Skip to content

The Audit of Inventories in the Financial Statements

Informazioni tesi

Traduttore: Vera Albanese
  Tipo: Traduzione
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: William Forte
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 137

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"La revisione delle rimanenze nel bilancio d'esercizio"

The auditing of the financial statements is a process through which it is proposed to verify the correctness of accounting entries made in the company and to certify the regularity of the financial statements.
The subject of the audit is, therefore, the company's financial statements, which must meet the requirement of clarity and, in accordance with the provisions of EU directives, must correctly represent the equity, economic and financial situation of the company.
Among the balance sheet items subject to audit, particularly in mercantile and industrial companies, inventories are particularly important.
The term "inventories" refers not only to raw, ancillary and consumable materials and goods purchased for resale, but also to what is produced within the company, i.e. work in progress, semi-finished and finished products and work in progress on orders or multi-annual orders.
These categories of assets represent a significant portion of the company's available capital and total assets.
In the course of the discussion of the review of inventories, it seemed appropriate to analyze not only the principles and procedures of review specifically provided for by the National Council of Accountants and Bookkeepers, but also to examine the problems that may arise during certification.
First of all, ordinary "inventories" and "contract work in progress" have been treated separately.
Both values, in fact, can be obtained in various ways and could lend themselves to arbitrary determinations by those drawing up the financial statements.
For inventories, which include raw, ancillary and consumable materials and goods for resale, as well as work in progress, semi-finished and finished products, two fundamental phases were considered for certification purposes: verification of the physical inventory and ascertainment of the correct valuation of inventories.
For the valuation of inventories, the issue of splitting, between two financial years, the economic results originating from the development of production cycles of which the inventories are an expression at the end of the administrative period was then raised. The economic results being generated, as a consequence, are, in fact, pertinent both to the financial year that is closing and to the following financial year.
In particular, the result relating to inventories is called gross margin in progress and is given, for production processes in progress, by the comparison between expected future revenues and the costs directly attributable to the product.
The possibility of adding the margin in the course of formation to the cost of production, mentioned above, seems to want to assimilate the inventories of materials, semi-finished and finished products to the inventories of "work in progress on order".
In fact, for the valuation of these inventories, the accounting principles and regulations on financial statements expressly provide that the accrued portion of gross margin in progress is taken into account.
Because of the difficulties involved in certifying this item in the financial statements, in dealing with the audit of work in progress it seemed appropriate, therefore, to define both the objectives of the audit of work in progress and the specific procedures relating to them, which could be the starting point for a probable auditing standard.
Finally, it is worth considering the case of an industrial or mercantile company, divided into several sections or factories and forming part of a corporate group, in which there are very frequent exchanges of goods, products and materials between departments, divisions and branches and between companies of the group. Since these exchanges may give rise to internal profits, i.e. attributable exclusively to a subsidiary or a group company but not intended to have any influence on the result for the year, it is necessary for the company to have adequate procedures for determining the amount of such profits.

Informazioni tesi

Traduttore: Vera Albanese
  Tipo: Traduzione
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: William Forte
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 137

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"La revisione delle rimanenze nel bilancio d'esercizio"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CHAPTER I “ THE AUDIT OF INVENTORIES: GENERAL AND INTRODUCTORY ASPECTS” 1. The company audit The review of a company is a systematic and analytical process by which we intend to verify the accuracy of accounting entries made in the company and to establish the financial statements 1 . Subject of the audit is therefore the corporate financial statements, which must meet the requirement of clarity and in accordance with the provisions of Community directives 2 , must correctly represent the financial position and the economic performance of the company. The suitability of the budget situation to express business could not be achieved by the Board, the body control required by our legislation. It became, therefore, necessary to use one or more independent professionals who have experience and expertise in accounting, i.e. the auditors. The latter, usually operating as part of audit firms, companies whose business consists in auditing and accounting organization of companies that are entered in a special register kept by Consob. The development of these companies have only occurred recently in our country: the first international audit firms began to operate in Italy thirty years ago, with control tasks on Italian companies in which the groups had made international investments. Besides these cases, there was not any substantial control over budgets, and still in the early '70s, 1 It is a definition of A. PESENATO, Auditing and Certification of financial statements, Cedam, Padua, 1992. With reference to the multiple definitions of auditing, reference is also made to Various Authors, The professional certification of financial statements, Giannini,Padua,1973; BRUNI, The company audit, Cedam, Padua,1991;DEZZANI- PISONI-PUDDU, The certification of the financial statements, Auditing standards; GIAPPICHELLI, Turin, 1991;MARCHI L, Auditing standards, Clueb, Bologna, 1991; PAOLONE G.,Auditing and Certification of Financial Statements, Giappichelli, Turin, 1994. 2 These are directives no. 78/660 / EEC and no.83/349/EEC on corporate matters relating to the annual and consolidated accounts 2
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi