Skip to content

Turismo e Web 2.0. L’influenza dei Social Network sugli eventi turistici culturali: il caso studio “Tempus est Jocundum” di Gemona del Friuli

Estratto della Tesi di Alessia Micelli

Mostra/Nascondi contenuto.
7 È grazie alla prima Rivoluzione Industriale, con le prime massicce migrazioni interne dalle campagne alle città e la nascita del pendolarismo, per lavorare all’interno delle fabbriche, appena divenute fulcro dell’economia britannica, che crebbe la necessità di un miglioramento dei mezzi di trasporto; è in questo quadro che l'inglese Thomas Cook concepì l'utilità dei mezzi di trasporto, quali ad esempio i treni, non solo per scopi professionali, ma anche per quelli ricreativi; ed è proprio grazie al concetto di ricreatività, unito alla consapevolezza della possibilità di sfruttamento del tempo libero, che nasce la moderna industria turistica. Da allora il viaggio si è configurato via via sempre più come “turismo”, nella forma nota a tutti noi, che è quella del fenomeno di massa andato affermandosi soprattutto a partire dal secondo dopoguerra. L’affermazione del turismo di massa è dovuta a numerosi fattori, combinati e strettamente collegati tra loro, come l'innalzamento della qualità della vita, una diminuzione generale dei costi dei mezzi di trasporto e il mutamento dei paradigmi culturali della società, senza dimenticare una generale stabilità politica a partire dagli anni Cinquanta del XX secolo. L’affermazione di una nuova mentalità portò alla diffusione della pratica della vacanza anche all'interno dei ceti medi, rendendola una pratica potenzialmente accessibile a tutti, in una società dove il tempo libero va via via affermandosi come un diritto imprescindibile anche della classe operaia. Molti Paesi, tra cui l’Italia, confidarono negli ingenti profitti che il settore turistico offriva e numerosi governi adottarono nuove legislazioni che prevedevano l'obbligatorietà delle ferie dei salariati. Inoltre, anche lo sviluppo di uno stile di vita urbano incentrato sul consumo contribuì all'affermazione di un modello di pratica turistica di massa. L'automobile e l'aereo divennero i protagonisti indiscussi del panorama turistico del tempo, trasformandosi da beni di lusso a beni a basso costo, specialmente in seguito alla diffusione dei voli charter. Infine, non dobbiamo sottovalutare l’influenza dei mezzi di comunicazione di massa: il dilagare dei mass media, primi fra tutti la televisione e il cinema, ebbero un grande impatto nell'immaginario delle società moderne e favorirono l'affermazione di alcuni luoghi che divennero le mete predilette dei turisti dell'epoca. Sebbene il successo sempre crescente dell’industria turistica portò gli operatori del turismo, e non solo, alla creazione di alte aspettative per quanto riguardava la crescita negli anni successivi, negli anni Ottanta del XX secolo venne registrato il declino dei mercati di massa, nonché la loro crescente frammentazione. Nel settore turistico, sulla scia della nuova linea seguita dell’economia del consumo, i desideri e le preferenze di viaggio dei turisti iniziano a diversificarsi, divenendo sempre più
Estratto dalla tesi: Turismo e Web 2.0. L’influenza dei Social Network sugli eventi turistici culturali: il caso studio “Tempus est Jocundum” di Gemona del Friuli

Estratto dalla tesi:

Turismo e Web 2.0. L’influenza dei Social Network sugli eventi turistici culturali: il caso studio “Tempus est Jocundum” di Gemona del Friuli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Micelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Scienze e Tecniche del Turismo Culturale
  Relatore: Michela Cesarina Mason
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
promozione turistica
t-lab
web 2.0
social network
evento culturale
facebook
twitter
social network analysis
evento storico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi