Skip to content

Il sistema delle tutele e il regime di responsabilità nei rapporti interpositori

Informazioni tesi

  Autore: Leandro Borghini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Economia
  Corso: Management & Governance
  Relatore: Claudia Faleri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

L’obiettivo di questo elaborato è quello di ripercorrere l’evoluzione delle forme di tutela dei lavoratori coinvolti nell’appalto e nella somministrazione di manodopera, con specifico riferimento al principio della parità di trattamento e, principalmente, alla regola della responsabilità solidale. Inoltre, verranno evidenziate le principali critiche e problematiche sottostanti le varie riforme, cercando in questi interventi di individuare elementi che ci facciano comprendere la loro capacità di porre in essere una pervasiva tutela dei lavoratori coinvolti.
Cambiamento dell’impresa e trasformazione del lavoro, e della relativa disciplina, sono due aspetti che nella seconda metà del secolo passato sono andati di pari passo.
Il XX secolo è stato principalmente caratterizzato dalla logica di produzione integrata, conosciuta come “Fordismo”. In tale contesto produttivo, negli anni’ 60 la risposta dal legislatore è stata quella di predisporre un forte sistema garantista, volto a tutelare il lavoratore ed ostacolare una particolare forma di decentramento intravista in ottica elusiva, ovvero quella della sola attività lavorativa. Infatti, con la l. 1369/1960 il legislatore aveva affermato il “divieto di interposizione di manodopera”, vietando la quasi totalità delle forme di utilizzazione e acquisizione indiretta e scaricando, mediante l’imputazione del lavoratore all’effettivo utilizzatore, oneri e costi sul datore di lavoro formale.
Tuttavia, a causa di vari fattori, intorno agli anni ’70 il modello d’impresa fordista ha cominciato a logorarsi in favore di un nuovo paradigma produttivo definito “post-fordismo”, in cui la parola chiave è divenuta “flessibilità”. Questa nuova fase ha gradualmente determinato lo smantellamento dell’impresa mediante la pratica dell’outsourcing, passando così da un sistema produttivo integrato ad uno frazionato tra numerose imprese. Di fronte ad un contesto produttivo trasformato, il legislatore ha dovuto ripensare all’inquadramento dei fenomeni di decentramento, mutando la configurazione normativa vigente e ripensando alle “classiche” forme di tutela dei lavoratori.

Informazioni tesi

  Autore: Leandro Borghini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Economia
  Corso: Management & Governance
  Relatore: Claudia Faleri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Cambiamento dell’impresa e trasformazione del lavoro, e della relativa disciplina, sono due aspetti che nella seconda metà del secolo passato sono andati di pari passo. Il XX secolo è stato principalmente caratterizzato dalla logica di produzione integrata, conosciuta come “Fordismo”. In tale contesto produttivo, negli anni’ 60 la risposta dal legislatore è stata quella di predisporre un forte sistema garantista, volto a tutelare il lavoratore ed ostacolare una particolare forma di decentramento intravista in ottica elusiva, ovvero quella della sola attività lavorativa. Infatti, con la l. 1369/1960 il legislatore aveva affermato il “divieto di interposizione di manodopera”, vietando la quasi totalità delle forme di utilizzazione e acquisizione indiretta e scaricando, mediante l’imputazione del lavoratore all’effettivo utilizzatore, oneri e costi sul datore di lavoro formale 1 . Tuttavia, a causa di vari fattori, intorno agli anni ’70 il modello d’impresa fordista ha cominciato a logorarsi in favore di un nuovo paradigma produttivo definito “post-fordismo”, in cui la parola chiave è divenuta “flessibilità”. Questa nuova fase ha gradualmente determinato lo smantellamento dell’impresa mediante la pratica dell’outsourcing, passando così da un sistema produttivo integrato ad uno frazionato tra numerose imprese. Di fronte ad un contesto produttivo trasformato, il legislatore ha dovuto ripensare all’inquadramento dei fenomeni di decentramento, mutando la configurazione normativa vigente e ripensando alle “classiche” forme di tutela dei lavoratori. Dopo una prima deroga al divieto d’interposizione avutasi con la l. 196/1997, la quale ha per la prima volta legittimato il lavoro temporaneo mediante agenzia (cd. “lavoro interinale”), le esigenze del contesto produttivo moderno hanno reso necessaria una modificazione significativa della disciplina del ‘60. In tale ottica si è inserito il d.lgs. 276 del 2003 (cd. Legge Biagi), la riforma del diritto del lavoro che ha legittimato e regolamentato ampiamente le varie forme di decentramento già diffuse nella realtà economica contemporanea, tenendo conto sia dell’interesse dei lavoratori che 1 In tal orientamento, il datore di lavoratore formale era reputato il soggetto che effettivamente godeva della prestazione lavorativa. Il lavoratore illegittimamente utilizzato veniva così tutelato mediante il proprio collegamento al soggetto “forte”, titolare dei mezzi di produzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi