Skip to content

Acqua...un bene da salvaguardare

Estratto della Tesi di Daniela Scintu

Mostra/Nascondi contenuto.
Estratto dalla tesi: Acqua...un bene da salvaguardare
13 
 
L’ambiente è dunque concepito come un sistema di relazioni, nel quale un ruolo 
fondamentale è giocato da caratteri quali l’imprevedibilità, la casualità, la variabilità e la diversità. 
Ne consegue la necessità di promuovere processi educativi in grado di favorire la 
comprensione dell’ambiente in un’ottica sistemica, finalizzata a un’azione consapevole nei 
confronti dello stesso. Occorre far leva sui diversi modi di concepire e attuare nuovi progetti 
superando anche i modelli formativi adottati dalle tradizionali agenzie educative (generalmente 
poco propense alle innovazioni), basati principalmente sulla sola trasmissione delle informazioni.  
La motivazione per perseguire una nuova dimensione conoscitiva nasce inoltre dalla 
consapevolezza che spesso le persone pensano e agiscono bene in base a rituali tradizionali, tanto 
consolidati quanto obsoleti, che strutturano le informazioni provenienti dai contesti di vita reale. 
Tali rituali sono profondamente radicati nella storia di ogni individuo e di ogni società e, non 
raramente, legittimano discutibili modalità di gestione dell’ambiente. 
L’ottica sistemica, quindi, va considerata come una condizione imprescindibile per 
interpretare il presente e affrontare il futuro con un atteggiamento mentale diverso, che non si limiti 
solo alla salvaguardia e al rispetto del proprio contesto di vita, ma che sia attento agli aspetti 
relazionali che legano gli individui e il loro microcosmo quotidiano e una realtà sempre più ampia, 
complessa e imprevedibile. 
Per leggere e comprendere correttamente un paesaggio nei suoi dinamismi palesi o nascosti, 
è necessario chiamare in a causa dei processi che legano i vari elementi tra loro e fanno sì che 
alcuni diventino condizionanti su altri: le strutture geologiche per il rilievo, il rilievo per il clima, 
clima per l’idrografia, l’idrografia per la vegetazione
8
. 
Ne deriva un sistema a cascata di concatenazioni di causa-effetto che legano l’insieme con 
processi numerosi e complessi; questi da una parte contribuiscono all’unità e all’integrità di un 
sistema, dall’altro rendono il suo equilibrio costantemente instabile. 
Il sistema paesaggio raggiunge il suo equilibrio tra forze opposte, quando per tempi lunghi 
conserva le sue forme e mantiene le gerarchie tra queste. Ne deriva un ordine visibile che si 
perpetua nel tempo almeno fin quando le determinanti e componenti mantengono sostanzialmente il 
loro ruolo e al loro forza d’azione. Ma la fragilità del sistema fa sì che sia sufficiente introdurre una 
variante anche minima, perché l’equilibrio si perda e tutto l’insieme debba trovare un nuovo punto 
di stabilità, sia pure sempre precario. 
Ne consegue per il paesaggio un continuo sforzo di aggiustamento tra nuovi contesti e 
l’autoconservazione che lo porta ad attivare processi di feedback noti come inerzie del paesaggio. 
Questo sono le resistenze che il sistema oppone al cambiamento: talora riesce ad annullare le forze 
turbatrici, per cui l’equilibrio, dopo una prima fase di incertezza, torna allo stato precedente; 
talaltra, incapace di assorbire i nuovi input, riorganizza processi ed elementi, dando luogo a un 
nuovo insieme di forme e funzioni. 
Nel paesaggio esiste un trasferimento di materia e di elementi chimici che seguono 
determinati cicli e che l’uomo ha modificato: da un lato ne ha accelerato il ritmo, dall’altro ha 
mobilizzato elementi chimici che in natura sono piuttosto inerti e radicati. Questo ha modificato 
l’assetto geochimico di determinati territori nei quali la presenza di prodotti dispersi dalle attività 
economiche ha raggiunto livelli allarmanti. 
                                                           
8
  Circa le caratteristiche dell’approccio sistemico si consultino anche le osservazioni messe in evidenza da Vallega 
(2004: 11-44).

Estratto dalla tesi:

Acqua...un bene da salvaguardare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Scintu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Studi umanistici
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Andrea Corsale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sostenibilità
didattica della geografia
acqua e scuola primaria
inquinamento dell'acqua
progetti didattici nella scuola primaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi