Skip to content

Il trattamento della malattia mentale. Il CSM di Rimini

Informazioni tesi

  Autore: Maura Gobbi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Chiara Scivoletto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

Sotto la spinta degli scritti di Goffmann, Laing e Foucault, negli anni Sessanta del XX secolo emerge una generale insoddisfazione nella psichiatria tradizionale fino a portare l’Italia, grazie anche allo spirito riformatore di F. Basaglia, all’emanazione, nel maggio del 1978, della legge n. 180, la cosiddetta “legge Basaglia”, la quale chiude i manicomi e riconsegna al malato i suoi diritti di cittadinanza.
Attraverso la 180, viene superata ogni concezione custodialistica della malattia mentale passando dal manicomio alle strutture e ai servizi territoriali che consentono al cittadino di vivere la sua sofferenza psichica mantenendo i legami con la società di cui resta membro. Fino a quel momento l’esistenza dei manicomi veniva giustificata dalla condizione imprevedibile e spesso pericolosa dei soggetti “alienati” la cui figura, sempre più spesso, si affiancava e si confondeva con quella dei delinquenti.
Se è vero che la malattia mentale è il risultato di una costruzione sociale così come lo è la devianza, allora è necessario andare a studiare il contesto sociale in cui avviene, le modalità attraverso cui il processo si compie e i modi di cura e trattamento che l’istituzione e la società stessa offrono al malato. Per questo motivo ho proseguito con una descrizione dei servizi offerti dal Centro di Salute Mentale della mia provincia: il CSM di Rimini, facendo emergere funzioni e disfunzioni alla luce delle teorie di sociologi come Lemert, Scheff e Goffmann.
Essi, compiendo studi sulla devianza e presupponendo un’interpretazione sociale della malattia mentale come allontanamento dalla “normalità”, concludono che la reazione sociale e il controllo sociale hanno un effetto determinante sulla costruzione sociale dell’identità dell’individuo. Il processo di costruzione sociale del malato giunge a compimento nel momento in cui la società riconosce in lui quel ruolo ed egli stesso si identifica come tale.

Metodologia usata:
La decisione di effettuare una frequenza volontaria all’interno del Centro di Salute Mentale di Rimini è stata supportata dall’idea che la maggior conoscenza della sua organizzazione mi avrebbe aiutato a comprendere meglio il percorso istituzionale che ha portato all’emanazione della 180 e l’attuale condizione dei servizi psichiatrici attuali. Lo stage è stato effettuato lungo un periodo di quattro mesi durante i quali ho svolto il ruolo di osservatrice non partecipante, basato soprattutto su osservazioni fatte dentro e fuori la struttura e su colloqui informali con i diversi operatori.
Superato il dubbio che la mia posizione potesse mettere a disagio il paziente o gli operatori stessi durante il loro lavoro, ho continuato ad annotare tutto ciò che ritenevo interessante su un taccuino per poi rielaborare le informazioni.
La possibilità di accedere alla biblioteca del Centro, di girare liberamente all’interno della struttura e di accompagnare e seguire gli operatori nel loro lavoro quotidiano, mi ha permesso di osservare da vicino le funzioni del CSM e le modalità con le quali tenta di realizzare gli obiettivi proposti.

Principali risultati raggiunti:
La nuova proposta di legge Burani Procaccini mette in discussione l’efficacia dei servizi territoriali psichiatrici che, con Basaglia e i suoi collaboratori, hanno segnato uno spartiacque importante nella storia della psichiatria.
Proprio oggi che riaffiora il dibattito socio-politico sulla questione della malattia mentale e del suo trattamento, ritornano attuali gli studi fatti da Lemert, Goffmann e Scheff, alla luce dei quali la nuova proposta di legge parrebbe solamente un ritorno alla psichiatria custodialistica.
L’osservazione condotta circa il lavoro degli operatori del Centro di Rimini, mi ha permesso di capire come oggi viene vista la legge 180, che ormai venticinque anni fa ha riformato il campo della salute mentale, quali sono le lacune che ha lasciato e le prospettive verso le quali ci si propone di andare.
Presupponendo che la gestione della malattia mentale attualmente non è considerata di pertinenza esclusivamente della medicina psichiatrica, ma ritenuta legata al contesto generale e quindi richiede per il suo trattamento un approccio anche “sociale”, ho ritenuto necessario procedere dapprima con una ricostruzione storica della follia, proseguendo con l’iter politico-istituzionale che ha portato alla legge 180 fino alla materializzazione dei suoi contenuti con la sostituzione dei manicomi e la costruzione dei Servizi Dipartimentali. La descrizione del CSM di Rimini rientra nell’obiettivo di analizzarne le funzioni e di far emergere eventuali disfunzioni nel trattamento delle patologie mentali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 χ χVoglio andare in un manicomio a vedere se la profondità della follia mi spiegherà l’enigma della vita χ χ Soren Kierkegaard Introduzione Lo stigma della “follia” ha assunto nell’immaginario collettivo le forme e le connotazioni più terribili a causa dell’errata conoscenza della realtà della sofferenza psichica, della paura dell’incomprensibile e dell’ “ombra oscura” che tutti portiamo dentro di noi. E’ mio obiettivo analizzare le cause della paura nei confronti della diversità, motivo di pregiudizio, facendo emergere come la società ha trattato fino ai giorni nostri un fenomeno sociale di così grande importanza. Anche per la contemporanea scienza psichiatrica, la definizione della follia si muove tra mille ambiguità: non esiste un razionale consenso sui caratteri della malattia mentale, sulle cause che la provocano e sulle modalità terapeutiche da adottare. Come dice R. Porter “la follia è stata e rimane sempre qualcosa di elusivo” 1 . Il disturbo mentale si manifesta attraverso una serie di comportamenti non paragonabili alla patologia organica e non sicuramente dipendenti in modo meccanico e causale dal cattivo funzionamento dell’organismo, o di qualche sua parte. L’iniziativa di tracciare una breve storia della follia non può che partire dalle modalità con cui la malattia psichica è stata vissuta nel tempo, analizzata e curata e, soprattutto, isolata e custodita. 1 R. Porter, Storia sociale della follia, Garzanti, Milano 1991.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi