Skip to content

Le decisioni di fine vita nella legge n.219/2017

Riflessioni sulla fine della vita umana

Come anticipato nei paragrafi precedenti, la legge 22 dicembre 2017 n. 219, denominata “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, si è finalmente fatta carico di una questione giuridica dirimente nell’ordinamento italiano, la regolamentazione della fine della vita umana, la quale rappresenta l’esito di un percorso travagliato.

Costituisce infatti la risposta del nostro ordinamento ad un problema che le vicende drammatiche di Piergiorgio Welby e di Eluana Englaro hanno posto alla società civile in maniera ormai ineludibile.

Trattasi di scelta difficile, non soltanto perché quando si discute della fine della vita umana ci si addentra “in una materia in cui di certezze assolute, valide cioè per tutti i cittadini, non ve ne è l’ombra”, ma per l’inevitabile influenza di elementi metagiuridici.
Qui è infatti il valore della vita umana a venire in risalto e lo stabilire a chi essa appartenga (se esclusivamente all’individuo o anche ad una entità diversa), il carattere disponibile o indisponibile di tale bene e, quindi, in ultima analisi, l’accertare se il vivere costituisca un diritto o un dovere per la persona, prima che problemi giuridici, costituiscono interrogativi esistenziali, ai quali hanno tentato di rispondere la filosofia, la religione, la cultura in ogni epoca dominante. E l’ordinamento giuridico, alla fine, è stato inevitabilmente condizionato da soluzioni elaborate al di fuori di esso.

Le posizioni etiche prima ancora che giuridiche fondamentali che storicamente si contrappongono sono essenzialmente due.
Da una parte vengono a collocarsi coloro che postulano la sacralità e l’assoluta indisponibilità della vita umana, ritenuta, se non un dono di Dio, comunque funzionale, oltre che all’interesse del singolo, all’interesse della collettività, in quanto l’uomo rappresenterebbe “una fonte di ricchezza e di forza come elemento riproduttore della specie, come lavoratore, come soldato”.

La vita non apparterrebbe più al singolo, in tale prospettiva, ma ad un’entità superiore: Dio, in una dimensione religiosa, la società, secondo una concezione dirigistica statalista e autoritaria, che considera l’individuo principalmente quale membro della comunità, ponendo l’accento sui suoi doveri verso la famiglia e verso lo Stato. In questa visione si configura, dunque, non più un diritto ma un vero e proprio dovere di vivere a carico del singolo.

Ispirati a questa logica sono l’art. 579 c.p. riguardante l’incriminazione dell’omicidio del consenziente, che conferma come la tutela penale della vita operi indipendentemente dalla volontà della persona titolare del bene51, l’art. 580 c.p. il quale, sanzionando l’istigazione o l’aiuto al suicidio, attesterebbe l’inconfigurabilità di un diritto di vivere o di morire, esercitabile insindacabilmente dal singolo, ed infine l’art. 5 c.c., che pone il divieto degli atti di disposizione del proprio corpo, laddove ledano l’integrità fisica della persona.
Tuttavia, mal si concilia tale orientamento con il principio personalistico, espresso nell’art. 2 Cost., il quale pone al centro dell’ordinamento giuridico l’individuo, considerandolo “un valore etico in sé”. Da questa angolazione, non è consentita la strumentalizzazione della persona “per alcun fine eteronomo” e “l’intervento solidaristico e sociale” deve essere concepito “in funzione della persona e del suo sviluppo e non viceversa”.

Vi è poi l’orientamento opposto, il quale, invece, esalta il principio di autodeterminazione teorizzando così la disponibilità della vita, la libertà del singolo di fare qualunque cosa a condizione che non siano lesi i diritti e le libertà altrui e, in campo terapeutico, il “diritto di decidere la sorte del proprio corpo, della propria vita, delle terapie” che possono essere accettate o rifiutate. In particolare, dalla regola espressa nel secondo comma dell’art. 32 Cost. (“Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”) viene tratto il fondamentale diritto di non curarsi il quale diviene, al suo estremo, diritto di lasciarsi morire.

Diritti che, più in generale, vengono radicati nel fondamentale valore dell’inviolabilità della dignità della persona, sul presupposto che, esistendo l’autodeterminazione in ordine alla qualità della propria vita, soltanto il singolo sarebbe legittimato a decidere fino a quando questa possa considerarsi degna e meriti di essere vissuta. Affrancato dal potere medico (qualsiasi intervento terapeutico è subordinato al consenso informato dell’interessato) e prima ancora da quello politico (non esiste, sostanzialmente, un obbligo di cura), l’individuo rivendica anche il diritto di morire, come ultimo atto di un processo di riappropriazione del proprio corpo, con il rischio della sua reificazione. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le decisioni di fine vita nella legge n.219/2017

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Lauri
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Papanti Pelletier
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eutanasia
consenso informato
aiuto al suicidio
disposizioni anticipate di trattamento
decisioni di fine vita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi