Skip to content

La figura di Hitler in alcuni quotidiani tedeschi (1923-1933)

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Micaela Linetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Anna Lisa Carlotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 274

«Das deutsche Reich ist eine Republik»: già dall’affermazione iniziale della Costituzione, la Repubblica di Weimar è stata contraddittoria; questo non si è risolto negli anni, e il breve periodo d’oro tra il 1924 e il 1928, quando i violenti contrasti interni sembrarono appianarsi, non impedì l’ascesa al potere di Hitler. Per questo è stato interessante vedere dall’interno, coi mezzi di informazione che abbiamo oggi, la coscienza che le varie forze presenti nella Repubblica avevano di sè. Questi mezzi sono i quotidiani.
Questa tesi si propone di analizzare il cambiamento di prospettiva che ebbe la stampa di Weimar nei confronti di Hitler e del suo partito, partendo dal putsch fallito a Monaco e arrivando fino alla chiusura dei quotidiani che non si vollero piegare ai dettami del regime nazista. Dopo il 1933 la stampa di Weimar non si può più considerare indipendente e non ha quindi più senso confrontare le posizioni prese dai giornali rispetto ai vari avvenimenti.
I quotidiani utilizzati come fonti sono stati Frankfurter Zeitung, Vossische Zeitung, Vorwärts, Deutsche Allgemeine Zeitung, Münchener Neuesten Nachrichten, Rote Fahne, Berliner Tageblatt, Völkischer Beobachter. Il metodo è stato di confronto tra tutti i quotidiani, sulla base di alcune date considerate significative per l’evoluzione della storia e dell’immagine di Hitler e del suo partito. Nel confronto sono stati tralasciati avvenimenti importanti solo per la storia della Repubblica e della sua stampa perché l’analisi è concentrata sulla figura del leader della Nsdap. I fatti sono stati quindi scelti per la loro rilevanza nella storia ma anche per lo spazio che hanno avuto sui giornali; è stato interessante confrontare anche questo aspetto, cioè vedere quali eventi hanno avuto un significato simile nei giornali dell’epoca, dopo la presa del potere da parte dei nazisti e soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, e quali invece erano molto rilevanti all’epoca e non hanno più importanza per noi.
Nel capitolo 2 si parla dei primi anni in cui Hitler emerge come figura politica, partendo dal congresso nazionale della Nsdap in cui il leader del partito riuscì a imporsi contro le autorità cittadine. Questo è il primo evento che lo riguarda ad aver interessato giornali nazionali. Naturalmente il putsch è stato seguito da tutti i giornali come avvenimento di rilievo, e il verdetto del processo ha avuto eco internazionale.
Gli anni 1926-1929, trattati nel capitolo 3, sono cruciali perché è durante questo periodo che Hitler passa da leader di un partito di provincia, al limite della legalità, a figura a livello nazionale, soprattutto con la lotta contro il piano Young a fianco di un uomo già conosciuto, Alfred Hugenberg. Nonostante l’importanza di queste date, non molti quotidiani si sono occupati degli avvenimenti considerati. La fonte principale in questo caso è stata il quotidiano nazista, che ha sempre seguito da vicino ogni fatto che coinvolgesse Hitler.
Il 1930 sarà l’anno fondamentale per la considerazione della stampa nei confronti di Hitler. La nomina di Wilhelm Frick a ministro in Turingia fu la prima volta in cui il futuro Führer si fece notare per la sua tendenza dittatoriale; questo è un evento letto allo stesso modo da alcuni giornali dell’epoca e dagli storici posteriori. Il 1931 vede il primo colloquio di Hitler con Hindenburg, che anticipa, nella nostra considerazione, quelli della fine del 1932, ma all’epoca ha rappresentato solo un incontro chiarificatore tra i due, che come vedremo non ha suscitato lo stesso interesse su tutti i quotidiani.
Nel capitolo 5 l’attenzione è concentrata sul 1932, l’anno in cui gli ultimi resti della Repubblica vennero spazzati via dalla violenza delle Sa da una parte e dal cancellierato di Von Papen dall’altra. Gli eventi considerati vanno infatti dal divieto delle Sa, proclamato da Brüning, alla “domenica di sangue di Altona”, quando le Sa avevano già ripreso possesso delle strade, al successivo rovesciamento del governo prussiano, voluto da Hitler, fino ad arrivare ai colloqui di quest’ultimo con Hindenburg per tentare di formare un governo capeggiato appunto dalla Nsdap.
Solo nel 1933 vedremo il crollo definitivo di quello che restava delle libertà di stampa e civili, cancellate dai vari decreti di Göring. Sono solo tre gli eventi visti nel capitolo 6, perché dopo l’incendio del Parlamento la censura è stata molto pesante sia nei confronti dei giornali che dei partiti, e tutti gli oppositori sono stati eliminati. Dopo il 28 febbraio non ha più nessun significato confrontare le posizioni dei quotidiani perché cominciano a diventare uniformi, a parte qualche caso eccezionale di ribellione al sistema.
E' una tesi utile per chi affronta l'argomento in modo specifico ma anche per chi cerca informazioni sul periodo di Weimar, che spesso si trovano solo in tedesco.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE «Das deutsche Reich ist eine Republik»: 1 già dall’affermazione iniziale della Costituzione, la Repubblica di Weimar è stata contraddittoria; questo non si è risolto negli anni, e il breve periodo d’oro tra il 1924 e il 1928, quando i violenti contrasti interni sembrarono appianarsi, non impedì l’ascesa al potere di Hitler. Per questo è stato interessante vedere dall’interno, coi mezzi di informazione che abbiamo oggi, la coscienza che le varie forze presenti nella Repubblica avevano di sé. Questi mezzi sono i quotidiani. Questa tesi si propone di analizzare il cambiamento di prospettiva che ebbe la stampa di Weimar nei confronti di Hitler e del suo partito, partendo dal putsch fallito a Monaco e arrivando fino alla chiusura dei quotidiani che non si vollero piegare ai dettami del regime nazista. Dopo il 1933 la stampa di Weimar non si può più considerare indipendente e non ha quindi più senso confrontare le posizioni prese dai giornali rispetto ai vari avvenimenti. I quotidiani utilizzati come fonti sono stati Frankfurter Zeitung, Vossische Zeitung, Vorwärts, Deutsche Allgemeine Zeitung, 1 «Il regno tedesco è una repubblica»

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

libertà di stampa
quotidiani tedeschi
repubblica di weimar
nazismo
storia del giornalismo
adolf hitler

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi