Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Costruzione dell'Identità in Adolescenza

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Alba Gabiccini Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2160 click dal 06/07/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Alba Gabiccini

Mostra/Nascondi contenuto.
13 L'inizio dei cambiamenti puberali sia dei maschi sia delle femmine, è influenzato da quella che viene denominata “tendenza secolare” che consiste nell'aumento di peso e statura e nell'accelerazione del ritmo di sviluppo sia dei bambini (soprattutto dei bambini tra i due e i cinque anni), sia degli adolescenti rispetto a quello dei secoli scorsi. A partire dal 1850 si è verificata una diminuzione di circa 4 mesi per decennio dell'età dello sviluppo. Le cause di questa variazione possono essere attribuite soprattutto al miglioramento dell'alimentazione, dell'assistenza sanitaria e delle condizioni generali di vita anche se occorrono ricerche ulteriori, per determinare il ruolo dell'etnia, del livello socio- economico di appartenenza e di altri fattori ambientali come gli stimoli cognitivi quali cause di anticipo. La tendenza secolare richiede al preadolescente precoce capacità di adattamento ed un grosso lavoro di integrazione per arrivare ad una situazione di stabilità personale, relazionale,sociale e ciò avviene tra regressioni all'infanzia e fughe in avanti. Il difficile e più o meno intricato cammino verso l'età adulta richiede tanta energia e pazienza da parte degli adolescenti che cercano anche al di fuori della famiglia la forza e lo slancio per andare avanti come vedremo nel capitolo 1.3. Non posso a questo punto non riportare una frase molto significativa: “Né bambino né adulto, né uomo né donna spesso un po' androgino, l'adolescente si trova in un periodo di vita transitorio tra una prigione dorata e un orizzonte ancora sconosciuto, tra il tentativo di sfuggire al proprio passato e la ricerca di un proprio futuro” ( Gileno, 2009, pag.6). Il fatto stesso di essere collocata al centro fra età infantile ed età adulta riserva all'adolescenza una situazione di disagio di scomodo, di dubbi e incertezze come di chi è oggetto di bersaglio da tutte le parti. Egli si trova inevitabilmente a fare i conti sia col passato al quale rimane ancorato sia per il cumulo degli affetti e delle esperienze vissute e sofferte sia col futuro che, come una fata bendata gli sta davanti con le sue mille incognite, i suoi mille interrogativi, i suoi mille interessi perché, si sa, ogni novità non può non destare attese emozioni entusiasmi di vario genere. Età di crisi dunque ma non per questo meno interessante e densa di motivazioni. Un'altra frase molto saliente e pregnante è questa: “È la terra di mezzo. Nella mitologia
Estratto dalla tesi: La Costruzione dell'Identità in Adolescenza