Skip to content

Agli albori del Piano Marshall: l'UNRRA in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Piscitelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Matteo Pizzigallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Il corso degli eventi in Italia dall’armistizio dell’8 settembre sino al trattato di pace ed anche oltre è stato in buona parte determinato da una combinazione di denaro, potere ed idealismo americano. Studiando questi eventi, ci si può rendere conto che la presenza americana, intesa come occupazione militare prima e assistenza finanziaria poi, ha condizionato in modo profondo le scelte, gli obiettivi e le opportunità delle forze politiche interne per definire la nuova identità economica e politica dell’Italia nel dopoguerra. In quegli anni si è consolidato il rapporto tra gli Stati Uniti e un’alleanza occidentale di centro-destra; grazie a tale rapporto, gli Stati Uniti hanno trovato un alleato fedele e remissivo che permetteva loro il controllo del Mediterraneo centrale.
Partendo da tali premesse, il lavoro che segue si concentrerà sull’organizzazione UNRRA e le sue attività in Italia: pur avendo operato per un periodo di tempo limitato, l’UNRRA seppe offrire alla popolazione stremata dalla guerra un primo sollievo dalle difficoltà alimentari, di ricovero e di beni di vestiario. È chiaro che uno studio del genere, volto ad analizzare le trasformazioni politiche e sociali nel territorio italiano nell’immediato dopoguerra richiederebbe un’opera di più ampio respiro ed una trattazione più esauriente; nel nostro studio abbiamo cercato di disegnare quindi un quadro generale per quanto riguarda il rapporto tra Italia e Stati Uniti e la politica dell’assistenza post bellica (ed in particolar modo appunto quel che concerne l’UNRRA), per permettere anche a chi non ha una conoscenza scientifica di questi eventi di potersi approcciare alla materia e formarsi una idea sull’argomento.
Partendo dai convulsi eventi che seguirono l’armistizio, potremo soffermarci sull’assestamento del quadro politico italiano che andò pian piano accentrandosi intorno alla Democrazia Cristiana quando il suo leader, Alcide De Gasperi, estromise le sinistre dal governo, andando incontro al gradimento di Washington.
Ma le forze politiche protagoniste in quel periodo, con che Paese avevano a che fare? Quali erano le condizioni della popolazione italiana che aveva dovuto subire le negative conseguenze di una guerra che aveva diviso in due il Paese?
Nel secondo capitolo ci soffermeremo quindi sullo stato dell’Italia, per dare uno sguardo alle condizioni di vita del popolo italiano, e poter capire quanto fossero necessari degli aiuti esterni per risollevare le sorti del Paese, aiuti che finiranno per legare sempre più l’Italia al blocco occidentale.
Infine, nel capitolo conclusivo, analizzeremo dettagliatamente l’UNRRA, che, pur avendo avuto poco tempo per essere operativa ed essersi scontrata con crescenti difficoltà burocratiche (sino a vedere la sua azione paralizzata e poi annullata, quando nell’agosto del 1947 verrà dichiarata un’esperienza chiusa), riuscì ad evitare un collasso dell’economia italiana, tracciando la strada verso le successive attività assistenziali (che qui non analizzeremo perché non è lo scopo di questa trattazione).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO L’ITALIA E GLI STATI UNITI: DALL’ARMISTIZIO ALLA “SCELTA OCCIDENTALE” 1.1 La campagna d’Italia e l’armistizio dell’8 settembre L’Italia uscita dalla guerra si troverà in una situazione economica molto critica, e costituirà un problema politico anche per gli americani: la ricostruzione e la soluzione dei problemi italiani erano per gli Stati Uniti un obiettivo di primaria importanza. Era necessario avviare, in opposizione al precedente indirizzo autarchico che aveva assunto l’economia italiana, una politica di inserimento graduale del nostro Paese nell’economia mondiale 1 . Ma prima di restituire una nazione come l’Italia al suo ruolo nello scacchiere internazionale era necessario tener presente il nuovo ordine mondiale che sarebbe sorto dalla guerra: il secondo grande conflitto aveva distrutto completamente l’equilibrio europeo preesistente e sconvolto i ruoli che le potenze avevano avuto sino ad allora; l’Europa era entrata in guerra come la protagonista principale degli avvenimenti storici e ne era uscita, rispetto al nuovo ordine mondiale, come un’area marginale e divisa tra un blocco occidentale, dominato dagli Stati Uniti e legato alla loro leadership economica, ed un blocco orientale, controllato dall’Unione Sovietica e soggetto al suo sistema economico e alla sua ideologia 2 . 1 Pasquale Saraceno, Intervista sulla ricostruzione 1943-53, a cura di Lucio Villari, Laterza, Bari, 1977, p4. 2 Elena Aga Rossi, L’Italia nella sconfitta. Politica interna e situazione internazionale durante la seconda guerra mondiale, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1985, p. 231 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aiuti umanitari
de gasperi
dopoguerra
fondo lire
italia
piano marshall
unrra
unrra casas

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi