Skip to content

Ansia da Competizione: Fattore negativo o positivo?

Relazione Ansia-Performance

Per poter capire come l’ansia possa costituire un elemento positivo all’interno di una competizione, è necessario, prima di tutto, comprendere in che modo essa influisca sul rendimento di un atleta.
A questo proposito, nel corso dell’ultimo secolo, sono state svolte diverse ricerche scientifiche nel campo della psicologia dello sport, le quali hanno dimostrato come esistano delle relazioni che associno la sperimentazione di determinati livelli di ansia ad una certa qualità di prestazione fornita dall’atleta.
Tra le tante teorie pubblicate, quelle che, ad oggi, vengono ritenute le più significative per lo studio sull’ansia da competizione sono (in ordine cronologico):
✓ Teoria della Pulsione;
✓ Teoria della U rovesciata;
✓ Modello IZOF;
✓ Teoria del Rovesciamento;
✓ Teoria della Catastrofe;
✓ Teoria Multidimensionale;


Teoria della pulsione
La prima teoria volta a studiare la relazione tra ansia e prestazione fu la teoria della “Pulsione”, sviluppata nel 1943 dallo psicologo Clark L. Hull.
Essa attribuisce all’ansia una natura unidimensionale, infatti, il termine “pulsione”, si riferisce esclusivamente all’attivazione psicofisiologica dell’individuo: l’arousal. Hull ipotizza un rapporto direttamente proporzionale tra arousal e prestazione, ma solo quando i compiti da eseguire risultino semplici e/o appresi correttamente. Al contrario, se il compito motorio risultasse complicato e/o non acquisito in maniera corretta, lo psicologo prevede un rapporto inversamente proporzionale, con un peggioramento delle prestazioni all’aumentare dell’eccitazione.
Un concetto fondamentale di questa teoria è la “risposta dominante”, che, in psicologia, rappresenta la reazione automatica suscitata più rapidamente e facilmente da un determinato stimolo, ossia un gesto che eseguiamo per abitudine, istintivamente.
La teoria presuppone che un incremento di arousal comporti un aumento della probabilità di comparsa di questa risposta dominante: a bassi livelli di eccitazione, l’atleta può concentrarsi sull’esecuzione del gesto tecnico; quando però l’eccitazione raggiunge livelli importanti, il cervello perde la capacità di ragionare in maniera lucida e razionale, inducendo l’atleta ad eseguire ciò che ha imparato fino a quel momento e che gli è più familiare, anche se non necessariamente rappresenti la soluzione migliore.
Tale scoperta portò lo studioso a sviluppare un’equazione che riassumesse la sua ipotesi:
Performance = Risposta Dominante x Pulsione

Per cui, nei principianti, e quindi negli atleti che non hanno ancora assimilato e appreso correttamente il gesto tecnico, questa risposta risulterà poco efficace e/o inadeguata alla situazione e porterà ad un peggioramento della prestazione; al contrario, nei professionisti, o comunque, in chi padroneggia i movimenti con una certa dimestichezza, la risposta dominante risulterà appropriata alla situazione e porterà ad un miglioramento della prestazione.
Questo spiegherebbe quindi perché gli atleti esperti riescano a giocare bene anche sotto pressione, al contrario dei principianti e inesperti che, nelle medesime circostanze, invece, non riescono ad ottenere buoni risultati.
È evidente però che, a oggi, la teoria della “Pulsione” non può essere considerata una teoria plausibile per lo studio della relazione ansia-performance, in quanto non tiene conto che, anche per gli atleti più esperti, se si supera un certo livello di arousal, inevitabilmente si incorrerà ad un calo della prestazione.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ansia da Competizione: Fattore negativo o positivo?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Ghetti
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Riccardo Cuppini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

attivazione
arousal
ansia di stato
ansia di tratto
ansia somatica
stressors
ansia da prestazione
ansia cognitiva
misurazione ansia
gestire l'ansia

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi