Skip to content

La filosofia del vento: da Omero a Miyazaki

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Sansone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Comunicazione e DAMS
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Felice Cimatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

Questo lavoro è incentrato sul tema del vento come elemento e contesto attorno al quale ruotano le opere del mangaka e regista Giapponese Miyazaki, grande appassionato di tutto ciò che concerne il volo; a tal proposito, diede al suo studio di animazione il nome del vento che soffia nel deserto del Sahara: studio “Ghibli”. Ma Hayao non è il solo estimatore, molto prima di lui si possono trovare esempi di questo genere all'interno dell'immaginario della Grecia arcaica e principalmente nelle opere di Omero. In quest'ultimo il ruolo del vento è fondamentale per quanto riguarda il viaggio dell'eroe Ulisse che, attraverso diverse difficoltà, viene aiutato ma anche ostacolato da questo fenomeno. Nei manga e lungometraggi miyazakiani, spesso l'eroe si trova nella stessa situazione di Odisseo dove mai nulla è scontato perché dal momento di pace si può passare rapidamente ad un momento catastrofico, in cui gli elementi naturali possono favorire o sfavorire il percorso in atto. Prendendo in questione l'eroina Nausicaä (del film Nausicaä della valle del vento, 1984), i membri del villaggio pregano gli dèi affinché accompagnino ella in battaglia e le infondano il Ki, più comunemente conosciuto come “energia”, per sostenerla durante le prove che l'attendono.
I mondi creati da Miyazaki sono cosparsi di energia, la quale scaturisce da elementi naturali che infondono coraggio agli eroi, spesso in situazioni ai limiti dell'umano; così allo stesso modo accade nell'universo di Omero.
Per entrambi, gli anemoi influenzano i percorsi di quiete e di caos, facendo interagire i protagonisti della storia con tutto ciò che li circonda, quindi, con esseri veri e propri ma anche con limiti e fantasmi del passato.
Il lavoro elaborato è frutto di diverse ricerche bibliografiche ed è suddiviso in tre capitoli, atti a spiegare il ruolo del vento all'interno di diversi scenari. Nel primo, l'anemos viene associato ad entrambi gli autori, tracciando, fin dove è possibile, le motivazioni che hanno spinto entrambi ad utilizzarlo così di frequente all'interno dell'immaginario presente nelle loro opere. Non si tratta di generare a tutti i costi due linee differenti, ma semplicemente constatare ciò che in un certo senso li accomuna e ciò che invece li distanzia. Partendo da questo, quindi collegare in entrambi i casi gli elementi fisici ma anche psichici che compaiono spesso in diverse azioni e situazioni di equilibrio e squilibrio, sia dei personaggi che degli ambienti circostanti.
Nel secondo capitolo, si aprono le tende della simbologia, vista da entrambi in maniera a volte simile e spesso diversa, in quanto nell'artista giapponese viene associata in diversi casi ad un fattore umano, spirituale e di scoperta interiore, mentre nel poeta greco alla divinazione. Nel terzo capitolo, vengono analizzati più nello specifico i protagonisti Ulisse e Nausicaä.
Nel quarto e ultimo capitolo verrà affrontato il tema poetico ed i sentimenti che ne scaturiscono, prendendo come esempio la poesia haiku giapponese, in particolare le opere del poeta Raffaele Pugliese.
Così facendo, il lavoro ha l'obiettivo di generare un microcosmo, prendendo in considerazione, in primis, l'autore Giapponese Miyazaki ed in secondo luogo, le interazioni divine di questo fenomeno, collegandosi ad uno dei testi più importanti di tutta la storia antica, l'Odissea.

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Sansone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Comunicazione e DAMS
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Felice Cimatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questo lavoro è incentrato sul tema del vento come elemento e contesto attorno al quale ruotano le opere del mangaka e regista Giapponese Miyazaki, grande appassionato di tutto ciò che concerne il volo; a tal proposito, diede al suo studio di animazione il nome del vento che soffia nel deserto del Sahara: studio “Ghibli”. Ma Hayao non è il solo estimatore, molto prima di lui si possono trovare esempi di questo genere all’interno dell’immaginario della Grecia arcaica e principalmente nelle opere di Omero. In quest’ultimo il ruolo del vento è fondamentale per quanto riguarda il viaggio dell’eroe Ulisse che, attraverso diverse difficoltà, viene aiutato ma anche ostacolato da questo fenomeno. Nei manga e lungometraggi miyazakiani, spesso l’eroe si trova nella stessa situazione di Odisseo dove mai nulla è scontato perché dal momento di pace si può passare rapidamente ad un momento catastrofico, in cui gli elementi naturali possono favorire o sfavorire il percorso in atto. Prendendo in questione l’eroina Nausicaä (del film Nausicaä della valle del vento, 1984), i membri del villaggio pregano gli dèi affinché accompagnino ella in battaglia e le infondano il Ki, più comunemente conosciuto come “energia”, per sostenerla durante le prove che l’attendono. I mondi creati da Miyazaki sono cosparsi di energia, la quale scaturisce da elementi naturali che infondono coraggio agli eroi, spesso in situazioni ai limiti dell’umano; così allo stesso modo accade nell’universo di Omero. Per entrambi, gli anemoi influenzano i percorsi di quiete e di caos, facendo interagire i protagonisti della storia con tutto ciò che li circonda, quindi, con esseri veri e propri ma anche con limiti e fantasmi del passato. Il lavoro elaborato è frutto di diverse ricerche bibliografiche ed è suddiviso in tre capitoli, atti a spiegare il ruolo del vento all’interno di diversi scenari. Nel primo, l’anemos viene associato ad entrambi gli autori, tracciando, fin dove è possibile, le motivazioni che hanno spinto entrambi ad utilizzarlo così di frequente all’interno dell’immaginario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

filosofia
vento
miyazaki
bachelard

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi