Skip to content

Storytelling digitale e nuove forme di fruizione per il Museo 4.0

Strategie di acquisizione informazioni tramite logiche partecipative (bottom-up)

Grazie a strumenti come Google Analytics, il più noto e usato tra quelli di analisi dei dati, possiamo sapere, relativamente ad un qualsiasi contenuto che abbia un url, quante volte è stato letto un testo (page views), il tempo di permanenza su quel dato testo, da chi, da dove e con quale dispositivo quel contenuto è stato visualizzato, se si è arrivati al nostro contenuto dal motore di ricerca oppure grazie ai social network. Più in generale, analizzando i dati di un intero sito internet, possiamo scoprire qual è il suo traffico, quanti visitatori ha avuto durante un periodo preciso, qual è il contenuto più letto di un determinato lasso di tempo e quale il meno, quante volte è stato condiviso.
L’analisi di questi dati può aiutarci a scoprire cosa funziona davvero per i nostri utenti e cosa si può imparare dal pubblico.

Questo tipo di informazioni sono così acquisite tramite logiche partecipative bottom-up (figura 3). La strategia bottom-up, secondo la definizione Treccani è una:
«Strategia che regola la gestione di conoscenze e la risoluzione di problemi, applicata in particolare allo sviluppo dei software informatici, ma estesa anche ad altre teorie scientifiche e umanistiche. In generale, l’approccio b.-u. («dal basso verso l’alto») è un processo di sintesi, da elementi base fino a un sistema complesso. A esso si contrappone l’approccio dall’alto verso il basso (-> top-down), che viceversa scompone ripetutamente un modello generale fino alle sue componenti elementari. Nella teoria del management, pubblico o privato, le strategie b.-u. e top-down si riferiscono al modo di prendere decisioni e determinare responsabilità, assegnando un ruolo maggiore alla base o al vertice, rispettivamente, della gerarchia organizzativa»

Per semplificare, possiamo immaginare una piramide dove alla base vengono raccolti dati ed informazioni provenienti dalla collettività, che passano al livello successivo di analisi e pianificazione e culminano nella messa in atto di un progetto o in una decisione importante. In alcuni casi specifici relativi alla progettazione è necessaria una pianificazione formulata con (e non per) gli utilizzatori o gli abitanti di un luogo. In questa ottica, le persone non sono più viste come attori senza obiettivi comuni, ma come attori che si attivano per il raggiungimento di una finalità comune, realizzando un processo decisionale il più indipendente possibile da azioni esterne. Oggi la partecipazione dal basso è presa a riferimento nei piani istituzionali con l’obiettivo di arrivare ad una visione e a decisioni condivise da diversi attori.

Per chiarirci le idee, possiamo prendere come esempio due casi presentati nell’articolo "Inventari del patrimonio immateriale: top-down o bottom-up?" di Chiara Bortolotto e Marta Severo in Antropologia Museale n. 10 del 2012 che discute metodi e risultati di due inventari del patrimonio immateriale concepiti in Scozia ed in Venezuela. Nel caso del Venezuela l’inventario è stato concepito prima dell’adozione della Convenzione del PCI, ma riunisce elementi del patrimonio considerati rappresentativi dalle comunità stesse ed è citato dai funzionari e dagli esperti Unesco quando sono invitati ad evocare i principi di base dei nuovi inventari.

A partire dal 2004, più di mille partecipanti, formati grazie a seminari organizzati a livello dipartimentale, affiancati da professionisti sul territorio, hanno schedato 68.000 beni. La selezione di questi collaboratori avrebbe dovuto fare in modo di garantire una partecipazione di tipo bottom-up nonostante la raccolta dati fosse organizzata da funzionari delle amministrazioni culturali. Le schede hanno però subito processo di revisione da parte dei coordinatori dei dipartimenti e delle regioni per essere infine inviate alla sede centrale dell’Instituto del Patrimonio Cultural a Caracas. Una volta qui, è stato effettuato un ulteriore intervento da parte di professionisti (architetti, museologi, antropologi e archeologi), in contatto con i coordinatori regionali e i collaboratori locali. Dopo una revisione tecnica per identificare errori di attribuzione delle categorie, un’equipe di specialisti ha completato le schede sull’analisi di fonti archivistiche.

L’inventario non è quindi unicamente affidato alle comunità locali, ma il risultato di revisioni apportate dai coordinatori dipartimentali e regionali e di aggiustamenti tecnici e formali operati dai trascrittori. L'inventario della Scozia, commissionato dal Museums Galleries Scotland, è stato affidato ad un’équipe di ricercatori della Napier University. Accessibile al sito http://ichscotland.org/wiki/, circa 160 elementi relativi a pratiche di origine scozzese L’inventario scozzese è un wiki46 i cui contenuti possono essere modificati non solo dai responsabili del sito, ma anche e soprattutto dagli utenti.

L'inserimento dei contenuti nel Wiki era previsto come limitato a contributori autorizzati (funzionari delle amministrazioni o delle comunità locali) individuati e formati dai responsabili del progetto ma via via ha adottato un approccio molto più aperto, permettendo la modifica dei contenuti anche in modo anonimo. Questi inventari sono quindi caratterizzati da un basso livello di specializzazione tecnico scientifica e dall’adozione di sistemi non rigidi di identificazione e di raccolta dei dati e rivelano le difficoltà delle istituzioni nella gestione di dinamiche partecipative. La soluzione a queste problematiche potrebbe trovarsi nell’adozione di un approccio bottom-up che convive con interventi top-down per garantire la fattibilità dei progetti. Nelle pagine successive verranno riportati alcuni esempi dai quali evincere che l’acquisizione di informazioni può essere utilizzata per diversi scopi quali: la sicurezza, la condivisione, l’arte e la conoscenza.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Storytelling digitale e nuove forme di fruizione per il Museo 4.0

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Giannori
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Lettere
  Relatore: Davide Mezzino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

progetto
museo
beni culturali
valorizzazione
comunicazione museale
museologia
storytelling
storytelling digitale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi