Skip to content

La promozione della cultura museale on line

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Forti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Carlo Gelosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

La nozione di divenire è fortemente racchiusa in tutta la questione; i beni culturali appartengono, appunto, a quella categoria di beni che nel tempo ha conosciuto profondi cambiamenti, soprattutto nell’ottica del valore ad essi attribuito; dapprima sono stati fonte di studio affinché venissero riconosciuti come tali, ovvero si potessero identificare come “testimonianza materiale avente valore di civiltà” , successivamente, dopo tale riconoscimento e consapevolezza che si trattava di opere che potevano concorrere alla crescita culturale dei cittadini si è provveduto alla loro tutela e, solo negli ultimi tempi, all’importanza della loro valorizzazione e promozione .
Dall’unione di queste azioni appena citate nascono quindi i musei, dapprima solo con il compito di “proteggere le opere” e, successivamente, anche con quello di “arricchire culturalmente” gli utenti; così, come le opere in esso contenute, anche i musei si sono trasformati nel tempo. In un primo momento venivano infatti considerati solamente come delle “mastodontiche scatole” dove stipare oggetti perché non andassero persi o distrutti, per poi diventare dei veri e propri “luoghi della cultura” dove i fruitori hanno la possibilità di venire in contatto con opere d’arte e della scienza per potersi evolvere intellettualmente.
Ma i musei non si sono limitati a questo, nel tempo hanno continuato il loro percorso per avvicinarsi ai loro fruitori, attuali e potenziali, attraverso il potenziamento delle proprie strutture con l’apertura di punti di ristoro e book shop interni , anche se si è ancora molto lontani dall’ottica di vedere il museo come un ambiente caratterizzato da un senso di appartenenza e di familiarità dove alcuni visitatori consultano libri nelle sale di lettura, arredate come salotti con poltrone e caminetto, altri si incontrano in giardini d’inverno, illuminati da eleganti lucernari .
E’ proprio nell’ottica della continua trasformazione che si sono inserite le innovazioni tecnologiche e internet che saranno d’ausilio nel progetto di creazione di un “museo virtuale” ovvero un tipo di accesso ai dati interattivo e basato sui rapporti multimediali; un museo virtuale può ricostruire ambienti, modi di vita, storia, con avanzate tecnologie per l’elaborazione dell’immagine che integrano il museo tradizionale.
Questo tipo di trasformazione non vuole portare ad essere obsoleti i musei che tutti noi conosciamo – le sensazioni che un’opera dal vivo può provocare non sono nemmeno lontanamente paragonabili con quelle di una riproduzione, anche se di ottimo livello – ma vuole piuttosto essere un’integrazione per consentire un aumento dei suoi utenti.
I fruitori, infatti, non sostituirebbero la visita reale con quella virtuale, al contrario quest’ultima servirebbe come integrazione della prima offrendo uno stimolo al “contatto reale con il museo” e un eventuale approfondimento successivo attraverso il “contatto virtuale”.
Nel futuro ci si prefigge quindi un utilizzo sempre più ad alto livello del web come risorsa didattica e di sussidio per regolare il flusso dei visitatori con la preparazione sia culturale sia civica nel senso di un maggior rispetto e consapevolezza del valore di un bene culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La nozione di divenire è fortemente racchiusa in tutta la questione; i beni culturali appartengono, appunto, a quella categoria di beni che nel tempo ha conosciuto profondi cambiamenti, soprattutto nell’ottica del valore ad essi attribuito; dapprima sono stati fonte di studio affinché venissero riconosciuti come tali, ovvero si potessero identificare come “testimonianza materiale avente valore di civiltà” 1 , successivamente, dopo tale riconoscimento e consapevolezza che si trattava di opere che potevano concorrere alla crescita culturale dei cittadini 2 si è provveduto alla loro tutela e, solo negli ultimi tempi, all’importanza della loro valorizzazione e promozione 3 . Dall’unione di queste azioni appena citate nascono quindi i musei, dapprima solo con il compito di “proteggere le opere” e, successivamente, anche con quello di “arricchire culturalmente” gli utenti; così, come le opere in esso contenute, anche i musei si sono trasformati nel tempo. In un primo momento venivano infatti considerati solamente come delle “mastodontiche scatole” dove stipare oggetti perché non andassero persi o distrutti, per poi diventare dei veri e propri “luoghi della cultura” dove i fruitori hanno la possibilità di venire in contatto con opere d’arte e della scienza per potersi evolvere intellettualmente. Ma i musei non si sono limitati a questo, nel tempo hanno continuato il loro percorso per avvicinarsi ai loro fruitori, attuali e potenziali, attraverso il potenziamento delle proprie strutture con l’apertura di punti di ristoro e 1 Atti della Commissione parlamentare Franceschini, 1967 2 Nella Costituzione Italiana , tra i principi fondamentali, art.9, è stata inserita l’importanza dello sviluppo della cultura. 3 Testo unico sui beni culturali e ambientali: decreto legislativo 490/1999

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicare l'arte
comunicazione museale
comunicazione pubblica
museale
musei
promozione
virtuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi