Skip to content

Il Giappone visto dai letterati italiani e il caso di Dino Buzzati

Estratto della Tesi di Chiara Sibilla

Mostra/Nascondi contenuto.
9 In questo periodo, che coincide con l’ingresso all’Università di Roma, d’Annunzio collabora contemporaneamente anche con altri quotidiani: «Capitan Fracassa» (1880), «Cronaca Bizantina» (1881) e «Fanfulla» (1879) 6 specializzandosi nella descrizione della mondanità romana, descritta come elegante e malinconica. A chiusura di questi articoli, d’Annunzio si firma con svariati pseudonimi: tra i nomi utilizzati, colpisce senza dubbio Shiun-Sui-Katsu-Kava, nome che risuona come un nome giapponese. In realtà, viene preso in prestito dal pittore Shiunsho Katsukawa, scritto erroneamente a causa di una trascrizione sbagliata dal giapponese al francese. 7 In questo contesto, è assai importante il negozio della Signora Maria Beretta, situato in via dei Condotti a Roma; vero e proprio centro della mondanità, ricco di oggetti esotici. Un negozio di cui probabilmente anche lo scrittore stesso è un assiduo frequentatore È pratica del Vate citare il negozio in più occasioni nei suoi articoli. Ne è un esempio l‘articolo del 21 dicembre 1884 apparso su «La Tribuna», sempre nella rubrica «Giornate romane» e intitolato Donna Claribel 8 : d’Annunzio crea la figura di questa dama, esponente dell’alta società romana che annota nel suo diario gli acquisti di alcuni oggetti giapponesi, comprati proprio nel negozio della Signora Beretta: paraventi da toilette, stoffe giapponesi provenienti da Yokohama, paraventi di seta chiarissima e mobili. La fonte letteraria principale da cui attinge per la composizione di questi articoli è il testo La maison d’un artiste, di Edmond de Gouncourt: in questo libro, composto da due volumi, viene descritta la casa dell’intellettuale francese ad Auteuil, nella periferia parigina. Al suo interno non solo viene descritto il gusto artistico dello scrittore, ma anche il suo japonisme. La casa viene infatti decorata con tessuti di seta giapponese; i fusha ricamati con disegni di gru. D’Annunzio, in realtà, si lascia andare delle vere e proprie citazioni del testo quasi al limite del plagio, soprattutto durante la composizione di un racconto per il giornale «Capitan Fracassa»: dal titolo Mandarina, segno che il giapponismo di d’Annunzio si spinge aldilà di una semplice moda per l’Oriente. All’interno della casa della protagonista, la marchesa Aurora Canale, soprannominata Mandarina a causa della sua fisionomia orientale, fanno la sua apparizione tessuti con immagini di “draghi cornuti”, cicogne bianche, gru che reggono tra il becco le catene di una lampada, paraventi, piatti, sciabole e molti altri elementi giapponesi già presenti nel libro di De Gouncourt. 9 6 Mariko Muramatsu, il buon suddito del Mikado d’Annunzio japonisant, Milano, Gli Aquiloni, 1996, p. 10. 7 Ivi, pp. 24-25. 8 Ivi, p. 18. 9 Ivi, pp. 30-33.
Estratto dalla tesi: Il Giappone visto dai letterati italiani e il caso di Dino Buzzati

Estratto dalla tesi:

Il Giappone visto dai letterati italiani e il caso di Dino Buzzati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Sibilla
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Simona Morando
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

novecento
letteratura contemporanea
giappone, tokyo, kyoto
l'eleganza è frigida, paloma
letterati del novecento
il piacere, ore giapponesi, case amori, universi
maraini, d'annunzio, comisso, patti, moravia,
mishima, kawabata tanizaki,
calvino, arbasino, buzzati, pariise
la casa delle belle addormentate,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi