Skip to content

Il patrimonio figurativo delle valli di Lanzo. Primi studi

Estratto della Tesi di Carlotta Pulcher

Mostra/Nascondi contenuto.
cappelle del territorio 17 . Per quanto riguarda l'aspetto storico-artistico invece, la Società Storica ha pubblicato alcuni studi che trattano in maniera specifica delle chiese delle valli: lo studio monografico di Aldo Audisio sulla chiesa di San Nicolao di Ala 18 e le tesi di architettura sulle chiese e cappelle della Val Grande e Val d'Ala 19 . Di qualche utilità è anche il saggio su Giuseppe Giovenone il Vecchio edito nella 2ª Miscellanea di studi storici del 2007 20 . Anche per i secoli scorsi la situazione degli studi non pare migliore, l'interesse per queste valli comincia solo verso l'inizio dell'Ottocento, quando cultori locali iniziano ad interessarsi ai luoghi dai quali provengono. Sono scritti di varia natura che seguono gli interessi specifici di ogni autore; insieme ad essi iniziano a circolare le prime pubblicazioni di resoconti di viaggio e poco dopo le prime guide delle valli. Tra i primi scritti possiamo ricordare le Lettres di Francesetti 21 , il volume di trattazione storico-statistica di Cibrario, lo studio sulle leggende e sul folklore di Lopez e quello storico su Lanzo di Usseglio 22 . Con il crescere del fenomeno della villeggiatura, si assistette anche alla pubblicazione delle prime vere guide sulle valli di Lanzo, di cui proprio i villeggianti costituivano il pubblico ideale; le principali si devono a Ratti e Acrozzi Masino 23 . A partire da questi primi studi, all'inizio del Novecento, videro la luce alcune produzioni letterarie che riordinarono i vecchi dati e ne approfondirono gli studi; i loro lettori erano ancora i villeggianti e gli alpinisti, ma le pubblicazioni risultano di più ampio respiro. Nel secondo decennio del Novecento uscì in varie edizioni il volume Notizie delle Valli di Lanzo di Giuseppe e Pasquale Milone, che risulta il più completo che sia uscito ancora oggi 24 . In anni più vicini a 17 G. Porporato, Storia popolare di Ala di Stura, Pinerolo, 1962. 18 A. Audisio, L'antica chiesa prepositurale di San Nicolao di Ala dal XVI al XVIII secolo, Ciriè, 1974. 19 C. Chiariglione, L. Duva, G. Silanos, Chiese e cappelle nella Val Grande di Lanzo – Comuni di Groscavallo, Chialamberto e Cantoira – Schede d'inventario, Lanzo Torinese, 2000; P. Massaglia, Chiese e cappelle in Val d'Ala – Comini di Ceres, Ala di Stura, Balme – Schede d'inventario, Lanzo Torinese, 2006. 20 2ª Miscellanea di studi storici sulle Valli di Lanzo, in memoria di Ines Poggetto, a cura di B. Guglielmotto-Ravet, Lanzo Torinese, 2007. 21 L. Francesetti di Mezzenile, Lettres sur les Vallées de Lanzo, Torino, 1823. 22 L. Cibrario, Le valli di Lanzo e d'Usseglio ne' tempi di mezzo, in Operette e frammenti storici, Firenze, 1856; M. Savi-Lopez, Le valli di Lanzo. Bozzetti e leggende, Torino, 1886; L. Usseglio, Lanzo. Studio storico, Torino, 1887. 23 C. Ratti, Da Torino a Lanzo e per le tre Valli della Stura. Guida descrittiva, storica e industriale per il villeggiante e l'alpinista, con 44 vignette e una carta, Torino, 1896; L. Arcozzi-Masino, Il cicerone delle strade ferrate. Linea Torino-Ciriè-Lanzo, Torino, 1876. 24 G. e P. Milone, Notizie delle Valli di Lanzo, Torino, 1ª ed. 1911, 2ª ed. 1914. 11
Estratto dalla tesi: Il patrimonio figurativo delle valli di Lanzo. Primi studi

Estratto dalla tesi:

Il patrimonio figurativo delle valli di Lanzo. Primi studi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlotta Pulcher
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Chiara Gauna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
chiese
lanzo
giuseppe giovenone
molinari
giovenone il vecchio
carlo maria castelli
ala di stura
coassolo
viù

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi