Skip to content

Comic On-Line: Interactivity Design

Informazioni tesi

  Autore: Dario Marchini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Architettura
  Corso: Disegno Industriale
  Relatore: Marco Maiocchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

Leggere un fumetto è uno dei mille modi per passare il proprio tempo libero e forse proprio il fumetto è uno dei pochi mezzi che si adatta pienamente per sfruttarlo. Non solo nei momenti di rilassamento nella propria casa o in un parco, ma anche sul treno mentre ci si reca al lavoro, durante un’ora buca di lezione a scuola, mentre si sta in attesa ad aspettare il proprio turno dal dottore, durante le interminabile code alla posta.

Bisogna considerare inoltre il fumetto anche come mezzo di comunicazione. Nato e sviluppato a cavallo tra l’ottocento ed il novecento utilizzando al meglio le possibilità offerte dalla pagina cartacea, non ha poi rinunciato ad evolversi ulteriormente, sul finire degli anni settanta, sfruttando lo sviluppo di nuovi media, la televisione.
Se ad un primo impatto il passaggio ad un nuovo supporto sembrava non aver aggiunto nulla al fumetto inteso in modo classico (le piatte e povere animazioni americane di Supergulp!), con l’avvento dell’animazione giapponese furono aggiunte delle caratteristiche nuove e coinvolgenti alla forma originaria del fumetto (un’animazione tridimensionale realistica, la nuove musiche e le sonorità che sostituivano l’apparizione sistematica del suono onomatopeico figurato americano) che giustificavano il passaggio al nuovo media.

Oggi ci ritroviamo nuovamente in questa situazione. Lo sviluppo tecnologico ha creato nuovi media e nuovi strumenti di comunicazione con caratteristiche superiori ed innovative rispetto alla ormai datata televisione. Uno di questi nuovi numerosi campi di sviluppo della comunicazione è sicuramente Internet.
Ciò che adesso si deve fare è lo stesso passaggio che dal fumetto bidimensionale cartaceo ha portato all’animazione televisiva giapponese. Sono stati fatti dei tentativi di introdurre il fumetto all’interno della Rete, ma il risultato è paragonabile a quello ottenuto dai primi fumetti televisivi americani. Non è sufficiente portare il fumetto all’interno del nuovo media per renderlo adatto a tale mezzo. Si devono anche trovare e sfruttare le caratteristiche che questo nuovo mezzo offre. Nel caso del Web la prima e più importante di queste è sicuramente l’interattività, con non riscontriamo né nel comic book né nella televisione.

Su queste premesse si basa il progetto che ho sviluppato. Dopo una prima analisi del mondo fumettistico in cui vengono passate in rassegna la storia del fumetto, lo studio delle sue caratteristiche fisiche ed il suo rapporto con computer e Rete, si passa all’analisi del progetto, sviluppato analizzando tutte le diverse componenti (vignetta, pagina e storia) che lo definiscono e l’interfaccia che lo rappresenta.

E' possibile scomporre il fumetto in un numero di oggetti che lo rappresentano, analizzando su diversi piani i vari componenti di cui è costituito. Al livello di maggior approfondimento troviamo i morfemi che sono i contenuti essenziali (ma non necessariamente indispensabili) della vignetta: il balloon, il lettering, i suoni onomatopeici. Passando al livello superiore incontriamo invece la vignetta vera e propria (considerata singolarmente) la quale può variare nella forma e nella dimensione. Scopriamo poi la pagina, l'insieme delle vignette o delle strisce di fumetti, che possono essere organizzate in modi differenti in base al ritmo grafico, agli schemi dinamici... L'insieme di tutte le pagine del racconto è la storia che rappresenta, attraverso strutture macronarrative differenti, l'evolversi della vicenda rappresentata all'interno delle vignette. Infine, arriviamo al livello maggiore in cui consideriamo l'esistenza del fumetto, l'insieme di tutte le storie e le avventure compute dal personaggio del fumetto.
Non è necessario che tutte queste componenti dei comics esistano: ci si potrebbe fermare al secondo livello, ad esempio considerando le vignette umoristiche, oppure arrivare fino all'ultimo nel caso delle serie dei fumetti commerciali. Queste componenti nel caso di un comic book cartaceo possono essere manipolate solo dall'autore del fumetto, ed il lettore ne può solo fruire passivamente. Ma inserendo il fumetto in un nuovo contesto, o meglio traducendo su di un nuovo supporto (quello informatico) cambia il rapporto che intercorre con il lettore, che da fruitore diventa attore.
L'utente in Internet non è più solo un lettore passivo delle pagine scritte da altri, non è più legato ad un rigido schema discorsivo. All'interno della Rete ognuno sfoglia le proprie pagine, scrive i propri percorsi, sceglie dove andare.
Sono queste le caratteristiche ipertestuali che vengono sfruttate per creare una nuova tipologia di comics, compiendo quattro importanti interventi su alcune delle componenti del fumetto tradizionale, modificando la struttura della singola tavola, valorizzando le caratteristiche dei vari autori, scegliendo il proprio percorso nella storia narrata e creando una dive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Comic on-line: interactivity design 3 Premessa Leggere un fumetto è uno dei mille modi per passare il proprio tempo libero e forse proprio il fumetto è uno dei pochi mezzi che si adatta pienamente per sfruttarlo. Non solo nei momenti di rilassamento nella propria casa o in un parco, ma anche sul treno mentre ci si reca al lavoro, durante un’ora buca di lezione a scuola, mentre si sta in attesa ad aspettare il proprio turno dal dottore, durante le interminabile code alla posta. Bisogna considerare inoltre il fumetto anche come mezzo di comunicazione. Nato e sviluppato a cavallo tra l’ottocento ed il novecento utilizzando al meglio le possibilità offerte dalla pagina cartacea, non ha poi rinunciato ad evolversi ulteriormente, sul finire degli anni settanta, sfruttando lo sviluppo di nuovi media, la televisione. Se ad un primo impatto il passaggio ad un nuovo supporto sembrava non aver aggiunto nulla al fumetto inteso in modo classico (le piatte e povere animazioni americane di Supergulp!), con l’avvento dell’animazione giapponese furono aggiunte delle caratteristiche nuove e coinvolgenti alla forma originaria del fumetto (un’animazione tridimensionale realistica, la nuove musiche e le sonorità che sostituivano l’apparizione sistematica del sono onomatopeico figurato americano) che giustificavano il passaggio al nuovo media. Tempo libero Comunica- zione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comic
disegno industriale
internet
fumetto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi