Skip to content

La pubblicità come strumento di persuasione

Pubblicitari o psichiatri? Lo studio dell'inconscio

Gli industriali americani, e non solo, si resero conto ben presto che la strada percorsa fino a quel momento non era più adatta per raggiungere il traguardo auspicato. Iniziarono così a cercare i nuovi meccanismi che muovevano quel misterioso mercato, cominciando dal porsi numerosissime domande: Qual è il motivo che spinge il cliente a comportarsi in un modo del tutto differente dai “soliti” comportamenti? Cosa c’è alla base delle sue scelte d’acquisto? Perchè un prodotto viene rifiutato?
Per rispondere a queste e a tante altre domande, gli agenti pubblicitari ebbero bisogno di consulenze psicologiche ed iniziarono così un nuovo percorso che apriva la strada verso il mondo dell’inconscio, del subconscio e della psiche umana.

Tutti questi studi, oltre ad approfondire le tecniche di persuasione dell’individuo, fornirono nuovi metodi di ricerca e di applicazione che, nell’ambito pubblicitario, sono chiamate «chiavi operative».
Durante il processo di persuasione, i pubblicitari utilizzano di frequente parole, immagini, simboli e azioni-chiave, al fine di suscitare nei compratori le reazioni desiderate. Applicando queste nuove tecniche, ci si rende conto che le reazioni ottenute sono così simili tra di loro da poterle identificare attraverso uno “schema di reazioni”, applicabile su una vasta scala di casi, anche totalmente differenti tra di loro, poiché, se sottoposti agli stessi impulsi, gli esseri umani, in quanto «creature dai riflessi condizionati», reagiscono in modo medesimo. Il nocciolo del problema, dunque, non è più quale prodotto introdurre sul mercato; secondo questa linea di pensiero, infatti, vendere caramelle piuttosto che automobili, ha la stessa valenza e segue lo stesso processo: scegliere ed utilizzare con cura parole-chiave, immagini-chiave, etc., sviluppando così i riflessi condizionati. È in essi che si riducono tutti i problemi dei pubblicitari.

Vance Packard, partendo dagli studi del dottor Smith sull’analisi motivazionale, secondo cui:
“Per ogni diverso livello di coscienza occorre un diverso metodo di suggestione”
fornisce una panoramica di alcune preziose tecniche utilizzate dai persuasori.

La più importante e anche la più conosciuta è il «colloquio in profondità». Questa tecnica segue gli stessi meccanismi utilizzati dagli psicanalisti, l’unica e sottile differenza è la mancanza del lettino, elemento che potrebbe insospettire troppo il consumatore-cavia. Ciò che spinge queste persone a sottoporsi a questi colloqui è, nella maggioranza dei casi, l’offerta di campioni di merce gratuiti; pochi invece scelgono di farlo per “riconoscimento sociale”. Il dottor Smith, afferma che lo psicologo, lo psichiatra o qualsiasi altro specialista incaricato di condurre l’analisi, sceglie in modo molto cauto di provocare nel consumatore una totale disinibizione verbale, spingendolo man mano a riconsiderare tutti «i piaceri, le gioie, gli entusiasmi, i terrori, gli incubi, le delusioni e le apprensioni che il prodotto evoca in lui».

La modalità preferita durante questi colloqui è l’intervista di gruppo, poiché, numerosi esperimenti dimostrano che le persone riescono a sentirsi più a loro agio in compagnia e non face-to-face con l’intervistatore. Inoltre, il collettivo favorisce l’emergere di dibattiti salienti, disinibiti, dai quali poter trarre notizie preziose ai fini dell’analisi. Le parole utilizzate dal dottor Smith, esplicitano questo concetto in modo molto chiaro: «Di solito, uno dei partecipanti se ne esce con una dichiarazione “audace”, egoista o addirittura intollerante. Subito un altro si sente incoraggiato a parlare in termini analoghi. Gli altri allora sentono che l’atmosfera si è fatta più “libera e si comportano in conseguenza. In tal modo siamo riusciti a promuovere discussioni di carattere estremamente personale in merito a ogni sorta di prodotti, lassativi, compresse antinfluenzali, deodoranti, prodotti dimagranti, callifughi, alcoolici e pannolini igienici. Sulla porta di casa, o in salotto, il soggetto è spesso riluttante a discutere le sue abitudini intime con un estraneo».

Oltre al colloquio di gruppo, le inchieste in profondità possono essere condotte in svariate modalità:
• Test «travestiti» o «indiretti», come li denominati dal dottor Smith, fanno credere all’intervistato che lo scopo del test sia diverso da quello reale.
• Test «di proiezione», chiamati così dagli psichiatri, propongono ai soggetti un disegno o qualche stimolo poco strutturato, invitandoli a completare il quadro, per poi valutarne i risultati.
• Test delle «macchie d’inchiostro», ideato dallo psichiatra Hermann Rorschach, mostra agli intervistati una serie di tavole con sopra stampate macchie d’inchiostro prive di significato. Saranno i soggetti stessi a dovergliene attribuire uno, in modo da fornire agli operatori un quadro di sé stessi e della loro psiche

Quelli elencati sono solo alcune delle tipologie dei test psichiatrici dai quali i pubblicitari traggono spunto per le loro indagini; ci sono poi test a carattere scientifico, test che utilizzano fumetti e tanti altri ancora! Ciò che accomuna tutti questi esperimenti è la conclusione a cui sono arrivati gli studiosi, ossia che l’analisi del comportamento dei consumatori non si basa solo sullo studio dell’inconscio e del subconscio, ma dipende da tutta una serie di altri fattori.
Il dottor Wulfeck, della Advertising Research Foundation, afferma che è possibile che un consumatore possa essere inconsciamente ostile ad un prodotto, ma decida di acquistarlo lo stesso per una serie di fattori differenti come: la pubblicità, lo scarso interesse verso le marche concorrenti, la distribuzione, etc…

Inoltre, è bene sottolineare che, anche le agenzie pubblicitarie che hanno abbracciato il metodo dell’analisi motivazionale, (che sarà approfondito nel paragrafo successivo), non hanno accantonato del tutto i due metodi di ricerca tradizionale, ossia, l’analisi di mercato e la ricerca pubblicitaria, intesa come lo studio di slogan, diagrammi e delle classiche strategie di marketing pubblicitario, nonostante, verso la fine degli anni ‘50, la ricerca motivazionale era ormai più che affermata.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La pubblicità come strumento di persuasione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonia Sulipano
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Daria Grimaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi