Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Giappone modernizzato tra il XIX e il XX secolo attraverso la letteratura e le arti visive

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Davide Andreis Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 921 click dal 09/09/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Davide Andreis

Mostra/Nascondi contenuto.
governo degli shogun e poi degli oligarchi Meiji, un nazionalista fermo oppositore dell’occidentalizzazione e dell’industrializzazione, si vide negare la proposta di invasione della Corea, che si opponeva al riconoscimento del nuovo governo giapponese. Takamori non gradì questo rifiuto e si rifugiò a sud, presso la città di Kagoshima, dove radunò altri samurai delusi e divenne il fautore del sentimento antigovernativo della categoria. Al crescere della tensione, nel gennaio del 1877 il governo inviò un’unità navale con il compito di confiscare gli armamenti ai samurai, che reagirono attaccando e, di fatto, innescando la miccia della rivoluzione di Satsuma (dal nome della regione presso Kagoshima). Dopo circa due mesi, ebbe luogo la battaglia di Kumamoto: sei settimane di scontri tra quarantamila samurai ed il nuovo esercito di leva, che ebbe la meglio. A settembre dello stesso anno, Takamori insieme ad altri quattrocento uomini ingaggiò lo scontro finale, anch’esso di esito negativo, al termine del quale egli si tolse la vita. Anche se gli anni che seguirono furono ancora caratterizzati da altri atti di violenza e rappresaglie minori, si tende a far coincidere la fine della classe dei samurai e, quindi, la fine di un’epoca, con la rivoluzione di Tatsuma e la morte di Saigō Takamori. ll cinema si è occupato della rivoluzione di Satsuma con il film di Edward Zwick L'ultimo samurai, con l'attore Tom Cruise nella parte di un capitano dell'esercito statunitense assoldato da Mutsushito per annientare i samurai ribelli rifugiatosi a sud. Analogamente ad un altro film, diretto ed interpretato da Kevin Costner, Balla coi lupi, Hollywood tratta in forma melodrammatica il tradimento dei protagonisti di entrambi le pellicole che, dopo aver inizialmente combattuto il nemico (Cruise, appunto, contro i samurai ribelli, Costner contro i pellerossa), passano con sempre più convinzione dalla sua parte, diventandone i paladini e altresì membri effettivi dei rispettivi gruppi sociali. Una breve trattazione sulla figura dei samurai è contenuta nel secondo capitolo di questo elaborato. 8
Estratto dalla tesi: Il Giappone modernizzato tra il XIX e il XX secolo attraverso la letteratura e le arti visive