo spreco di risorse ed energie da parte dei governi è un male che accomuna paesi industrializzati e in via di sviluppo; spesso essi si concentrano su cose che non sono di loro competenza distraendosi da ciò che sarebbe davvero importante; la questione principale non è un eccesso di controllo del governo, ma l'incapacità di fare la cosa
giusta (un esempio è la gestione delle acciaierie di cui i governi ben poco capiscono, eccezion fatta per quelle gestite dai governi di Taiwan e Corea che sono considerate tra le più efficienti del mondo); una maggior efficienza sarebbe raggiunta se certe funzioni fossero svolte tra aziende in concorrenza tra loro.
La privatizzazione è proprio questo, ovvero mettere in mano a privati aziende e settori dello Stato. Ci sono alcuni requisiti che devono essere soddisfatti e spesso non sono stati considerati dal FMI e dalla Banca Mondiale, che pur di aiutare i paesi dalla transizione dal comunismo all'economia di mercato assegnavano loro dei voti sulla rapidità della privatizzazione, e spesso i risultati hanno prodotto fallimenti ed antipatia verso queste istituzioni; alla base dei fallimenti il minimo comun denominatore è che per soddisfare qualsiasi necessità il mercato si crei rapidamente mentre diverse attività pubbliche nascono perché i mercati non riescono a erogare alcuni servizi indispensabili.
Negli Stati Uniti invece il mercato privato non era in grado di concedere mutui a condizioni ragionevoli alle famiglie con un reddito medio-basso, nacque cosi l'Associazione nazionale federale per il credito ipotecario (questi sono esempi riguardanti paesi industrializzati).
I paesi in via di sviluppo invece vivono una situazione di sofferenza molto più acuta quando un'azienda di stato è eliminata (per esempio in Costa d'Avorio la società telefonica è stata privatizzata prima che fosse attuato un contesto normativo concorrenziale adeguato, ciò ha prodotto un aumento spropositato dei prezzi poiché l'azienda privata ha ottenuto il monopolio dei servizi telefonici esistenti ma anche di quelli nuovi relativi alla telefonia mobile, tagliando fuori dal mercato della clientela gran parte degli studenti universitari che non potevano più permettersi la connessione internet aggravando ancora di più il divario tra ricchi e poveri) perché la priorità delle istituzioni internazionali che supervisionavano questi processi era la velocità con cui si privatizzava mettendo in secondo piano la regolamentazione e la concorrenza; pericolo ulteriore è che dopo aver creato un interesse, per mantenerne il monopolio, la questione economica passi in primo piano rispetto alla regolamentazione e alla concorrenza distorcendo anche il processo politico ma la scarsa preoccupazione delle istituzioni internazionali verso concorrenza e regolamentazione è giustificabile poiché la loro priorità è quella di tenere sotto controllo le variabili macroeconomiche come il deficit pubblico piuttosto che le questioni strutturali quali efficienza e competitività.
Riguardo alla riuscita della privatizzazione in senso di risultati raggiunti rispetto all'efficienza in mano al settore pubblico, il monopolio ha comunque prodotto un danno ai consumatori; oltre a questa categoria c'è da considerare anche quella dei lavoratori; ci sono i sostenitori della privatizzazione che argomentano dicendo che la privatizzazione può eliminare i lavoratori improduttivi, i critici invece sostengono la mancanza di sensibilità ai costi sociali da sostenere per i tagli all'occupazione; non si può dar torto a nessuna delle due posizioni poiché la privatizzazione è in grado di portare in attivo il bilancio in rosso delle aziende di stato tagliando i rami improduttivi ma ci sono costi che deve sopportare la società, costi legati alla disoccupazione di cui i privati non si prendono cura.
L'argomentazione principale per cui la privatizzazione è stata cosi fortemente criticata è che spesso invece che investire con gli intenti di creare, acquisisce ciò che già esiste e distrugge posti di lavoro che considera in esubero; per fortuna nei paesi industrializzati i cittadini colpiti dal licenziamento possono contare (anche se non a tempo indeterminato) su sussidi di disoccupazione.
Nei paesi meno sviluppati raramente esistono sistemi assicurativi contro la perdita del posto di lavoro; i costi sociali sono spesso molto pesanti e possono manifestarsi con conflittualità tra società civile e politica, violenza urbana, aumento del tasso di criminalità ma la perdita di posti di lavoro procura ansia anche a chi è riuscito a tenerlo, aliena i disoccupati dal resto della società, si rinuncia per esempio all'istruzione con l'aumento del lavoro minorile, si ripercuote economicamente sui familiari occupati. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La globalizzazione e l’influenza dei sistemi nazione: il caso Fiat Chrysler Automobiles (FCA)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Parisi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Internazionali di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giuseppe Moles
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi