Skip to content

Efficienza energetica nazionale e strumenti incentivanti: un quadro di sintesi della situazione italiana

Informazioni tesi

  Autore: Marco Giardina
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Calogero Guccio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

L’attuale sistema economico italiano, per il suo funzionamento, necessita in gran parte dell’utilizzo di risorse da fonti non rinnovabili, dette anche fonti tradizionali, dovuto soprattutto dal lento incremento dei prezzi di queste ultime e dalla scarsa attenzione prestata alle esigenze ambientali e sociali, che negli ultimi anni hanno aumentato la loro presenza in diverse tematiche. Un approccio basato sull’eco-innovazione, non solo soddisfa la tutela sociale e ambientale, ma mostra diverse opportunità economiche che permettono la nascita di nuovi business. L’eco-innovazione basata su nuovi paradigmi tecnologici, stimolata con l’uso di fonti energetiche rinnovabili, dette FER, permette di ridurre quell’asimmetria informativa che rendeva questo progresso solo un costo non coperto, oltre a diffondere i benefici e le esternalità positive che ha da offrire. L’eco-innovazione si affida all’efficienza energetica, la quale con nuovi strumenti e obiettivi assicurerà alla nostra struttura economica la riduzione della dipendenza dalle importazioni energetiche, la riduzione dei costi per i ripristini ambientali per i danni causati dalle tecnologie tradizionali, la soddisfazione in maniera più ecologica del fabbisogno energetico nazionale, lo stimolo alla ricerca e sviluppo, l’incremento degli investimenti e dell’occupazione e fa sì che le PMI abbiano maggiori possibilità di allargare la loro presenza sul mercato, con alto vantaggio competitivo. Le iniziative di tipo green economy avranno un valore stimato tra il mezzo e l’1,5 trilioni di dollari nel 2020 ed un ulteriore crescita lo porterà fra i 3 e i 10 trilioni di dollari entro il 2050. Un riferimento importante è la posizione dell’Italia raggiunta come prestazione nell’eco-innovazione, passando dalla 15° posizione nel 2012 con un punteggio di 92, alla 12° posizione nel 2014 con un punteggio di 95, dove la media europea è un punteggio pari a 100. La mancanza di maggiori sforzi in termini di investimenti, non ha permesso comunque di far decollare l’Italia nel progresso dell’eco-innovazione, infatti risulta bassa la spesa in R&S in termini di percentuale del PIL, ma in confronto con gli altri Paesi europei, la maggiore competitività in cui è orientata è rimasta per molto tempo nei settori tradizionali. Si presenta in parte un modello economico costituito da PMI con difficoltà all’innovazione, derivante da una resistenza organizzativa e culturale, dalla scarsità di capitale da investire e dalla bassa competitività che non riesce a scuotere da solo la crescita economica, ma di seguito descritto l’andamento energetico migliorato grazie alle politiche nazionali ed europee, insieme ai più performanti strumenti che hanno permesso di far uscire le nostre imprese dal letargo dell’innovazione tecnologica.

Informazioni tesi

  Autore: Marco Giardina
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Calogero Guccio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L ’a ttua le siste ma e c onomic o ita lia no, pe r il suo funz iona me nto ne c e ssita in gra n pa rte de ll’utiliz z o di risorse da fonti non rinnova bili, de tte a nc he fonti tra diz iona li, dovuto sopra ttutto da l le nto inc re me nto de i pre z z i di que ste ultime e da lla sc a rsa a tte nz ione pre sta ta a lle e sige nz e a mbie nta li e soc ia li, c he ne gli ultimi a nni ha nno a ume nta to la loro pre se nz a in dive rse te ma tic he . Un a pproc c io ba sa to sull’e c o-innova z ione , non solo soddisfa la tute la soc ia le e a mbie nta le , ma mostra dive rse opportunità e c onomic he c he pe rme ttono la na sc ita di nuovi busine ss. L ’e c o-innova z ione ba sa ta su nuovi pa ra digmi te c nologic i, stimola ta c on l’uso di fonti e ne rge tic he rinnova bili, de tte FE R , pe rme tte di ridurre que ll’a simme tria informa tiva c he re nde va que sto progre sso solo un c osto non c ope rto, oltre a diffonde re i be ne fic i e le e ste rna lità positive c he ha da offrire . L ’e c o-innova z ione si a ffida a ll’e ffic ie nz a e ne rge tic a , la qua le c on nuovi strume nti e obie ttivi a ssic ure rà a lla nostra struttura e c onomic a la riduz ione de lla dipe nde nz a da lle importa z ioni e ne rge tic he , la riduz ione de i c osti pe r i ripristini a mbie nta li pe r i da nni c a usa ti da lle te c nologie tra diz iona li, la soddisfa z ione in ma nie ra più e c ologic a de l fa bbisogno e ne rge tic o na z iona le , lo stimolo a lla ric e rc a e sviluppo, l’inc re me nto de gli inve stime nti e de ll’oc c upa z ione e fa sì c he le PMI a bbia no ma ggiori possibilità di a lla rga re la loro pre se nz a sul me rc a to, c on a lto va nta ggio c ompe titivo. L e iniz ia tive di tipo gre e n e c onomy a vra nno un va lore stima to tra il me z z o e l’1,5 trilioni di dolla ri ne l 2020 e d un ulte riore c re sc ita lo porte rà fra i 3 e i 10 trilioni di dolla ri e ntro il 2050. Un rife rime nto importa nte è la posiz ione de ll’Ita lia ra ggiunta c ome pre sta z ione ne ll’e c o-innova z ione , pa ssa ndo da lla 15° posiz ione ne l 2012 c on un punte ggio di 92, a lla 12° posiz ione ne l 2014 c on un punte ggio di 95, dove la me dia e urope a è un punte ggio pa ri a 100. L a ma nc a nz a di ma ggiori sforz i in te rmini di inve stime nti, non ha pe rme sso c omunque di fa r de c olla re l’Ita lia ne l progre sso de ll’e c o-innova z ione , infa tti risulta ba ssa la spe sa in R &S in te rmini di pe rc e ntua le de l PIL , ma in c onfronto c on gli a ltri Pa e si e urope i, la ma ggiore c ompe titività in c ui è orie nta ta è rima sta pe r molto te mpo ne i se ttori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi