Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sostenibilità in architettura attraverso la sua trattazione sulle riviste di settore

Laurea liv.I

Facoltà: Architettura

Autore: Nicoletta Bordoni Contatta »

Composta da 344 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 255 click dal 16/11/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Nicoletta Bordoni

Mostra/Nascondi contenuto.
18 Capitolo III Possibili letture dei risultati I temi, qui approfonditi, sono quelli emersi dalla ricerca e che hanno suscitato alcune considerazioni conclusive. 3.1 Rapporto sostenibilità e crisi economica Il concetto di sviluppo sostenibile sintetizza un problema di grande complessità ovvero, come rendere compatibili le esigenze dell'economia con le ragioni dell'ambiente. Nel corso degli anni settanta, è emersa una sostanziale contraddizione tra la crescita continua del prodotto lordo materiale, dei diversi paesi, e la limitatezza delle risorse, nonché della capacità dell'ambiente di assorbire i rifiuti e le emissioni inquinanti. L’umanità è stata capace di consumare, dal 1950 ad oggi, tante risorse quante ne erano state consumate nell’intero periodo precedente la storia e, continuando di questo passo, persino le nuove tecnologie incontrano limiti nella capacità della Terra di riprodurre le proprie risorse. Sul “banco degli imputati” compaiono le risorse non rinnovabili (carbone, petrolio, uranio), che in una dimensione di semplice crescita sarebbero condannate ad un più o meno rapido esaurimento, con la conseguenza che le generazioni future si troverebbero di fronte all'impossibilità di seguire il nostro modello di sviluppo. Da qui la necessità di incentivare da subito la ricerca e l'utilizzo di risorse rinnovabili e di tecnologie adeguate. Tale prospettiva è rinforzata dal fatto che la produzione di energia tramite risorse non rinnovabili immette nell'ambiente sostanze nocive. L'idea centrale è che l'ambiente vada considerato come un sistema complesso auto- organizzato ove hanno luogo le attività umane; l'elemento rilevante è il modo in cui tali attività interagiscono con i cicli che costituiscono l'ambiente stesso. Il problema consiste nel conciliare le necessità del sistema economico con l'esigenza di non disarticolare i cicli della biosfera e quindi salvaguardare l'ambiente. Partendo da queste considerazioni sono emersi dalla ricerca articoli che trattano il tema della crisi economica in relazione al tema della sostenibilità. I primi articoli critici sono comparsi intorno al 2007 per poi trovarne un numero considerevole nel 2009,
Estratto dalla tesi: La sostenibilità in architettura attraverso la sua trattazione sulle riviste di settore