Skip to content

Finzione d'identità in Jacques Lacan

Verso una filosofia indiretta. Lacan e Merleau-Ponty

L’errore di cui è vittima Sartre sta nel confondere il soggetto della coscienza, che come sappiamo per Lacan non è il vero soggetto, con quello dell’inconscio. In pratica anche Sartre si rifà al soggetto cartesiano, il soggetto ipnotizzato dall’illusione del vedersi vedere, che viene però a coincidere con un potere di nullificazione dal momento che - tornando a Berkeley - nulla mi assicura che esista davvero qualcosa al di là delle mie rappresentazioni. Come già Cartesio, anche Berkeley dovrà assumere l’esistenza di un Dio come garante della realtà esterna. Il dubbio cartesiano si riversa infatti sull’esterno, come se dal soggetto si sprigionasse una forza di nullificazione su tutta la realtà circostante. Il potere di nullificazione non viene però superato neanche dalla filosofia successiva: lo stesso Heidegger, secondo Lacan, priva il soggetto - anzi parliamo ora di Dasein - di tale potere, solo per restituirlo all’essere stesso; o perlomeno Heidegger pone il problema di come ci si possa riferire al suddetto potere di nullificazione. Lacan sostiene, rifacendosi a Merleau-Ponty, che il grande passo compiuto da Heidegger stia nel connotare il fondamento –inteso come ciò che sta al di là sia dell’in sé dell’oggetto che dell’esserci dell’uomo - quale luogo del nulla. Merleau-Ponty accusa però Heidegger di aver poi cercato di definire per via diretta tale fondamento quando una definizione diretta del fondamento è impossibile; all’ontologia heideggeriana Merleau-Ponty contrappone così una filosofia negativa, un metodo indiretto, perchè l’essere non ha fondamento. “Mi sono venute meno le parole, ebbe poi a confessare Heidegger. Le parole della fenomenologia. Cioè della filosofia. Essere erano inadeguate a esprimere l’essere”.
Merleau-Ponty opera un ritorno all’intuizione, a ciò che sta prima di ogni riflessione, il punto non teorizzabile da cui visibilità e invisibilità hanno origine.In questo modo egli si distacca dallo sguardo pieno della coscienza cartesiana per affermarne l’impossibiltà, in quanto l’essere verso cui essa si rivolge non è a sua volta un essere pieno, ma un essere che porta con sè il non-essere. Presenza e assenza sono per Merleau-Ponty coesistenti, si appartengono a vicenda. Allo stesso modo, non si tratta più di una passività che viene prima dell’attività, come ci dice Sartre, ma piuttosto passività e attività sono simultanee, cooriginarie, opposte facce della stessa medaglia tenute assieme e nello stesso tempo separate da quel punto di schisi che già avevamo ritrovato nell’espressione rovesciamento a dito di guanto.
Queste riflessioni, rintracciabili nella filosofia dell’ultimo Merleau-Ponty, in particolare nell’opera Il visibile e l’invisibile, si sposano col pensiero lacaniano: siamo ben lontani dall’illusione di certezza che si riponeva nel cogito cartesiano e ugualmente distanti da una filosofia sartriana che non riesce in definitiva a portarsi al di là del dualismo spirito-sostanza, soggetto-oggetto, uomo-mondo. Ciò risulta evidente dalla definizione che Sartre dà dei concetti di per sé e in sé, dove il primo sta per puro non-essere e il secondo per puro essere. In questa visione è rintracciabile lo schema cartesiano che si esplica nel dualismo di res extensa e res cogitans, conducendo inevitabilmente ad una filosofia del soggetto puro - il cogito ergo sum - da cui l’intera esistenza dovrebbe derivare.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Finzione d'identità in Jacques Lacan

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Arcelli Fontana
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Carmine Di Martino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi