Skip to content

Pena, diritto e dignità umana

Umanizzazione della pena

L’odierna applicazione della pena alla commissione di un delitto è fortemente vincolata da garanzie costituzionali volte a tutelare in primis la dignità umana. In realtà, nei secoli passati, nell’applicazione della pena non si teneva in considerazione il soggetto al quale veniva inflitta, e le pene più efferate venivano anzi considerate idonee alla repressione di nuovi delitti poiché fungevano da deterrente per la società. Una simile considerazione però, comportava l’inflizione di condanne crudeli per delitti considerabili non gravi; non esisteva quindi nessuna proporzionalità della pena al fatto compiuto. Cade perfettamente qui a proposito la celebre frase di Beccaria: “Non vi è libertà ogni qual volta le leggi permettono che, in alcuni eventi, l’uomo cessi di esser persona, e diventi cosa”, affermazione condivisa e confermata vent’anni dopo nella seconda formulazione dell’Imperativo Categorico kantiano. Il merito del lungo processo di umanizzazione della pena lo si deve dare senza dubbio all’Illuminismo, che ha contribuito all’eliminazione di supplizi e torture considerati oggi riprovevoli e orribili; si giunge quindi alla riforma del diritto penale moderno che ha distrutto tante pene barbare e disumane ed ha eliminato punizioni troppo severe, come la pena di morte, per delitti non gravissimi, come ad esempio il furto, cercando così di attuare una certa proporzione fra delitto e pena.

La tesi più fortemente mossa è quella riguardante l’abolizione della pena di morte, ancora oggi è in vigore in alcuni stati; già Beccaria si riteneva un abolizionista, infatti affermava: “Quale può essere il diritto, che si attribuiscono gli uomini, di trucidare i loro simili? Non certamente quello da cui risultano la sovranità e le leggi,…, parmi un assurdo, che le leggi, che sono l’espressione della pubblica volontà, che detestano e puniscono l’omicidio, ne commettano uno esse medesime, e per allontanare i cittadini dall’assassinio, ne ordinino uno pubblico”. Applicando la pena di morte il colpevole viene considerato come l’incarnazione del delitto che ha compiuto e non più come persona, difatti, si elimina il criminale per eliminare il crimine che ha commesso. In realtà molti hanno considerato la pena di morte da un punto di vista utilitaristico, asserendo che il fine primario della pena capitale è quello di reprimere, attraverso il senso di orrore che provoca nella società, la commissione di crimini. A questa ipotesi molti altri hanno replicato affermando che l’uomo non può e non deve essere lo strumento deterrente nelle mani dello Stato, lo stesso Kant ha più volte ribadito il concetto di uomo come fine e non come mezzo; altri ancora hanno invece considerato la pena di morte come una pena rieducativa, come ad esempio si evince dalle affermazioni di Mathieu: “Con enorme scandalo dei suoi denigratori, delinquenti incalliti, che mai avrebbero riacquistato una coscienza morale soggiornando per quanto a lungo in uno stabilimento di pena, appaiono redenti e trasformati anche soggettivamente da una condanna a morte”. Un’affermazione del genere è facilmente opinabile dato che, essendo la pena capitale una pena di per sé indeterminata, la sua durata è diversa se applicata ad un uomo di vent’ anni o ad uno di ottanta, perciò il fine rieducativo del quale parla Mathieu non può ritenersi né valido né tantomeno esistente. Lo stesso Mathieu prende in considerazione questo tipo di obiezione affermando: “Quand’anche la pena di morte servisse a convertire il peccatore, si dirà, serve al tempo stesso a distruggerlo: strano modo di rieducare”. In realtà, l’obiezione fondamentale, è quella consistente nel dire che la pretesa funzione rieducativa della pena di morte è contraddittoria, e – se l’argomento non fosse tragico – risibile, dal punto di vista non della società e del suo interesse, ma della persona interessata; si uccide una persona e si pretende anche di rieducarla. In effetti vi sono stati casi in cui, di fronte alla morte, delinquenti incalliti si sono realmente convertiti, ma in questo caso sarebbe crudele e ingiusto infliggere la morte a chi ormai è convertito e che potrebbe fare del bene.

Mario Cattaneo ha presentato un problema qualificabile come filosofico, ovvero considerare legittimo equiparare la perdita di un diritto a causa della commessa violazione di un diritto altrui, ad una certa misura temporale. Cattaneo si chiede cioè, se è lecito eliminare una parte del tempo della vita di una persona, attraverso la reclusione, per un delitto che questa ha commesso. Il caso estremo nella speculazione di Cattaneo, è rappresentato dall’ergastolo, in merito, infatti, egli afferma: “Come la pena di morte è violenza fatta all’uomo, è interferenza dello Stato in un campo che è sottratto alla sua competenza (perché la vita viene da Dio), così la pena dell’ergastolo è violenza assoluta arrecata al tempo dell’uomo; è distruzione totale del suo tempo, e in ciò poco si differenzia dalla pena di morte; o meglio, si differenzia da questa soltanto per la sua riparabilità (ma anche questa relativa perché il tempo passato in carcere ingiustamente non può essere restituito)”. Egli definisce la pena capitale come morte fisica, mentre il carcere a vita come morte civile, entrambe dannose in egual misura ed inaccettabili umanamente. Concorda da questo punto di vista con Mathieu, il quale definì l’ergastolo come “una pena di morte rinviata”. Il carcere a vita, pur apparendo riparabile, è altamente contrario al senso di umanità, la sua riparabilità è infatti condizionata da fattori, diversi per ogni singolo caso concreto, impeditivi per la riparazione di una eventuale pena ingiusta. Un altro elemento a sfavore dell’ergastolo, Cattaneo lo trova nella incertezza del tipo di pena, poiché né il legislatore né il giudice possono predeterminare la durata effettiva della vita umana; stando alle considerazioni di Cattaneo l’ergastolo, quindi, violerebbe il principio della certezza del diritto, costituendo una considerevole eccezione in quegli ordinamenti fedeli a tale principio. In sostanza egli rivendica “la mancanza di un limite massimo, l’impossibilità di sapere quando finirà; e questo vale sia per la pena (o la misura di sicurezza) consapevolmente presentata come indeterminata, sia per la pena che deve durare tutta la vita del condannato (dato che è impossibile prevedere la durata di questa vita)”.

Ad ogni modo, prescindendo dal rapporto pena-tempo, occorrerebbe rendere più umana l’esecuzione della pena, limitando la sofferenza, che questa impartisce, alla mera privazione di libertà; spesso accade infatti che i sovraccarichi disciplinari, gli abusi perpetrati dalle guardie carcerarie e l’inadeguato controllo di sicurezza tra i detenuti, siano causa di ben più gravi conseguenze che ricadono inevitabilmente sia sul detenuto sia sulla sua famiglia. Alcuni hanno proposto anche una violazione del principio della personalità della pena in relazione alle sofferenze che i familiari subiscono in seguito alla detenzione di un componente della famiglia, soprattutto se si tratta del padre. Pene accessorie infatti, come la confisca dei beni del condannato, si ripercuotono sullo stile di vita di soggetti innocenti; dal punto di vista sociale questi soggetti subiscono una emarginazione a causa di un crimine che non hanno commesso. Questo problema è stato preso in considerazione dal Beccaria, il quale affermò che: “Le confische mettono un prezzo sulle teste dei deboli, fanno soffrire all’innocente la pena del reo, e pongono li innocenti medesimi nella disperata necessità di commettere delitti. Qual più tristo spettacolo, che una famiglia strascinata all’infamia e alla miseria dai delitti di un capo, alla quale la sommissione ordinata dalle leggi impedirebbe il prevenirli, quand’anche vi fossero i mezzi per farlo?”. Anche Del Vecchio ha fornito delle osservazioni in merito affermando che: “Una delle maggiori incongruenze degli odierni sistemi penali è l’impossibilità della quale sono posti i reclusi di adempiere i loro obblighi di assistenza familiare, imposti dalle leggi civili. È una incongruenza ancora più grave, perché contrasta con un’esigenza primaria della giustizia, è nel fatto che per gli odierni sistemi, specialmente nei casi di reclusione per lungo tempo o a vita, le pene cagionano sofferenze crudeli, oltre che al reo, ai suoi congiunti innocenti. Basterebbe ciò, a mio modesto avviso, perché ogni retta coscienza debba auspicare una riforma o almeno mitigazione dei vigenti sistemi penali. Il più elementare senso di umanità dovrebbe suggerire, pur sotto l’impero di cotesti sistemi, un’opera di assistenza e soccorso alle famiglie dei carcerati: un’opera della quale esistono finora solo gli inizi.”

È facilmente comprensibile, quindi, che nonostante gli sforzi illuministici di imprimere negli ordinamenti moderni la consapevolezza della necessaria tutela dei diritti umani e della dignità, ancora oggi il problema, seppur ridimensionato rispetto agli antichi supplizi, sia attuale; considerando che i bisogni odierni sono diversi, gli ordinamenti dovrebbero fornire soluzioni migliori al fine di rendere meno problematica la detenzione limitandone le ripercussioni.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Pena, diritto e dignità umana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Alaimo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Lucia Corso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi