Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disclosure sulle immobilizzazioni immateriali

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Conti Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 347 click dal 16/12/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Mattia Conti

Mostra/Nascondi contenuto.
36  concessioni, licenze e altri diritti simili: in base alla durata del contratto o a quella prevista dalla legge. Per i costi pluriennali, invece, la deducibilità prevista è la seguente:  spese di ricerca e sviluppo e di pubblicità: quote costanti, in massimo 5 esercizi (20%);  spese di costituzione: a partire dall’esercizio in cui sono conseguiti i primi ricavi. Le altre spese relative a più esercizi, diverse da quelle sopra considerate, sono deducibili nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio. La legislazione fiscale non prevede ammortamenti accelerati e ammortamenti anticipati per le immobilizzazioni immateriali, né prevede l’utilizzo di una minor aliquota (detta pro-rata temporis, che per le immobilizzazioni materiali è ridotta alla metà) nel primo esercizio di utilizzo del bene 16 . Sulle plusvalenze, l’art. 86 del D.P.R. 917/86 stabilisce, fra l’altro, che “le plusvalenze realizzate mediante le cessioni a titolo oneroso di beni patrimoniali o il risarcimento, anche in forma assicurativa, per la perdita o il danneggiamento dei beni, concorrono a formare il reddito per l’intero ammontare nell’esercizio in cui sono state realizzate ovvero, se i beni sono stati posseduti per un periodo non inferiore a tre anni, a scelta del contribuente, in quote costanti nell’esercizio stesso e nei successivi ma non oltre il quarto”. Le svalutazioni, sia ai fini IRAP che ai fini IRES, non sono genericamente deducibili. Si avrà quindi, in tale caso, un disallineamento tra il valore civile e quello fiscale dell’immobilizzazione. Per ciò che riguarda l’IRAP, la svalutazione non dedotta si recupera ripartendo il valore IRAP del bene, ossia il valore contabile residuo al lordo della svalutazione fiscalmente non dedotta, sulla base della vita utile residua; di conseguenza, l’importo che rileva ai fini della determinazione del valore della produzione netta è rappresentato dalla somma tra 16 Giurisprudenza e consetudini tratte da www.misterfisco.it
Estratto dalla tesi: La disclosure sulle immobilizzazioni immateriali