Skip to content

La Social Dreaming Matrix: un’indagine conoscitiva sulla funzione sociale del sogno

Estratto della Tesi di Marco Avena

Mostra/Nascondi contenuto.
17 Lo studio della fase REM rivelava l’esistenza di una successione di periodi d’intensa attività elettrica cerebrale, simile a quella caratteristica della veglia (desincronizzata), che si alternavano ciclicamente alla fase di sonno profondo (chiamato NREM), in cui le onde elettriche erano sincronizzate. Tale scoperta invalidava l’ipotesi secondo la quale il sonno fosse uno stato caratterizzato da un’inerzia totale di tutto l’organismo, e determinava la necessità di continuare gli studi sul fenomeno. Dement propose l’ipotesi che, nel sonno REM, i movimenti degli occhi corrispondessero all’esplorazione visiva delle scene oniriche, proposta nota con il nome di “scanning hypothesis”. Dement realizzò uno studio sulla deprivazione selettiva della fase REM che consisteva nello svegliare il soggetto al primo manifestarsi del tracciato EEG tipico di detta fase. I risultati (Dement, 1960) mostrarono e ribadirono l’importanza del binomio sonno-sogno. I soggetti che si erano sottoposti all’esperimento di deprivazione mostravano, nel corso della giornata, turbe della memoria, disturbi dell’apprendimento, ansia, irritabilità, allucinazioni. L’ipotesi del sogno come “bisogno fisiologico” che non può essere soppresso veniva confermata dal fatto che dopo un periodo di privazione del sogno, si tendeva a compensare sognando di più. Alla fine degli anni ‘70 la ricerca cognitiva cominciò a considerare il sogno come attività cognitiva. Con esperimenti neuropsicologici si apprese che lo stato cerebrale corrispondente alle esperienze oniriche era, in realtà, ricco di attività elettriche e chimiche sostanzialmente differenti rispetto a quelle dello stato cosciente (M. L. Glucksman & S. L. Warner, 1987). Vennero scoperti i sogni NREM, i quali intervengono nelle altre fasi del sonno; sembra che essi, formalmente e affettivamente diversi, siano più difficili da ricordare, perché solo una persona su tre, svegliata in tali momenti, è capace di raccontarli. Oggi sappiamo, grazie all’ecografia cerebrale (Bosinelli e Cicogna, 1991), che gli schemi relativi alla attività cerebrale sono sostanzialmente differenti nel sonno REM, da quello NREM, e dallo stato di veglia. In quest’ultimo stato le regioni più attive del cervello sono quelle preposte alla funzione decisionale, alla pianificazione a ai movimenti consapevoli. Queste stesse aree del cervello, in particolare la corteccia frontale, si fanno relativamente poco attive durante il sonno REM. Il gruppo di Bosinelli ha dimostrato la presenza di un’attività mentale del tutto comparabile a quella che si registra in fase Rem anche nelle fasi non-Rem e all’addormentamento. Protocolli raccolti durante o alla fine di queste diverse fasi appaiono del tutto simili e tutti rientrano nella categoria dei sogni. Esiste dunque
Estratto dalla tesi: La Social Dreaming Matrix: un’indagine conoscitiva sulla funzione sociale del sogno

Estratto dalla tesi:

La Social Dreaming Matrix: un’indagine conoscitiva sulla funzione sociale del sogno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Avena
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Maurizio Gasseau
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 290

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

approccio olistico
avena marco
biotransenergetica
butterfly effect
campi morfici
caos
dreaming
frattali
gordon lawrence
gruppi
gruppo
jung
marco avena
miti
olismo
onirico
psicodramma
psicologia
psicoterapia
social dreaming matrix
sognatore
sogni
sogno
transpersonale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi