Skip to content

Validazione farmacologica di un test della modulazione del consolidamento mnestico da parte dell'arousal positivo

Trasmissione noradrenergica, glucocorticoidi e amigdala baso-laterale

Dalla ricerca animale è emerso come, differentemente dalla neurotrasmissione dopaminergica descritta precedentemente, quella noradrenergica sia specificamente coinvolta nella modulazione del consolidamento per quegli eventi contraddistinti da un elevato arousal emozionale. L'attivazione noradrenergica nel complesso basolaterale dell'amigdala (ABL) è infatti promossa da tutti quegli stimoli altamente attivanti (come ad esempio le scosse elettriche) che inducono il rilascio nella circolazione sistemica dei cosiddetti ormoni dello stress da parte delle ghiandole surrenali, l'adrenalina e l'ormone glucocorticoide corticosterone (cortisolo nell'uomo), e che sono normalmente utilizzati nei test di memoria sugli animali (McGaugh, 2000, 2002, 2004; McGaugh e altri, 2002; McIntyre & Roozendaal, 2007).
L'amigdala, oltre ad essere essa stessa una regione cerebrale in cui avvengono modificazioni neuroplastiche in grado di sostenere alcune forme di apprendimento implicito, come ad esempio quella per cui uno stimolo precedentemente neutro acquisisce la capacità di elicitare risposte autonomiche e motorie di paura in seguito alla sua associazione pavloviana allo stimolo incondizionato (Davis, 2000; LeDoux, 2000; Stork & Pape, 2002), favorisce il consolidamento di memorie esplicite ad alto contenuto emotivo attraverso la modulazione dell'attività di altre regioni cerebrali coinvolte nell'apprendimento (Cahill & McGaugh, 1998; McGaugh 2000; McGaugh e altri, 2000) tra cui l'ippocampo (Packard e altri, 1994; Roozendaal & McGaugh 1997; Packard & Teather, 1998; Roozendaal e altri, 1999a), la corteccia entorinale (Roesler e altri, 2002) e il nucleo caudato (Packard e altri, 1994; Packard & Teather, 1998). Il primo studio a suggerire un ruolo modulatorio della trasmissione noradrenergica, dimostrò come antagonisti dei recettori β-adrenergici infusi nell'amigdala dopo la prova di addestramento di un test di evitamento inibitorio, poteva impedirne il consolidamento e che tale effetto poteva essere contrastato dalla contemporanea somministrazione di noradrenalina (Gallagher e altri, 1977, 1981).
Successivamente è stato dimostrato che la somministrazione dell'antagonista β-adrenergico propranololo in amigdala poteva contrastare gli effetti facilitatori dell'adrenalina somministrata per via sistemica post-acquisizione (Liang e altri, 1986), in maniera analoga alla lesione dell'amigdala (Cahill & McGaugh, 1991) o della stria terminalis (ST), la struttura principale da cui passano le afferenze e le efferenze dell'amigdala (Liang & McGaugh, 1983). La lesione bilaterale della ST è anche in grado di impedire la facilitazione mnestica indotta dal glucocorticoide sintetico desametasone somministrato per via sistemica (Roozendaal & McGaugh, 1996) così come gli antagonisti β-adrenergici infusi nell'ABL, che hanno anche la capacità di ostacolare l'effetto facilitatorio dell'agonista per i recettori dei glucocorticoidi RU28362 infuso anch'esso nell'ABL (Quirarte e altri, 1997). In linea con questi studi, molti lavori successivi hanno dimostrato come l'infusione postaddestramento della noradrenalina o dell'agonista β-adrenergico clenbuterolo sia in grado di facilitare la ritenzione mnestica di ratti impegnati in compiti di evitamento inibitorio (Liang e altri, 1990, 1995; Introini-Collison e altri, 1991, 1996; Izquierdo e altri, 1992; Ferry & McGaugh, 1999) ma anche in labirinti ad acqua (Hatfield & McGaugh, 1999). L'adrenalina sistemica sembra esercitare i suoi effetti attraverso l'attivazione dei recettori β-adrenergici sul tratto ascendente del nervo vago che proietta verso il nucleo del tratto solitario (NTS), il quale attiva la trasmissione noradrenergica in amigdala sia direttamente che indirettamente attraverso le sue proiezioni al locus coeruleus (LC) (Liang, 2001; Williams & Clayton, 2001).
Questo è stato dimostrato dall'evidenza che l'antagonista β-adrenergico propranololo infuso nel NTS (Clayton & Williams, 2000), così come l'inattivazione del NTS tramite lidocaina (Williams & McGaugh, 1992), sono in grado di prevenire la facilitazione mnestica indotta dall'adrenalina sistemica post-addestramento. Lo stesso NTS è inoltre attivato dagli ormoni glucocorticoidi in quanto l'agonista per i recettori dei glucocorticoidi RU28362 infuso nel NTS è in grado di facilitare la ritenzione dei test di evitamento inibitorio e tale effetto è ostacolato dall'infusione intra-ABL del propranololo (Roozendaal e altri, 1999b). Inoltre, di particolare interesse in riferimento al paragrafo dedicato alla trasmissione dopaminergica, è la dimostrazione che gli effetti facilitatori del glucocorticoide sintetico desametasone somministrato per via sistemica possono essere efficacemente ostacolati anche dalla lesione bilaterale del NAc o da una lesione del NAc di un emisfero e dell'ABL controlaterale, mentre non possono essere ostacolati con lesione di un NAc e dell'ABL ipsilaterale (Setlow e altri, 2000). Questo dimostra come l'effetto modulatorio dei glucocorticoidi richieda non soltanto un'intatta funzionalità dell'ABL, ma anche dell'intero circuito che connette l'ABL al NAc attraverso la ST.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Validazione farmacologica di un test della modulazione del consolidamento mnestico da parte dell'arousal positivo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Berardi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Simona Cabib
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riconoscimento
memoria
cervello
oggetti
comportamento
modulazione
consolidamento
neurotrasmettitore
neuroscienze
emozione
dopamina
topo
antagonista
psicobiologia
psicofarmacologia
noradrenalina
sch-23390
propranololo
consolidamento mnestico
mlt
ippocampo
amigdala

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi