Skip to content

La Rep. Slovacca verso l'Unione Europea: analisi del processo di transizione

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Vecchiato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Tullio Gregori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

Questo lavoro si concentra sul processo di transizione della Repubblica Slovacca, i cui progressi raggiunti in vista dell’integrazione europea, hanno sensibilmente migliorato l’immagine del Paese a livello internazionale mobilitando gli interessi economici dell’Europa Occidentale e, in particolare, dell’Italia.
Snodo del cosiddetto corridoio balcanico, che incrocia gli assi di comunicazione in direzione est – ovest, dalla Russia alla Francia, e nord – sud dal Nord Europa ai Balcani, la Slovacchia ha rappresentato un esempio di straordinaria rapidità nell’adeguamento ai parametri EU e di migliore performance tra i PECO, pur partendo con due anni di ritardo nelle negoziazioni d’adesione rispetto alla maggior parte dei paesi candidati.
Contemporaneamente, il processo di transizione ha messo, nel corso degli anni, chiaramente in luce alcune peculiarità dell’economia slovacca, quali ad esempio l’insostenibile deficit della bilancia dei pagamenti, che non trova repliche di uguale entità negli altri paesi in transizione, e la mancanza di coordinamento fiscale e monetario che ha influito sui ritardi accusati nell’implementazione delle necessarie riforme strutturali.
Una prima parte introduttiva esamina le tappe salienti del cammino comunitario d’allargamento europeo soffermandosi, in particolare, sui criteri definiti dal Consiglio europeo di Copenhagen nel giugno del 1993. Vengono, quindi, presentati i progressi riportati dalla Slovacchia a livello politico e i risultati raggiunti con riferimento ai parametri economici.
La prima sezione approfondisce, inoltre, l’esperienza comune vissuta dai PECO dopo il crollo dei regimi comunisti e dell’economia centralizzata, con i risvolti conosciuti soprattutto in termini di produzione e occupazione; si conclude con la descrizione del contesto macroeconomico della Slovacchia venutosi a creare durante la transizione.
I capitoli 2 e 3, riguardano problematiche specifiche.
Il secondo capitolo si focalizza sulle dinamiche d’espansione del deficit di conto corrente che hanno accompagnato in modo curioso la crescita economica slovacca durante il processo di transizione, ponendo l’interrogativo se il livello attuale di disavanzo sia sostenibile o meno nel medio e lungo termine. Vengono quindi analizzati alcuni tra i fattori che hanno contribuito alla ricomparsa di un ampio disavanzo di conto corrente a partire dal 2001.
Nella seconda parte del capitolo si considera, invece, l’effetto sulla competitività dell’economia slovacca del graduale trend di apprezzamento del tasso di cambio: presento a tale riguardo un’interpretazione del fenomeno attraverso una rivisitazione della tesi di Balassa – Samuelson.
Infine, vengono presentati i livelli di deficit di conto corrente che costituirebbero target sostenibili nel medio – lungo termine per la Slovacchia.
L’ultimo capitolo affronta i trend inflazionistici conosciuti dal Paese negli ultimi dieci anni e le recenti dinamiche, in particolare dei primi mesi del 2003.
Si ripercorrono, in seguito, i possibili orientamenti strategici adottabili nella conduzione della politica monetaria con il supporto di una versione semplificata del modello di Svensson del 1997, relativo alla funzione di reazione della banca centrale nell’obiettivo di conseguimento di una politica inflation targeting.
Sottolineate, così, le importanti relazioni tra politica monetaria e inflazione, si procede ad analizzare, per un’economia avanzata, i tradizionali canali di trasmissione di un intervento monetario e i relativi meccanismi di propagazione all’economia reale e ai prezzi, supportati da evidenze empiriche.
Da numerosi studi condotti, presentati nel prosieguo del terzo capitolo, si evince che, per le economie in transizione, i canali di trasmissione risultano in generale meno efficaci, sia per condotte monetarie non del tutto indipendenti e incentrate spesso sul monitoraggio del tasso di cambio ( exchange rate targeting ), sia per la presenza di debolezze strutturali nei settori finanziari. Per quanto riguarda la Slovacchia, viene presentato uno studio del 2002 sui meccanismi di trasmissione della politica monetaria in Slovacchia, con i relativi impatti sull’inflazione.
Dopo aver richiamato le interconnessioni esistenti tra mercati finanziari e politica monetaria negli effetti di propagazione degli impulsi all’economia reale e ai prezzi, viene data evidenza al fenomeno del razionamento del credito in Slovacchia, un’altra peculiarità strutturale conosciuta dal Paese durante il processo di transizione.
La sezione conclusiva del presente studio considera, infine, le prospettive riguardanti la futura conduzione dell’economia slovacca in vista dell’assolvimento dei parametri di convergenza per l’integrazione nell’EMU e del rispetto del Patto di Crescita e di Stabilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
V INTRODUZIONE “L’Unione si fonda sui principi di libertà, democrazia, rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, e dello stato di diritto, principi che sono comuni agli Stati membri […]”. “Ogni Stato europeo che rispetti i principi sanciti nell’articolo 6, paragrafo 1, può domandare di diventare membro dell’Unione […]” 1 . Sono trascorsi dieci anni esatti da quando queste parole trovavano una prima proclamazione durante l’importante Consiglio europeo di Copenhagen e incominciava a prendere forma l’ambizioso progetto d’allargamento dell’Unione Europea verso i paesi dell’Europa Centro – Orientale. Era il periodo, quello dei primissimi anni Novanta, di storiche trasformazioni del vecchio ordine geopolitico e dei tradizionali modelli d’equilibrio internazionale, ereditando le conseguenze del tramonto dell’Unione Sovietica e della fine della Guerra Fredda. Il 1989, inoltre, aveva segnato l’inizio di un processo di trasformazione dei paesi dell’Europa dell’Est senza precedenti: sul fronte politico il passaggio a regimi democratici, sul fronte economico la transizione dalla pianificazione centralizzata verso un’economia di mercato. Da allora, lunghe sfide istituzionali, politiche e finanziarie hanno accompagnato l’accelerazione del processo d’integrazione europea di realtà economiche e politiche diverse e, a distanza di un decennio dalla solenne definizione dei criteri di Copenhagen, un altrettanto solenne avvenimento ha realizzato questo storico obiettivo dell’Unione: la ratifica dei trattati d’adesione il 16 aprile 2003 per otto paesi dell’Europa Centro – Orientale , oltre che per Malta e Cipro. Un connubio, questo, di interessi fondamentalmente politici ma, d’altra parte, anche economici. Retaggi storici di pace per una maggiore sicurezza e stabilità politica in Europa e la difficile situazione congiunturale, che sta investendo attualmente l’economia mondiale, hanno incoraggiato una prospettiva di tale entità. Allo stato attuale, i paesi entranti, oltre ad assolvere completamente ai criteri politici di Copenhagen, sembrano essere anche oasi di potenziali opportunità di crescita economica. 1 Artt.6 e 49 del Trattato sull’Unione Europea, versione consolidata, 2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apprezzamento tasso di cambio
deficit commerciale
economie emergenti
european monetary union
european union
inflation targeting policy
integrazione europea
mercati finanziari emergenti
parametri economici di convergenza eu
politica monetaria, inflazione, mercati finanziari
razionamento del credito
repubblica slovacca
strumenti di politica monetaria
tassi di interesse
transizione economica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi