Skip to content

Infermità mentale e diritto penale: alcune riflessioni sul tema dell’imputabilità. Ragioni che hanno portato alla chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari e prospettive future

Estratto della Tesi di Alessandra Bressaglia

Mostra/Nascondi contenuto.
      13   poveri, i vagabondi e le “teste pazze”. Tutti insieme ad occupare il luogo di esclusione e purificazione che era stato nei secoli precedenti riservato ai lebbrosi. 4 Simbolo di questo panorama sociale fu il Narrenschiff (‘Nave dei folli’), realizzazione di quelle che fino a prima erano state solo immagini letterarie e mitologiche, come documentato dallo stesso Foucault 5 : navi che trasportavano eroi immaginari in viaggi che avevano lo scopo di fornire rivelazioni sul proprio destino. Il preciso significato da attribuire alla diffusione dell’usanza di trasportare i ‘folli’ da una città all’altra, a bordo di battelli affidati a marinai o mercanti, non è di facile individuazione, ma di certo erano costoro presenze poco gradite, talvolta violenti e spesso impegnati a sopravvivere senza una dimora, diffondevano dunque paura e insofferenza all’interno delle comunità. Non ci è chiaro se fossero cacciati coloro i quali vivevano come vagabondi o piuttosto gli stranieri, dal momento che, se in moltissime città vi erano dei dormitori o dei luoghi destinati ad ospitare e curare queste persone, in altre risiedevano un numero di folli molto superiore rispetto a quelli che avrebbe potuto essere originari del luogo. Parrebbe di maggior rilievo, comunque, il fatto che in questi abitati dove vi era sovraffollamento di ‘insensati’, non era molto il tempo dedicato alla loro cura anzi venivano per lo più ammassati in prigioni. Verso la fine del XVIII secolo, il dottore francese Pierre Jean Georges Cabanis, si pose in netta rottura con la mentalità dell’epoca e portò ad una radicale innovazione in ambito medico. Egli, sostiene il valore della terapia sanitaria rispetto al trattamento meramente restrittivo che aveva caratterizzato i ‘manicomi’ nel periodo precedente, e si schiera in favore della libertà e della inviolabilità del malato. Si fa promotore dell’abolizione delle catene, che verranno sostituite dalle nuove camicie di forza, e regolamenta la eventuale dimissione dei malati per guarigione.                                                                                                                           4 M. Foucault, Storia della follia nell’età classica, BUR biblioteca universale Rizzoli, 1998, pp. 14, 15. 5 Per esempio ‘Nef des princesse et des batailles de Noblesse’ e ‘Nef de dames verteusses’ di Symphorien Champier, oppure ‘Stultiferae naviculae scaphae fatuarum mulierum’ di Josse Bade, e la più nota opera satirica di Sebastian Brant ‘Das Narrenschiff’. M. Foucault, Storia della follia nell’età classica, cit., p. 16.  
Estratto dalla tesi: Infermità mentale e diritto penale: alcune riflessioni sul tema dell’imputabilità. Ragioni che hanno portato alla chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari e prospettive future

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Bressaglia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Pierpaolo Martucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

imputabilità
vizio di mente
ospedali psichiatrici giudiziari
insanità mentale
lombroso
neuroscienze
neuroscience
imputability
insanity
hospital for the criminally insane

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi