Skip to content

Genere, Identità e Violenza: due autori post-stutturalisti a confronto e prospettive femministe

Informazioni tesi

  Autore: Laura Giaquinta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Educatore Sociale e Culturale
  Relatore: Giovanna Guerzoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

La riflessione del mio lavoro verte sull’analisi del genere, dell’identità e della violenza. Ho preso in esame due autori post-strutturalisti: Pierre Bourdieu e Judith Butler. Delle opere dell’antropologo francese ho considerato soprattutto «Il dominio maschile», che restituisce un’immagine delle forme simboliche del potere cui il dominio si serve per perpetuarsi. Egli dimostra che la visione del mondo è binaria, fondata sul genere maschile a discapito di quello femminile. Il comportamento è habitus, mediato dal potere egemonico del dominio che, insinuandosi nel corpo, si serve della violenza simbolica per affermarsi. Le opere della filosofa statunitense riprendono le teorie del corpo, del sesso e del genere, proponendo nella mia analisi il superamento della dicotomia maschile/femminile. L’eterosessualità normativa impone solo due generi, legati al sesso biologico – tutti gli altri generi sono negati per cui diventa impossibile pensarli e nominarli. Butler smentisce la naturalezza del sesso e la queer theory diviene un esempio della possibilità di nominare l’innominabile: il termine queer non identifica più soggetti stigmatizzati ma una nuova teoria politica femminista che rende possibile l’agency di quei soggetti che ne erano privati. La violenza etica inoltre impone l’idea di un’identità ben definita: una nuova etica della responsabilità deve considerare l’opacità a se stessi, la relazione con l’Altro e la vulnerabilità che caratterizza tutti i soggetti. In ultima analisi viene fornita una metodologia per il femminismo che, superando i generi, sia più inclusivo: l’intersezionalità è capace di cogliere in gran parte le sfumature delle disuguaglianze sociali. La violenza strutturale chiude circolarmente l’analisi: sempre il potere dominante determina le ingiustizie che affliggono gli svantaggiati, ma omettendosi di continuo e agita indirettamente genera, attraverso la scarsa volontà politica dei potenti, un mondo scisso tra la miseria e lusso sfrenato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro ha come oggetto lo studio riguardo al genere, all’identità e alla violenza, elaborando l’analisi in riferimento a due autori post-strutturalisti: Pierre Bourdieu e Judith Butler, personalità che mi hanno regalato, attraverso le loro opere, un’ampiezza di sguardo necessaria per affrontare contenuti tanto delicati. Il genere è affiancato al concetto di identità; all’importanza che riveste a livello soggettivo e nella relazione con l’Altro. Il tema della violenza si inserisce in maniera trasversale, nell’analisi del genere e dell’identità, come elemento fondante visioni binarie del mondo e per questo generatore di schemi mentali che da una parte agevolano la comprensione della realtà ma dall’altro provocano forme di emarginazione e di disuguaglianza sociale. La scelta di affrontare temi quali l’identità, il genere e la violenza è dovuto in gran parte all’importanza che questi argomenti rivestono all’interno del mio Corso di Laurea e ai quali mi sono subito legata per la capacità di destabilizzare le mie visioni dominanti. L’essere cosciente che le disuguaglianze, con tutte le loro sfumature e categorie, possano essere affrontate a livello teorico e pratico e tramite una spinta – non solo etica – risolte in vista di un miglioramento delle condizioni sociali, rappresentano le basi e gli obiettivi della mia riflessione. Porre sotto esame i meccanismi che sottostanno al potere egemonico del dominio, i loro prodotti e le loro forme di legittimazione, rappresentano un passo per realizzare tali scopi. Cos’è il genere? Cos’è l’identità? Che cosa hanno a che fare con la violenza, nelle sue infinite sfaccettature, di volta in volta difficili da individuare? A queste domande si proverà a dare risposta nel presente lavoro, frutto della consapevolezza che nessuno è del tutto esente sia da uno sguardo introspettivo e relazionale – in virtù dei quali ci domandiamo: Chi siamo? Chi è l’Altro? Chi siamo in relazione agli altri? - sia da forme di violenza “mascherate” nel mondo occidentale ma che hanno la loro diretta controparte nel mondo degli sfruttati, dei marchiati, dei dimenticati. Si renderà conto di queste soggettività relegate nel luogo dell’abietto dall’eterosessualità normativa e dal potere dominante. L’intenzione non è solo quella di demistificare concezioni comuni sui temi di identità, genere e violenza ma è soprattutto quella di fare luce su questi fenomeni, spiegando la natura delle disuguaglianze profondamente radicate nelle credenze e suscitare nei lettori un cambiamento di prospettiva - se non responsabile, almeno consapevole - nei confronti 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi