Skip to content

Metodologie di analisi delle performance degli hedge fund prima e durante la crisi finanziaria

Variabilità e la covarianza degli excess return delle asset class dal periodo gennaio 2003 a dicembre 2007

Considerando circa settanta regressioni, con l'analisi delle componenti principali abbiamo individuato tredici fattori in grado di rappresentare al meglio la variabilità e la covarianza presente nel campione degli excess return delle asset class utilizzate, dal periodo gennaio 2003 a dicembre 2007.
Ognuna di queste componenti è in grado di fornire un discreto contributo delle asset class che rappresenta, in quanto, il software SAS restituisce, per il periodo esaminato, dei fattori ben definiti.

Le componenti principali individuate spiegano i seguenti mercati:
- La prima componente rappresentativa del mercato azionario mondiale;
- Seconda componente rappresentativa dei mercato azionario settoriale;
- Terza componente rappresentativa del mercato obbligazionario;
- Quarta componente rappresentativa dei tassi di interesse a breve termine americani ed europei;
- Quinta componente rappresentativa dei tassi di interesse di medio / lungo periodo del mercato europeo;
- Sesta componente rappresentativa degli indici sulle commodity;
- Settima componente rappresentativa degli indici di volatilità;
- Ottava componente rappresentativa dei tassi di total net return Growth e Value del mercato europeo;
- Nona componente rappresentativa dei tassi di total net return Growth e Value del mercato Far East;
- Decima componente rappresentativa del tasso della commodity Livestock;
- Undicesima componente rappresentativa ai tassi di interessi di medio / lungo periodo americani;
- Dodicesima componente rappresentativa del mercato dell'energia;
- Tredicesima componente rappresentativa alle società small capital.

Si è scelto di tenere tale numero di componenti principali per il grado di informazione offerta dal numero di fattori selezionati, infatti i tredici fattori rappresentano il 90,32% della varianza totale.

Dopo aver ruotato i fattori tramite il metodo VARIMAX, ovvero un metodo che ha come obiettivo la minimizzazione del numero di variabili che possiedono saturazioni elevate per ciascun fattore, è possibile ottenere lo schema dove per ogni componente è indicata la varianza spiegata corrispondente.
Anche in questo caso vediamo come la significatività statistica del test F non è dimostrata nella maggior parte delle strategie: soltanto tre, contro le cinque del metodo di Sharpe (1992) hanno un p – value minore rispetto il livello di significatività.
Nonostante la bassa significatività, tale metodologia è ritenuta più precisa perché sintetizza il contributo informativo di settanta regressori in tredici fattori. Si risolve il problema della multicollinearità per il fatto che le variabili esplicative non sono tra loro correlate come avveniva nell'analisi proposta da Sharpe (1992).

Inoltre il fatto che il test F non sia statisticamente significativo nella maggior parte delle strategie indica che il problema non è la metodologia con il quale si lavora ma la dinamicità delle strategie degli hedge fund, essendo totalmente diverse da quelle impiegate dalle asset class utilizzate (Fung e Hsieh, 1997).
Inoltre, nel loro paper Fung e Hsieh propongono un'altra applicazione delle componenti principali, ovvero trovare le comunalità non tra i regressori ma tra le strategie di hedge fund (spiegato nel capitolo sei).
Leggendo i risultati della loro analisi ci rendiamo infatti conto che si otterrebbero dei risultati più significativi; tuttavia, nel nostro caso non è stato possibile applicare la loro metodologia per il fatto che sarebbe necessario possedere le performance dei singoli fondi hedge anziché gli indici rappresentativi delle strategie (unici dati disponibili in nostro possesso per la nostra analisi).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Metodologie di analisi delle performance degli hedge fund prima e durante la crisi finanziaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Salvo
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Eugenio Namor
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

correlazione
crisi finanziaria
fung hsieh
hedge fund
regressione multipla

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi