Skip to content

Diffusione e insediamento delle mafie italiane in Europa fra fine XX e inizio XXI secolo

Estratto della Tesi di Leo Cusseau

Mostra/Nascondi contenuto.
perchè riduttiva della complessità del fenomeno mafioso in Sicilia, e fuorviante laddove non assegna rilevanza all'organizzazione criminale formale e strutturata, privilegiando una visione della mafia quale prodotto spontaneo della situazione storica siciliana, senza peraltro spiegare come mai la dominazione spagnola non abbia prodotto analoghi sistemi mafiosi nei vastissimi territori ad essa sottoposti nel corso dei secoli e quali siano state quindi le peculiarità e gli elementi discriminanti della Sicilia. Di fatto sono documentati fenomeni definiti come premafiosi, 7 quali l'abigeato e l'imposizione del pizzo, presenti effettivamente fin dal 1500. Questi sono fenomeni delittuosi legati al potere dei baroni della Sicilia occidentale, in un particolare contesto di divisione del potere fra Stato centrale e baroni locali che risulta ben più complesso dell'ipotesi semplificatrice della generica responsabilità spagnola. I gruppi mafiosi organizzati veri e propri sono invece presenti in Sicilia solo dagli anni '30 dell'Ottocento, in particolare a Palermo e nella Conca d'Oro, la fertile piana agricola attorno alla città; nel periodo dell'Unità d'Italia e nella fase post unitaria la mafia siciliana difese gli interessi dei grandi latifondisti e proprietari terrieri, formando in alleanza con gli industriali del Nord un blocco di potere dominante cui si oppose il movimento contadino a partire dalla costituzione dei Fasci Siciliani, fra il 1891 e il 1894. 8 La mafia borghese e altolocata attraversò indenne il periodo della repressione fascista, del “prefetto di ferro” Cesare Mori inviato da Mussolini a sradicare la mafia una volta per tutte. Il fascismo colpì infatti in maniera durissima gli affiliati semplici, identificati come criminali, mentre si arrestò dinanzi ai grandi proprietari terrieri, pur organici a Cosa Nostra, che rappresentavano una delle forze sulle quali si appoggiava il regime in Sicilia e che non potevano, quindi, essere in alcun modo sfiorati dall'azione repressiva. La retorica del fascismo riuscì comunque a costruire l'immagine di una mafia costituita da banditi e malfattori, lontana dalla Sicilia borghese e benestante che rappresentava un pilastro del potere fascista, come aveva già rappresentato la maggiore forza dell'integrazione clientelare dell'isola nel Regno d'Italia. La rimozione del prefetto Mori, se in coerenza con le logiche dell'interesse di Stato venne presentata come una promozione ad altre e più importanti cariche di un eroe del regime, fu in effetti il primo grande compromesso fra lo Stato e la mafia siciliana, o meglio la prima rappresentazione pubblica della lotta del primo alla seconda, utile 7 U. Santino, op. cit., p. 261 8 U. Santino, nella sua opera “Storia del movimento antimafia” colloca già le lotte contadine dell'ultima decade del XIX sec. in Sicilia, i Fasci siciliani, nell'alveo della lotta alla mafia: si trattò della peculiare forma siciliana della lotta di classe, dove contadini e classi subalterne tentarono di sovvertire l'ordine secolare di supremazia dei grandi proprietari terrieri organici alla mafia o comunque legati ad essa da una convergenza di interessi. 14
Estratto dalla tesi: Diffusione e insediamento delle mafie italiane in Europa fra fine XX e inizio XXI secolo

Estratto dalla tesi:

Diffusione e insediamento delle mafie italiane in Europa fra fine XX e inizio XXI secolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leo Cusseau
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Sandro Rogari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riciclaggio
camorra
'ndrangheta
cosa nostra
sacra corona unita
mafie
infiltrazioni mafiose
colonizzazione mafiosa
quarta mafia
espansione mafiosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi