Skip to content

I veicoli a guida autonoma per la logistica di Industria 4.0

Veicoli autonomi

Sono tecnologie in grado di ottimizzare le modalità di distribuzione dei prodotti lungo la filiera a supporto di tutte le attività di logistica interne ed esterne. Perché un veicolo sia definito autonomo (o semi-autonomo) sono richieste componenti hardware e software affidabili ed estremamente performanti: camere, radar, attuatori per il movimento di sterzo e controllo dei freni, dispositivi per la connessione in rete, interfacce uomo-macchina, sistemi operativi e di calcolo molto avanzati. Sensori ottici consentono ai veicoli di scegliere l’itinerario da seguire nelle loro aree circostanti o i compiti da eseguire con le risorse a disposizione.

Entrambi i contributi Gartner e DHL prevedono un tempo di completa maturazione di circa 10 anni.
In molte industrie i robot sono frequenti per far fronte a compiti complessi. Essi si stanno evolvendo diventando sempre più autonomi, flessibili e cooperativi. Eventualmente, interagiranno con altri e lavoreranno nel modo più sicuro al fianco degli uomini.
Nell’industria dell’automotive, i dispositivi di bloccaggio fisso usati nel processo di saldatura e assemblaggio evolveranno in robot industriali autonomi e cooperativi, in grado di mantenere e far girare ogni pezzo secondo requisiti specifici.

Di conseguenza le aziende saranno in grado di produrre un’ampia varietà di modelli di macchina con differenti carrozzerie e design. Fotocamere di Gesture-recognition assisteranno i lavoratori durante la fase di controllo di qualità, documentando in automatico e segnalando eventuali problematiche di qualità. In questo modo si ridurranno i tassi di fallimento e migliorerà il controllo di qualità. Un sistema di controllo, tramite integrazioni di dati, potrà supervisionare il processo di produzione delle auto e modificarlo in automatico. Questi cambiamento comporteranno riduzione dei costi di logistica e delle operazioni e si stima che entro 10 anni genereranno aumenti dell’intera produttività da 25 a 38 miliardi di euro.
Kuka, un produttore europeo di attrezzatura robotica, offre robot autonomi interconnessi tra loro in modo da lavorare insieme e adeguare in automatico le proprie azioni per adattarsi al prodotto non finito. Sensori high-end e unità di controllo permettono una collaborazione stretta con gli uomini.
Similmente, ABB sta lanciando un robot a due braccia, Yu Mi, designato per assemblare al fianco degli uomini prodotti di elettronica di consumo. Due braccia e computer vision permettono interazione sicura e ricognizioni di parti.

Nella fase ingegneristica le simulazioni 3D di prodotti, materiali e processi di produzione saranno sempre più ricorrenti e vantaggiose, per avere dati in tempo reale, riflettere il mondo fisico in quello virtuale, che può includere macchinari, prodotti e umani. Gli operai possono testare e ottimizzare le impostazioni del macchinario per il prodotto in linea con il mondo virtuale prima del passaggio fisico. In questo modo si riduce drasticamente il tempo di setup per il processo di lavorazione. Ogni parte prodotta riceve un codice di identificazione o un piccolo microcomputer integrato, dal quale robot autonomi recuperano informazioni e impongono istruzioni di produzione. Ad esempio, il robot risponderà al compito di eseguire un buco in uno certo posto, selezionare il giusto strumento e interagisce con altri robot per coordinare i movimenti delle loro braccia così da massimizzare l'intera produzione. Una migliore cooperazione tra macchine e umani consentirà ai produttori di produrre tipi di componenti molteplici da una linea di produzione in lotti di dimensioni più piccole. Veicoli di trasporto autonomi lavoreranno con robot di spedizione per adeguare i materiali in ingresso ai dati di operazioni in tempo reale. Saranno poi in grado di cercare il loro percorso intorno al reparto di produzione, usando navigazione laser e comunicare con altri veicoli attraverso reti wireless. Un beneficio dell’automazione per la logistica nei prossimi 10 anni sarà un risparmio di costi del 50 percento per il produttore, del 30 percento per i costi di operazione e riduzione dei tempi di ciclo per il 30 per cento. Adottare queste tecnologie richiederà un aumento di investimenti del circa 35 percento.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I veicoli a guida autonoma per la logistica di Industria 4.0

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Cartolaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria industriale
  Relatore: Valerio Elia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

e-commerce
amazon
magazzino automatico
internet delle cose
big data
industria 4.0
logistica 4.0
tecnologie logistiche
kiva systems
veicoli a guida autonoma

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi