Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'analisi del portiere di calcio moderno

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Luca Pozzoli Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 719 click dal 23/12/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Luca Pozzoli

Mostra/Nascondi contenuto.
7 avesse sviluppato un buon senso di equilibrio durante tutti questi continui e repentini spostamenti rischierebbe di sbilanciarsi e di perdere il contatto visivo con la palla compromettendo la sua capacità di intervento. Capacità di orientamento spazio-temporale: Questa capacità ci permette di organizzare i movimenti nella dimensione spazio-tempo, attraverso i dati afferenti dai recettori sensoriali valutiamo distanze e traiettorie. Spesso quando guardiamo una partita sentiamo pronunciare la frase “quel portiere ha un grande senso della posizione”. Questa frase viene detta in riferimento a quei portieri che, quando sono chiamati a compiere un intervento, si fanno già trovare sulla traiettoria del pallone, e quindi non hanno la necessità di impegnarsi in un tuffo per poterlo intercettare. Nel portiere moderno un elevato sviluppo di questa capacità, in combinazione con quella di anticipazione motoria, risulta indispensabile per essere tatticamente più intelligente. Essere posizionati al posto giusto consente al estremo difensore di prevenire un azione di attacco avversario o di intercettare un cross. Capacità di ritmizzazione: E’ la capacità di esprimere un ritmo nelle azioni motorie e ci consente di organizzare meglio un movimento nel tempo, determinandone la periodicità, l’intensità, la velocità, le pause e la durata. E’ importante a livello giovanile far sentire il ritmo degli appoggi, come ad esempio in parata o in un uscita alta. Capacità di reazione: E’ la capacità di eseguire azioni motorie il più velocemente possibile in risposta ad uno stimolo. Gli stimoli a cui il portiere deve reagire sono visivi (movimenti della palla, dei compagni, degli avversari), acustici (fischi dell’arbitro, comunicazioni verbali), cinestetici e tattili (contatto fisico con l’avversario, la palla, o il terreno), vestibolari (equilibrio). Capacità di trasformazione del movimento: E’ quella capacità che ci consente di modificare un’azione motoria nel corso del suo svolgimento in base al variare della situazione. La capacità di trasformazione dei movimenti dipende dalla precisione e dalla velocità con la quale il giocatore recepisce le variazioni della situazione, nonché dall’insieme delle esperienze acquisite. Quanto più è vasto il patrimonio di esperienze motorie, tanto maggiori sono le
Estratto dalla tesi: L'analisi del portiere di calcio moderno