Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mito dell'Altro: la donna e la filosofia nella società dell'Europa Occidentale - Ricerca di una cultura al femminile Rinascimento e Controriforma: dall'esaltazione della femminilità agli scritti misogini del Seicento

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Flavia Albani Contatta »

Composta da 578 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 489 click dal 12/10/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Flavia Albani

Mostra/Nascondi contenuto.
20 nozioni di superiorità, inferiorità e uguaglianza e ricominciare da capo. La situazione della donna, dunque si presenta in questa singolare prospettiva: pur essendo come ogni individuo umano una libertà autonoma, ella si scopre e si sceglie in un mondo in cui gli uomini le impongono di assumere la parte dell'Altro. Pretendono, cioè, di irrigidirla in una funzione di oggetto e di votarla all'immanenza perché la sua trascendenza deve essere perpetuamente trascesa da un'altra coscienza essenziale e sovrana. Ma come è nata e cresciuta questa “realtà femminile”? E perché la donna è stata definita come l'Altro? E' nella traccia dell'Altro che il volto della donna riluce? Dal punto di vista filosofico il problema dell'Altro verrà trattato nel Capitolo II di questa Prima Parte. Ora si vorrebbe tracciare una via allo studio del problema, prendendo in considerazione alcune figure fenomenologiche con le quali la donna è stata/si è rappresentata: il Simbolo, il Mito, l'Immagine. § 1) Donna: Simbolo Il simbolo, scrive Simone de Beauvoir, “non ci appare come un'allegoria elaborata da un misterioso inconscio; consiste nell'afferrare un significato mediante l'analogia dell'oggetto significante; a causa dell'identità della situazione esistenziale in tutti gli esistenti, e dell'identità della situazione attuale che debbono affrontare, i significati si svelano nello stesso modo a un gran numero di individui; il simbolismo non è caduto dal cielo, né scaturito da profondità sotterranee: è stato elaborato, proprio come il linguaggio, dalla realtà umana che è nello stesso tempo Mitsein e scissione.”. (13) Infatti, se nell'allegoria il rapporto è un rapporto di adombramento tra un valore astratto, universale, riposto, ed una rappresentazione sensibile o fantastica che viene caricata di un senso allotrio, diverso; viceversa, nel simbolo la relazione è tale che il
Estratto dalla tesi: Il mito dell'Altro: la donna e la filosofia nella società dell'Europa Occidentale - Ricerca di una cultura al femminile Rinascimento e Controriforma: dall'esaltazione della femminilità agli scritti misogini del Seicento