Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autismo e sessualità: l'importanza dell'educazione sessuale

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Beatrice Germinale Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1386 click dal 09/09/2016.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Beatrice Germinale

Mostra/Nascondi contenuto.
autistico che comprende: A. anomalie nella comunicazione, ovvero assenza o deficit nel linguaggio o elementi della comunicazione non verbale quali sorriso, postura, mimica, gesti; B. anomalie nell’interazione sociale, cioè assenza di contatti e scambi reciproci; C. attività e interessi marcatamente ristretti, come movimenti stereotipati (es. sfarfallio delle mani) oppure ossessione per una determinata attività. 1) Gli autistici hanno difficoltà nel cominciare e nel continuare una conversazione oltre a difficoltà a rispondere alle domande. Spesso usano un linguaggio stereotipato e ripetitivo (ecolalia) o l'uso idiosincratico di parole o frasi. Altre caratteristiche tipiche del linguaggio includono l'uso errato di pronomi, carenze nella capacità di usare il linguaggio per condividere con l'interlocutore un focus di attenzione e in generale difficoltà nell'aspetto pragmatico e carenze nelle capacità narrative. Il linguaggio verbale risulta completamente assente nei casi più gravi (Zanobini, A.A 2011-2012). 2) Alcune anomalie nelle interazioni sociali sono: inadeguatezza nell'uso dello sguardo reciproco, dell'espressione facciale, della postura e della gestualità per regolare l'interazione sociale; fallimento nello sviluppo d'interazioni che implichino condivisione di interessi, di attività e di emozioni con i propri pari; assenza di reciprocità socio-affettiva che appare dal blocco o dall'anormalità delle risposte alle altrui emozioni, assenza di modulazione dei comportamenti in accordo con il contesto sociale, debole integrazione dei comportamenti sociali, affettivi e comunicativi; assenza di ricerca spontanea della condivisione di attività ricreative, interessi o di risultati con altre persone.(Zanobini, A.A 2011-2012) 3) Vi sono certi comportamenti che possono essere eseguiti in maniera ossessiva e ripetitiva; si possono osservare posture e sequenze di movimenti stereotipati (per es. torcersi o mordersi le mani, sventolarle in aria, dondolarsi, compiere complessi movimenti del capo, ecc.) detti appunto stereotipie (Zanobini A.A 2011-2012). Si manifesta spesso un eccessivo interesse per oggetti o parti di essi, in particolare se hanno forme tondeggianti o possono ruotare (Barassi, 2009). Sembra che la persona affetta da autismo sia astratta dalla realtà per isolarsi in una sorta di "mondo immaginario", in cui si sente di vivere a tutti gli effetti (qualche 11
Estratto dalla tesi: Autismo e sessualità: l'importanza dell'educazione sessuale