Skip to content

I numeri sono un'opinione?

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Dequarti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giacomo Sani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

Le manifestazioni costituiscono quindi un momento rilevante di aggregazione ed un diritto di libertà riconosciuto dalla Costituzione della Repubblica Italiana, che si occupa della questione nel Titolo I, all’articolo 17: “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica”.1 Occorre quindi distinguere tra riunioni e assembramenti, i quali sono invece l’incontro casuale e non organizzato di persone, attratte in un medesimo luogo da una circostanza improvvisa. Questo può spiegare la presenza o meno delle forze dell’ordine e delle relative stime negli eventi in seguito analizzati.

In ogni caso sarebbe interessante poter stimare numericamente e con precisione la partecipazione ai vari eventi, al fine di valutare quante persone realmente chiedano che determinate richieste vengano soddisfatte,
o semplicemente si dimostrino vicine a partiti, movimenti, sindacati e così via. Le parti più coinvolte in primis in questa stima numerica sono sia i promotori dell’evento, per i quali è lecito pensare che ci sia un certo interesse nel sottolineare l’eventuale successo della mobilitazione in questione, sia le forze dell’ordine chiamate ad assicurarsi che tutto si svolga senza incidenti. Una terza “voce” è costituita da coloro che si occupano dell’informazione, quindi i giornalisti, ai quali spetta l’arduo compito di dare una propria valutazione degli eventi.

Questa ricerca vuole confrontare sia le diverse “voci” che riferiscono delle manifestazioni, quindi i promotori, i quotidiani e le forze dell’ordine, sia i quotidiani stessi, al fine di capire come un evento possa essere interpretato da diverse testate giornalistiche. I quotidiani consultati in merito a ciascun evento sono “il Manifesto”, “la Repubblica”, il “Corriere della Sera” ed “il Giornale”; nelle pagine di ciascuna testata si cercheranno, ove possibile, i dati delle tre categorie “Organizzatori”, “Questura” e “Titolo-contenuti”. Questa ultima sezione riporta l’interpretazione del quotidiano, che non precisando la fonte della propria stima, fornisce una propria versione: in caso contrario si leggono diciture quali “secondo gli organizzatori” o “secondo la questura”. Gli eventi coprono un arco di circa dieci anni, partendo dal periodo del primo Governo Berlusconi, fino a quello attuale: è importante la distinzione temporale tra un esecutivo e l’altro, in quanto le dinamiche che possono portare a differenti valutazioni numeriche degli eventi risentono sicuramente di questo fattore.

Ogni manifestazione viene perciò presentata contestualmente al periodo al quale appartiene: sono riportate note di colore riguardanti gli slogan, i simboli mostrati, le reazioni dei politici, i sentimenti della gente, gli eventuali episodi di violenza, con l’intento di carpire per quanto necessario la reale portata dell’evento. Alcuni cortei vedono la partecipazione di milioni di persone, altri di poche decine, ma in entrambi i casi di frequente occupano le prime pagine dei quotidiani: segno che l’evento è di chiaro interesse, almeno nell’immediato. Un titolo di un certo tipo, piuttosto che di un altro, potrebbe quindi influenzare milioni di lettori sulla reale importanza di un avvenimento: questo fatto certamente non sfugge a chiunque cerchi il consenso tra i cittadini, o sia interessato a sostenere una certa causa.

Il rischio è che ci possa essere un tipo d’informazione ad usum delphini, con adattamenti dei dati: più volte a tal proposito i quotidiani parlano di “guerra di cifre”, sottolineando come sia difficile avere a disposizione giudizi oggettivi e super partes.
Il capitolo conclusivo analizza le differenze fra i dati, sia confrontando le tre voci prese in considerazione sia le tendenze politiche dei quotidiani: si tratta dell’ipotesi “Voce” e dell’ipotesi “Colore”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La partecipazione politica è sicuramente un argomento molto rilevante, influenzato da molteplici aspetti, che vanno accuratamente analizzati: non è certo immediato spiegare quali ragioni spingano i cittadini ad intervenire in maniera attiva o meno nella vita politica del Paese. Un buon metodo è costituito dalla ricerca empirica di dati riguardanti gli eventi che interessano questo campo. Uno dei vari tipi di partecipazione è costituito dalle manifestazioni: la “piazza” ha avuto nella storia spesso un ruolo molto importante, ma in particolare dopo la Rivoluzione Francese ha visto riunirsi sempre più di frequente i cittadini, per rivendicare i propri diritti. Nell’ultimo secolo si è assistito sia ai raduni di massa dei regimi totalitari, perfettamente organizzati come eclatante dimostrazione di forza, sia alle mobilitazioni spontanee di semplici cittadini. Oggi è sicuramente fondamentale il ruolo dei mass-media e delle nuove tecnologie: la comunicazione può contare, infatti, su nuovi strumenti come Internet, facilitando enormemente lo scambio d’informazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi