Skip to content

Dalla stampa al web: passato, presente e futuro della critica, del giornalismo e dell'informazione culturale tra innovazione e rivoluzione

Estratto della Tesi di Paolo Giorcelli

Mostra/Nascondi contenuto.
15 assai ridotto di lettori. Su una popolazione di circa 26 milioni di abitanti la tiratura complessiva dei vari fogli non superava il mezzo milione di copie 9 . Componevano le redazioni avvocati, notai, medici e militari a riposo, devoti alla causa risorgimentale tuttavia privi di una completa conoscenza delle diversificate problematiche territoriali (e a volte persino dei contesti regionali e provinciali di appartenenza) e di un’adeguata preparazione all’analisi e al discernimento critico dei bisogni di un paese appena unificato. La situazione mutò lentamente a partire dagli anni Settanta dell’Ottocento quando l’élite politica, afferente prima alla Destra e dunque alla Sinistra Storica, intravide l’esigenza di coinvolgere la stampa nella costruzione di un’opinione pubblica nazionale che potesse affrontare i problemi fondamentali dello sviluppo postunitario, sostenendo le forze sociali che stavano emergendo dall’evoluzione economica. Il rinnovamento delle modalità di organizzazione e di amministrazione dell’attività giornalistica secondo i dettami dell’impresa commerciale (già radicati in realtà più avanzate quali la Gran Bretagna, gli Stati Uniti e la Francia) fu reso possibile da alcune figure di spicco: Giacomo Dina a Firenze, Jacopo Comin a Napoli, Edoardo Sonzogno e, più tardi, Emilio e Giuseppe Treves a Milano. I “maestri”, padri dell’editoria italiana contemporanea, modernizzarono i sistemi di vendita, abbandonarono la ristretta e privilegiata formula dell’abbonamento e concessero un maggiore spazio alle notizie di cronaca e di costume. Crebbe e maturò il lavoro redazionale, radicato nel reperimento della notizia e nella successiva rielaborazione del testo secondo moduli espressivi che sarebbero entrati nella tradizione pubblicistica italiana 10 . La creazione di un’arena nazionale di informazione e conversazione a servizio dell’opinione pubblica ribaltò anche gli assetti dell’élite prerisorgimentale degli intellettuali. In epoca preunitaria, causa la soddisfacente rendita economica, difficilmente il letterato e lo scrittore di successo abbandonavano il terreno della libera attività, avulsa da qualsiasi prospettiva professionale e autonoma dalle corti, dai salotti aristocratici e dalle forme di mecenatismo. Abbattute le ultime resistenze 9 V. Castronovo, Stampa e classe politica della nuova Italia, “Problemi”, 1 (1967), n. 1, p. 21 10 R. Gisotti, La nascita della Terza Pagina. Letterati e giornalismo (1860-1914), Lecce, Capone Editore, 1986, p.18
Estratto dalla tesi: Dalla stampa al web: passato, presente e futuro della critica, del giornalismo e dell'informazione culturale tra innovazione e rivoluzione

Estratto dalla tesi:

Dalla stampa al web: passato, presente e futuro della critica, del giornalismo e dell'informazione culturale tra innovazione e rivoluzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Giorcelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Mario Bottaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 233

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi