Skip to content

Svevo-Schimtz Saggista

«Scritturizzare» la psiche

“Non sono altro che un pezzo di vita… ed io mi auguro che venga un forte psicanalista a studiare i suoi libri che sono la vita stessa, ricchissima e sentita e ricordata con l'ingenuità di chi l'ha vissuta e sofferta”.
Italo Svevo, parlando delle opere di Joyce.

Un invito a ricercare nella scrittura di Joyce le teorie di psicanalisi, riconoscendole.

Svevo, ammette di non fare uso di questa scienza ma, nello stesso tempo, sa come utilizzarla, sa come studiarla.

Probabilmente questo è anche un invito a psicanalizzare le sue di opere, soprattutto La coscienza di Zeno. Citata palesemente la psicanalisi, su questo romanzo sono state estrapolate le teorie freudiane come il complesso di Edipo, arrivando alla conclusione che il protagonista soffre di “nevrosi ossessiva”.

Il Gioanola, però, con questo testo ci pone davanti un'interpretazione diversa della scrittura, pre freudiana. L'inconscio, la coscienza, i pensieri che si usano per la stesura di un romanzo o di una determinata opera, sono già intrinsecamente permeati di psicanalisi. Presentano un linguaggio oscuro, parole messe insieme dall'autore per consegnarci un determinato stato d'animo, conosciuto o sconosciuto che esso sia. Lo scopo ultimo della letteratura è creare una corrispondenza di sensi.

Uno stile, quindi, che lascia intendere qualcos'altro, mentre si racconta un qualcosa. Utilizzo di metafore, metonimie, racconti di false verità o di sogni illusori.
Svevo presenta una scrittura nevrotica, non ossessiva ma isterica, ci spiega appunto il Gioanola.

“la malattia è uno stile: causa di uno squilibrio, essa crea le condizioni per quella superiore forma di equilibrio che è l'opera”.

Non necessariamente, un autore deve soffrire di una patologia e deve raccontare attraverso i suoi personaggi, la sua sofferenza. Però, la nevrosi, l'isteria, che porta una confusione nella sua quotidianità ed un mancato appagamento, un'assenza di sanità mentale, costringe lo scrittore ad esplicitare tutto questo nella sua opera per mettere in ordine i suoi pensieri, cercare di arrivare ad un prodotto finito.
Elio Gioanola distingue il carattere ossessivo dal carattere isterico, differenziandoli tra loro.

L'ossessivo, in generale, è una persona totalmente succube di una nevrosi o psicosi, totalmente in trappola che manifesta comportamenti dovuti solo ed esclusivamente da essa. Non riesce a prescindere dai suoi pensieri, appunto ossessivi, che occupano interamente la quotidianità.

I pensieri, nella sua mente, sono tra di loro in lotta per la natura bipolare di essi. Da una parte il moralismo, dall'altra la ribellione. Moralismo causato dal proibizionismo, generato soprattutto dalle caratteristiche della vita infantile, contrastato dall'inconscio della persona che subisce rimozioni e negazioni della natura di quello che prova.

Ad esempio, Freud spiega come l'eccessivo ordine e la rigidità nel reale, siano conseguenze di desideri sessuali rimossi dalla psiche, tendenti all'omosessualità e legati alla sfera anale. È come se la mente di queste persone voglia eliminare lo sporco, l'inadatto, le feci, l'ano, con le continue ossessioni che vive quotidianamente, soprattutto, per l'ordine e il pulito. Inoltre, prediligono le materie scientifiche, rigide, senza interpretazioni, senza fantasia. Sono lontani, quindi, da tutto ciò che è letterale, dalle caratteristiche dello scrittore. Sono lontani da Italo Svevo, definito patologicamente “nevrotico ossessivo”, come il prodotto della sua penna Zeno Cosini.

Svevo, non potrebbe essere più “Italo” di così, ci spiega il Gioanola, perché incarna tutte le caratteristiche isteriche dell'italiano, diverso, ad esempio, dal tedesco, rappresentante l'insieme di quelle ossessive.

Se l'ossessivo è rigido, realista e cerca di rimuovere il suo inconscio, l'isterico è il sognatore per eccellenza. Perso nella sua mente, distratto, confuso, cerca una sorta di “coazione” con la parte remota di sé.

Vive la vita quotidiana attraverso la sua psiche. Appare diverso dagli altri, strano, non interpreta le cose come lo fanno normalmente gli individui.

A differenza dei desideri riguardo l'omosessualità degli ossessivi, l'isterico ha un'identità sessuale già adulta, formatasi in modo precoce durante l'infanzia. Da qui nasce, infatti, il complesso di Edipo (diagnosticato in Zeno) come perenne ricerca di una figura materna, protettiva, che però sappia appagare tutti i suoi bisogni e le sue voglie.
Tende, poi, ad idealizzare l'oggetto dell'amore in questione. Non si avvicina, non risolve la situazione, attende nella sua passività che l'altro operi le sue scelte e lo spinga a vivere il reale. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Svevo-Schimtz Saggista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariarosaria Falivene
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Alberto Granese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

darwin
svevo
joyce
ulisse
ettore schimitz
la corruzione dell'anima
ottimismo e pessimismo
le teorie del conte alberto
i dubliners
la coscienza di zeno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi