Skip to content

Conflitto e cooperazione intra-gruppo e inter-gruppi: una rassegna della letteratura

Informazioni tesi

  Autore: Sara Rita Corda
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: F. F.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

Il tema del conflitto e della cooperazione tra e nei gruppi è un tema che ha sempre interessato diversi ricercatori di svariate discipline.
Il presente lavoro ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza di tali fenomeni, ciò è stato possibile grazie all’utilizzo di alcuni manuali presenti in letteratura e di diversi articoli pubblicati in varie riviste scientifiche (quali il Journal of Social Issues, il Journal of Personality and Social Psychology, Group Dynamics: Theory, Research, and Practice ecc.), reperiti grazie alla consultazione delle principali banche dati che contengono materiale psicologico e sociologico.
Si è ritenuto opportuno quindi, confrontare il materiale recuperato in modo tale da avere un quadro molto più dettagliato e ampio sull’argomento.
All’interno di ogni capitolo ci sarà inoltre, una piccola parte dedicata ai gruppi di lavoro in generale (primo capitolo), ai gruppi di lavoro e il conflitto (secondo capitolo) e infine ai gruppi di lavoro e cooperazione (terzo capitolo).
Il primo obiettivo è di fare chiarezza sul tema del gruppo, infatti, saranno prese in esame le principali definizioni e classificazioni che sono state fatte in letteratura sul tema.
Inoltre, ci si è chiesti qual è il processo di formazione di un gruppo e che cosa succede all’individuo nel momento in cui decide di farne parte, si farà quindi riferimento alla teoria dell’identità sociale di Tafjel del 1981 e alle recenti ricerche scientifiche.
Sarà inoltre rivolta particolare attenzione al gruppo di lavoro, alla sua formazione e alle sue dinamiche.
Il secondo capitolo ha come obiettivo quello di analizzare il fenomeno del conflitto, e oltre ad esserci chiesti come le diverse discipline vedono il conflitto e come i diversi tipi di conflitto sono classificati in letteratura, si è cercato di individuare che cosa può incentivare o inibire il conflitto tra e nei gruppi.
Anche in questo capitolo una piccola parte è stata dedicata al gruppo di lavoro, in particolare l’attenzione si è concentrata sugli effetti che i diversi tipi di conflitto possono avere sulla performance.
Il terzo capitolo invece affronta il tema della cooperazione ed anche in questo caso è stata fatta una prima introduzione del tema e poi si è cercato di individuare quali sono i motivi che portano gli individui a cooperare tra loro.
Per far ciò sono state prese in esame alcune teorie di origine economica che spiegano il comportamento degli individui in maniera razionale (il dilemma del prigioniero e il dilemma dei beni pubblici) che sono state applicate sia in campo psicologico che sociologico.
Poiché, come noto, il comportamento degli individui non è totalmente razionale, si è cercato di individuare quali altri fattori potessero contribuire alla messa in pratica di un comportamento cooperativo tra e nei gruppi in generale, e in quelli di lavoro in particolare.
Il lavoro si conclude evidenziando i limiti di alcune prospettive proposte e fornendo spunti per la ricerca futura.

Informazioni tesi

  Autore: Sara Rita Corda
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: F. F.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
17 1.4. Il G r uppo e i l mondo de l l avor o Non possia mo pe nsa re a l me rc a to de l la voro e a lle orga niz z a z ioni se nz a pe nsa re a lla risorsa uma na , infa tti, è sulla pe rsona c he si ba sa il suc c e sso de lle orga niz z a z ioni e la loro c a pa c ità di a ffronta re le nuove situa z ioni. All’inte rno de lle orga niz z a z ioni la risorsa uma na è un e le me nto stra te gic o se nz a la c ui c olla bora z ione , c oinvolgime nto e c ondivisione de gli obie ttivi, non si potre bbe ro a ffronta re le sfide e i rinnova me nti c ontinua me nte in a tto ne l mondo e c onomic o. L ’orga niz z a z ione , dunque , de ve pe rse guire lo sviluppo e il migliora me nto qua lita tivo de lle risorse uma ne pe r la sua pie na re a liz z a z ione e d il ra ggiungime nto de i fini ultimi c he le a ppa rte ngono, la sua mission (King, He bl & B e a l, 2009). Spe sso pe rò il la voro da svolge re non è a ffida to a i singoli individui ma a i gruppi. B rown rifa c e ndosi a i risulta ti e me rsi da gli e spe rime nti di E lton Ma yo ha e le nc a to a lc uni princ ipi ine re nti a l ra pporto individuo/la voro:  Il la voro è un’a ttività di gruppo e il mondo soc ia le de ll’a dulto è mode lla to princ ipa lme nte sull’a ttività la vora tiva ;  Dive rsi bisogni individua li sono le ga ti a ll’a ppa rte ne nz a a l gruppo tra que sti trovia mo il bisogno di sic ure z z a e di ric onosc ime nto, que sti influe nz a no il c omporta me nto la vora tivo;  L ’a ppa rte ne nz a a un gruppo in a mbito la vora tivo (e non solo) c ostituisc e un pote nte re gola tore de lle a bitudini e de gli a tte ggia me nti de i la vora tori, ma bisogna a nc he sottoline a re c he la c olla bora z ione di gruppo non si re a liz z a a c a so ma de ve e sse re pre pa ra ta e sviluppa ta (Anc ona & Ac hille 1979). Alc uni a nni fa le orga niz z a z ioni non e ra no molto prope nse a utiliz z a re il gruppo di la voro pe r ra ggiunge re i propri obie ttivi a z ie nda li e orga niz z a tivi, poic hé te nde va no a c onside ra re l’utiliz z o de l gruppo una pe rdita di te mpo, quindi, di c onse gue nz a inc e ntiva va no il la voro individua le c he ve niva visto c ome più e ffic a c e e d e ffic ie nte . Que st’a tte ggia me nto ne ga tivo ve rso l’uso de l gruppo di la voro e ra in pa rte giustific a to a nc he da l ra pporto ne ga tivo c he può e sse rc i tra individuo e il gruppo di la voro. R a pporto da to a nc he da l fa tto c he gli individui non se mpre sc e lgono sponta ne a me nte di fa r pa rte di ta le gruppo (Poja ghi, 2000), infa tti, qua ndo si e ntra a fa r pa rte di un gruppo s’inc ontra una nuova re a ltà sc onosc iuta a l singolo qua nto a gli a ltri me mbri: c iò può ge ne ra re a nsia c he si ripe rc uote ne l gruppo in tutte le sue pa rti (Qua glino, e t al ., 1996). C on il progre dire de l te mpo le orga niz z a z ioni sta nno dive nta ndo se mpre più fiduc iose ne i c onfronti de ll’utiliz z o de l gruppo, e sta nno se mpre più spe sso a ffida ndo lo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
gruppo
performance
cooperazione
conflitto
sherif
intergruppi
membership e groupship
sers theory
intragruppo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi