Skip to content

Il creolo: aspetti descrittivi e teorie sulla genesi di una lingua di contatto

Teoria del baby-talk e del foreigner talk

Il baby talk, in italiano "maternese" o "madrese", è la varietà linguistica con cui gli adulti si rivolgono ai bambini. La sua principale componente è la semplicità espressiva finalizzata allo scopo di apprendere il nuovo codice linguistico. Secondo questa teoria, i parlanti nativi usano un sistema morfologico e sintattico ridotto per rendersi maggiormente comprensibili a coloro che stanno apprendendo la nuova lingua.

Hugo Schuchardt fu tra i primi a considerare la struttura tipica di una lingua di contatto come il risultato di un processo di semplificazione linguistica, ma diversamente dalla posizione di A.F. Coelho (e senza negare l’importanza delle leggi psicologiche intraviste dallo studioso portoghese), era convinto che il processo di semplificazione che dà origine al creolo fosse svolto non dalle popolazioni indigene, bensì dagli Europei nel momento in cui si rivolgevano ai primi, con lo scopo di rendere la comunicazione il più efficace possibile.

Tale processo di semplificazione, di fatto, porterebbe all’emergere di una (auto)consapevolezza delle strutture essenziali della propria lingua da parte del parlante europeo, che conseguentemente selezionerebbe quelle percepite come più salienti per poter comunicare più facilmente con i locali. In chiave generativista, si potrebbe dire che questo processo di autosemplificazione farebbe emergere la ‘struttura profonda’ e innata, la competence (da qui le molte somiglianze tra le lingue di contatto sparse nel mondo).
L’origine di una lingua di contatto, dunque, è cosu un fenomeno collegato all’acquisizione di una seconda lingua. In questo senso, esso ha caratteristiche simili ad un baby-talk. Infatti, oltre alla riduzione del sistema lessicale e sintattico, li accomuna il contesto di nascita. Come affermano Hock e Joseph:

“Speakers find themselves in a situation […] where they are forced to communicate with others whose language they do not understand and who do
not understand their language”.


Tuttavia, è necessario sottolineare che i pidgin hanno anche qualche caratteristica morfologicamente complessa, il che sarebbe un elemento contrario a questa teoria. Lo strutturalista statunitense Leonard Bloomfield (1887-1949) in “Language” (New York, 1933) definì il baby-talk “the masters’ imitation of the subjects’ incorrect speech […] some of its features are based on upon the subjects’ mistakes but upon grammatical relations that exist within the upper language itself”. In seguito, i sostenitori di questa ipotesi, individuarono nel foreigner-talk una possibile fonte per i pidgin. A tal proposito si parla anche di "riduzione", "ristrutturazione".

“Foreigner talk is the conscious simplification of the one’s own language spoken with foreigners who are believed not to understand the full, ‘mature’ version of the language”.

Il foreigner-talk è considerato il risultato di quattro processi: adattamento, imitazione, condensazione telegrafica, adozione di convenzioni.
La prima fase consiste appunto nell’adattarsi alla competenza dei parlanti non nativi attraverso l’impiego di frasi brevi e semplici, di un ritmo lento e di termini generali.
Nella fase successiva il parlante tende ad imitare, in diversi modi, la parlata del suo interlocutore non nativo, per esempio attraverso la ripresa di alcuni termini. La terza fase vede l’eliminazione di parole con la funzione di articoli, ausiliari e copule che potrebbero confondere l’interlocutore. Nell’ultima fase, infine, il parlante adotta varie convenzioni. Spesso, per esempio, sono usate caratteristiche tipiche di un pidgin come l’uso di voci straniere o di pronomi forti.

Oltre a questi processi, i parlanti ricorrono sovente a diverse strategie come la ripetizione, il parlare a voce alta ed il ricorso a mezzi paralinguistici come i gesti. Inoltre, riguardo all’importanza del foreigner-talk, Mühlhäusler precisa che essa è limitata soprattutto alle prime fasi della formazione di un pidgin. Volker Hinnenkamp ritiene che essa non possa essere considerata un modello che ricorra costantemente nell’apprendimento di una seconda lingua poiché troppo imprevedibile:

“inconsistency and high variability of FT use does not allow for model simplification to play a decisive role as an input source for the target language learner […] Simplifications do of course occur. [But] although the ability of a native speakers to simply her or his native language is an indisputable fact, model simplification as such s not a sufficient condition for the inception of pidginization”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il creolo: aspetti descrittivi e teorie sulla genesi di una lingua di contatto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Di Silvestro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Laura Biondi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chomsky
pidgin
creolo
lingua creola
creolo hawaiano
lingua di contatto
bickerton
lingue di contatto
origine del linguaggio
hawaiian creole english

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi