Skip to content

L'annuncio del tradimento in Giovanni e nel "Vangelo di Giuda". Un confronto in prospettiva diacronica

Estratto della Tesi di Cristiano Mangano

Mostra/Nascondi contenuto.
17 nel compimento del Salmo 41(40),10 di cui al passo Gv 13,18-19. Tuttavia, è solo dal v. 21 che irrompe nella scena il drammatico annunzio esplicito segnalato ed inaugurato da un violento mutamento endotimico nell‟animo del commensale principale: “Gesù fu turbato nello spirito” (ἐηαξάρζε ηῷ πλεύκαηη ). 4 1. La designazione del traditore in Gv 13,21-30: costruzione di un piccolo dramma. Come già anticipato, quello che nei Sinottici costituisce uno stringato resoconto in Giovanni diviene una scena dai contorni fortemente drammatici, 5 con inedite caratterizzazioni dei presenti e connotata da una robusta “tensione narrativa” 6 (in quest‟ultimo elemento è accomunata a quella del parallelo racconto matteano). 7 La lapidaria e sconvolgente dichiarazione 8 iniziale di Gesù – “In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà” – innesca una catena di eventi che condurrà, alla fine, all‟identificazione (quanto 4 Atto interiore che produce agitazione o turbamento: un profondo turbamento interno, quasi viscerale. L‟aggiunta di ηῷ πλεύκαηη al verbo indica che il moto emotivo non proviene da una causa esterna (J. MATEOS – J. BARRETO, Il Vangelo di Giovanni. Analisi linguistica e commento esegetico, Cittadella, Assisi, 1982, 4 2004, p. 566). In Giovanni tale sconvolgimento emotivo di Gesù è connesso alla presenza della morte, tangibile – come quella dell‟amico Lazzaro (Gv 11,33) – o prefigurata dall‟imminenza di “quest‟ora” (Gv 12,27; // Mt 26,38; Mc 14,34). Sia Gv 12,27 che i paralleli sinottici appaiono alludere al Salmo 42(41),6, mentre in 13,21 l‟allusione sembra aver ad oggetto il v. 7 del medesimo salmo. L‟esperienza o la previsione della morte aggravata dal fatto che essa avvenga tramite un tradimento, getta Gesù nello sconforto (cfr. R.E. BROWN, Giovanni. Commento al Vangelo Spirituale, vol. I, Cittadella Editrice, Assisi, 1979, pp. 689-690; cfr. M. BROUARD, Eucharistia. Enciclopedia dell‟Eucaristia, EDB, Bologna, 2004, p. 14, secondo cui la sofferenza di Gesù trova la sua causa nella “duplicità del cuore”). 5 Secondo R.E. Brown tutti i racconti della Passione sono “autentiche narrazioni drammatiche”, scomponibili in atti e scene (R.E. BROWN, La morte del Messia. Un commentario ai Racconti della Passione nei quattro vangeli, Queriniana, Brescia, 2007, p. 28). Per A.J. LUNN, <>, in SJT 43[1990], pp. 308-320, rientrano nella categoria teatrale della “tragedia”. 6 “Il fenomeno che si realizza allorquando l‟interprete di un racconto è incentivato ad attendere una risoluzione, essendo quest‟attesa caratterizzata da un‟anticipazione intrisa d‟incertezza che conferisce dei tratti passionali all‟atto della recezione” (R. BARONI, La tension narrative. Suspense, curiosité et surprise, Paris, 2007, p. 18). 7 Cfr. A. LANDI, <>, in “Asprenas” 60 [2013], p. 317. 8 Scandita in una maniera particolarmente autorevole, come attestano le espressioni utilizzate nella locuzione introduttiva: sia la formula “Amen, amen, io vi dico”, sia l‟uso del verbo καξηπξέσ che implica non solo un “rendere testimonianza”, ma anche “attestare in maniera solenne” (come in Gv 4,44 e 5,36; così per S. GRASSO, Il Vangelo di Giovanni. Commento esegetico e teologico, Città Nuova, Roma, 2008, p. 558). Nondimeno, la καξηπξία giovannea si caratterizza anche per il coinvolgimento esperienziale della persona nella fede, non limitandosi ad una attestazione di stampo puramente “giudiziale” (cfr. L. COENEN, s.v.
Estratto dalla tesi: L'annuncio del tradimento in Giovanni e nel "Vangelo di Giuda". Un confronto in prospettiva diacronica

Estratto dalla tesi:

L'annuncio del tradimento in Giovanni e nel "Vangelo di Giuda". Un confronto in prospettiva diacronica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristiano Mangano
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2014-15
  Università: Pontificia Università Lateranense
  Facoltà: Teologia
  Corso: Teologia
  Relatore: Antonio Nepi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 333

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vangelo di giovanni
gnosticismo
ultima cena
vangelo di giuda
discepolo prediletto
annuncio tradimento
giuda iscariota

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi